AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 1 ottobre 2012

RICORRENZA SANTA TERESA DEL BAMBINO GESU'



Oggi è la ricorrenza di Santa Teresina del Bambino Gesù...ho pubblicato molto su di lei, nei giorni scorsi.  Per  tutti coloro che le sono devoti, auguro una pioggia di rose e ogni benedizione!
Diceva Santa Teresa di Gesu’ Bambino: “Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra. Farò scendere una pioggia di rose”.


Il 3 dicembre del 1925, Padre Putigan, gesuita, inizia una novena a Santa Teresa chiedendo una grazia importante. Per nove giorni recita la novena ringraziando la SS. Trinità per i favori e le grazie dimostrate a Teresina durante i 24 anni della sua vita sulla terra e per sapere se è esaudito, chiede un segno: di ricevere una rosa in dono quale garanzia di aver ottenuto la grazia.

Non fa parola con nessuno della novena e al terzo giorno, riceve la rosa richiesta: una persona sconosciuta cerca padre Putigan e gli presenta una rosa bellissima. Poco dopo ottiene la grazia che aveva chiesto.Padre Putigan comincia la seconda novena il 24 dicembre dello stesso anno e, come segno, domanda una rosa bianca.

Il 4° giorno di questa novena, una delle suore infermiere gli porta una rosa bianca dicendogli: “Santa Teresa Vi manda questa”Meravigliato, il prete chiede: “Dove l'ha presa?”“Ero in cappella” dice la suora, “E mentre me ne stavo andando, passai davanti all'altare sopra il quale è appesa una bella fotografia di Santa Teresa. Questa rosa cadde ai miei piedi, volli rimetterla a posto nel bouquet, ma mi venne un'ispirazione che dovevo portarla a Voi.”






2 commenti:

  1. Questi eventi delicati non sono sempre pie leggende: ho visto molte cose fuori dalla norma avvenire sotto i miei occhi. Guarigioni improvvise (per es. dalla scoliosi, con una parola di supplica durante la messa), profumi misteriosi e cose del genere. Chi l'ha vissuto deve parlare e non per farsi bello, ma semplicemente perché ci sono realtà meravigliose e parallele. L'amica incurvata oggi pomeriggio l'indomani mattina era dritta, si è sposata e ha avuto due figli. Dio mi commuove per l'ampiezza, la generosità, la signorilità e la semplicità quando il miracolo avviene.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, bisogna parlare dei miracoli di cui siamo testimoni, testimoniare la grandezza e la misericordia di nostro Signore. La nostra Santa Teresa del Bambino Gesù intercede per noi con il suo infinito amore, insegnamo agli altri a conoscerla, presentiamola e diffondiamo la novena delle rose. L'ho conosciuta per caso navigando sulla rete e mi ha cambiato letteralmente la vita, adesso la sento sempre vicina e la prego ogni giorno e ogni notte, a volte mi sveglio e mi accorgo di pregare anche in sogno. E poi è amata anche dal nostro amatissimo papa Francesco, io ho interpretato anche questo come un segno.

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi