AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 17 giugno 2019

PORTA DI SAN RANIERI NEL DUOMO DI PISA


Oggi Pisa è in festa per il suo Patrono S. Ranieri
17 giugno

Ciclo sulla Porta di S. Ranieri 
(Bonanno Pisano fine secolo XII)
 nel Duomo di Pisa

LA PORTA DI S. RANIERI
Portale medievale dove sanno
Bibbia ed ispirazione armonizzarsi.
Continuan a nutrire mente e core
quegli essenziali tratti dell’artista...


I PROFETI TRA LE PALME
Profeti, quanta fede vi sostenne
nel faticoso annuncio dei Voleri
divini, sol forieri di salvezza!


L’ANNUNCIAZIONE
Nessun annuncio mai pareggerà
quello della salvezza dei mortali!


LA VISITAZIONE 
Due Gestanti uniscono le voci,
magnificando il sommo Amor che salva!


L’ADORAZIONE DEI PASTORI
Accorron i pastori giubilanti
per riverir il nato Salvatore!


I MAGI
I santi Magi sanno quella stella
con tanta ostinazione assecondare!


LA PRESENTAZIONE AL TEMPIO
Momento assai gioioso, eppur l’increspa
la predizione d’una spada ostile...


LA FUGA IN EGITTO
Il Bimbo non comprende la partenza
brusca. Chi mai avrebbe immaginato
l’ira funesta di quel Re crudele?


LA STRAGE DEGLI INNOCENTI
La terra stessa scomparir vorrebbe
dinanzi a tanto spargimento insano...


LE TENTAZIONI NEL DESERTO
Il diavolo sa pur citar la Bibbia,
ma viene dalla stessa tacitato...


IL BATTESIMO NEL GIORDANO 
Cede Giovanni alfin versando l’acqua
sul capo del Maestro, che riceve
conferma di divina compiacenza...


LA TRASFIGURAZIONE
Gli apostoli divengon testimoni
della pienezza del fulgor eterno!


L’INGRESSO IN GERUSALEMME
Nessun conquistatore mai entrò
fra il giubilo sincero della gente:
Gerusalemme par toccare il cielo!


LA LAVANDA DEI PIEDI
Soltanto Pietro pare rifiutare
del Salvator l’umilissimo gesto...


L’ULTIMA CENA
Cenacolo, diventi testimone
di Cena che perenne rimarrà!


IL TRADIMENTO DI GIUDA
Bacio creduto segno dell’Amore,
adesso sai attuar il tradimento...


LA CROCIFISSIONE
Vergine, quanto pianger su quel Figlio
che solo per Amore s’immolò!


LA DISCESA AGLI INFERI
Gli inferi sono scossi da tremore:
vien l’Ospite che infrange i duri ceppi?


LE TRE MARIE AL SEPOLCRO 
Vennero trepidanti a quel sepolcro
per ripartirne tutte giubilanti:
l’Autore della Vita trionfò!


L’ASCENSIONE
Or il Maestro amato si congeda.
Lo Spirito Paraclito saprà
il pavido drappello rincuorar!


LA DORMIZIONE DELLA VERGINE
Vergine, dolcemente t’assopisci
e già l’amato Figlio ti trasporta
nel regno meritato della gloria!

(Ferrara 18-7-2015), Padre Nicola Galeno

martedì 11 giugno 2019

Antologia Brontëana VIII - Saggio FIGLIE COME TANTI SOLDATINI di Danila Oppio








E' arrivata oggi copia dell'antologia Brontëana VIII collegata al premio letterario omonimo e curata dalla Prof.ssa Maddalena De Leo, referente Sezione Italiana della Brontë Society. Edizione speciale dedicata al Rev. Patrick Brontë, genitore delle scrittrici Emily, Anne e Charlotte.  Contiene, tra racconti e saggi, un mio testo che presento qui sotto.






Figlie come tanti soldatini
( Ragionando sul Rev. Patrick Brontë)
  
Quando in una fredda mattina del febbraio 1820 il reverendo Patrick Brontë prese possesso della canonica di Haworth – paesino di Yorkshire vicino al confine con la Scozia – sapeva di non poter essere accolto favorevolmente da parte dei suoi futuri parrocchiani. Il suo predecessore aveva resistito solo poche settimane, incapace di tener testa a una comunità indisciplinata e aggressiva, e molti erano certi che il destino del nuovo curato non sarebbe stato diverso. Ma Patrick Brontë non era uomo da lasciarsi intimidire: alto, robusto, non si vergognava di usar le mani se lo riteneva necessario, e in tasca teneva una pistola sempre carica. Tutta la sua forma mentis era basata sul concetto di disciplina e non tollerava infrazioni. Ne erano consapevoli la moglie e i figli (cinque femmine e un maschio) nati in appena otto anni di matrimonio, e lo avrebbero appreso presto anche i suoi parrocchiani.
Patrick Bronte nacque a Emdale, Drumballyroney, nella contea di Down, era quindi irlandese. Primogenito di dieci figli, iniziò come apprendista presso l’officina di un fabbro, ma la sua predisposizione per l'istruzione - era principalmente autodidatta - gli permise di seguire corsi universitari. Questo fu un notevole risultato, in considerazione del fatto che suo padre Hugh Brunty fu un contadino di modesti mezzi finanziari.
Nell'ottobre del 1802, Patrick Brontë, venticinquenne, s’iscrisse al St John's College di Cambridge. Corresse l'ortografia del suo nome da Brunty a Bronte. Non si conosce il motivo per cui lo abbia fatto, potrebbe aver voluto nascondere le sue umili origini. Perché Bronte? Avrebbe avuto familiarità con il greco classico ed è possibile che abbia scelto il nome dal dio mitologico greco "Bronte" che si traduce in "tuono". Un'altra teoria è che nel 1799 il Re Ferdinando di Napoli concesse l'onore di duca di Bronte in Sicilia a Lord Nelson per combattere la marina francese. Si suppone che Patrick abbia preso il nome per ossequio a Lord Nelson.
 Il suo periodo di studi al college, anche se finanziariamente gravava sulle sue modeste entrate, ebbe successo, e come studioso si è dimostrato superiore all’altezza media degli studenti. Fu insignito del titolo di Bachelor of Arts nell’aprile del 1806.

Fu ordinato nella Chiesa Anglicana nel 1807. Il 29 dicembre 1812 Patrick 
Brontë sposò Maria Branwell alla Guiseley Church. Nel 1814 nacque Maria e nel 1815 Elisabetta. Nel 1815 fu nominato curato a Thornton a Bradford. Le sue tre figlie; Charlotte (1816), Emily (1818), Anne (1820) e il suo unico figlio Branwell (1817) sono nati tutti lì. Nel 1820 Patrick fu nominato curato perpetuo di Haworth. Nel gennaio del 1821 a sua moglie Maria fu diagnosticato un cancro e, dopo una dolorosa malattia, morì a Haworth il 15 settembre 1821. La sorella di Maria, Elizabeth, si trasferì da Penzance per dare una mano a Patrick nella cura della casa e nell’educazione dei figli. Il curato trovò piuttosto difficile la gestione di una famiglia e decise di iscrivere Maria, Elisabetta, Charlotte ed Emily alla Scuola delle Figlie del Clan a Cowan Bridge, al tempo recentemente aperta. Il duro regime e il cibo freddo e povero, gravarono pesantemente sulle bambine, per cui fu deciso di riportarle a casa, tuttavia Maria ed Elizabeth morirono poco dopo essere tornate a Haworth.
Nel 1847 Patrick fece una campagna per migliorare l'istruzione nel distretto e nel 1849 si attivò per rendere più agevole l'approvvigionamento idrico. Nel corso della sua vita si è potuto osservare un cambiamento nell'istruzione e nei servizi igienici inadeguati per la popolazione locale. Di questo suo impegno, gli abitanti del luogo gliene diedero merito.
Dopo diversi tentativi di cercare una nuova compagna, Patrick ha fatto i conti con la vedovanza all'età di quarantasette anni, e ha passato il tempo a visitare gli ammalati e i poveri, tenendo sermoni, distribuendo comunione e estrema unzione lasciando  le tre sorelle Emily, Charlotte, Anne e il loro fratello Branwell alle cure della zia e della camerieraTabitha Aykroyd (Tabby), che raccontava loro, instancabilmente, leggende locali nel suo dialetto dello Yorkshire.

Nell'agosto del 1846, Brontë si recò a Manchester accompagnato da Charlotte, per sottoporsi a un intervento chirurgico agli occhi per la rimozione delle cataratte. Il 28 agosto è stato operato, senza anestesia. I chirurghi non sapevano ancora come usare i punti per tenere insieme l'incisione nell'occhio e, di conseguenza, al paziente era stato chiesto di stendersi in silenzio in una stanza buia, per alcune settimane dopo l'operazione. Charlotte ha profittato del tempo trascorso a Manchester per iniziare a scrivere Jane Eyre, il libro che doveva renderla famosa.
Il 30 ottobre 1859 Patrick Bronte predicò il suo ultimo sermone dal pulpito di Haworth Church. Il 7 giugno 1861 morì all'età di ottantaquattro anni. Il 12 giugno fu sepolto nella tomba di famiglia nella chiesa di Haworth. Aveva vissuto e predicato nella sua parrocchia per quarantun anni, sopravvivendo a tutti i suoi figli.

Grazie alle sue caratteristiche il reverendo 
Brontë riuscì a governare Haworth a lungo, mentre alla sua tirannica potestà si sottrassero in fretta prima la moglie e quindi i figli, passando velocemente a miglior vita. Tuttavia tre delle ragazze Brontë riuscirono a trovare le energie per progettare e scrivere romanzi considerati tra i maggiori dell’Ottocento vittoriano: Cime tempestose di Emily, Agnes Grey di Anne e Jane Eyre di Charlotte. «Contrarie a esporci personalmente – confessò più tardi la stessa Charlotte – ci celammo sotto gli pseudonimi di Cutter, Ellis e Acton Bell. La nostra scelta fu dettata dallo scrupolo ad assumere nomi inequivocabilmente maschili, avevamo l’impressione che alle autrici si guardasse con pregiudizio. Avevamo notato che la critica usa per condannarle l’arma della personalità, e per lodarle una lusinga che non è un vero e proprio apprezzamento».

Tornando a Patrick, egli scrisse molte opere, che non ebbero molta popolarità. Tra queste, conosciamo The Phenomenon, Il fenomeno che era inteso quale ricompensa per i bambini che eccellevano nelle lezioni della Scuola Domenicale.
Fin dall'inizio della sua vita, Patrick aveva scritto e pubblicato una serie di poesie e sermoni, anche se nessuno ha mai ottenuto il consenso della critica. Attraverso queste pagine, Brontë propone una lezione dura e spietata su cosa e come i bambini dovrebbero leggere: 

“Se leggete solo le Scritture e altri buoni libri, le vostre anime saranno edificate e confortate; ma se leggete ogni trattato che è posto nelle vostre mani dall'astuzia o coll’intendimento di influenzare le persone, e cercate con impazienza di sfogliare tali trattati e libri che già sapete essere perversi, allora siate sicuri di essere corrotti e ingannati e il vostro talento per la lettura diventerà una fonte di peccato e miseria per voi stessi e gli altri”.

Questa visione moralistica ci colpisce in modo strano rispetto a quanto sappiamo delle esperienze di lettura dei suoi figli. Non solo leggevano liberamente, ma la loro giovinezza era composta da storie riccamente fantasiose, spesso oscure e violente. Infatti, come descritto da Christine Alexander nel Dizionario Oxford della National Biography:

A differenza della maggior parte delle famiglie appartenenti alla classe media vittoriana, c'era poca censura per la lettura nella parrocchia di Brontë. La Bibbia era un alimento base, eppure Patrick Brontë ha anche incoraggiato una dieta eclettica di Omero, Virgilio, Shakespeare, Bunyan, Milton, Papa, Johnson, Gibbon, Cowper, Burns, Wordsworth, Coleridge, Scott, Southey e Byron.

Si è resa necessaria la narrazione di una parte biografica del padre delle sorelle Brontë per meglio comprendere il tipo di educazione introdotto in casa loro. Paragonandola a quella dei giorni nostri, parrebbe duramente severa, ma non dobbiamo dimenticare che a quei tempi il capofamiglia aveva un ruolo forte e i figli dovevano obbedire ciecamente. In ogni caso, veniva da loro accettata come normalità, poiché non avevano un diverso parametro di confronto, tenuto conto della mentalità vittoriana che vigeva allora. Oserei dire che in fondo il Reverendo Patrick fu un padre attento alle esigenze culturali della famiglia e, proprio a causa delle sue origini modeste, desiderava offrire la massima istruzione ai suoi figli.

Da quanto mi è parso di apprendere dalla figura del Reverendo Patrick, egli possedeva una forte fibra, sia sotto l’aspetto fisico che caratteriale. La sua linea educativa condusse a un ottimo risultato, quello dell’allievo che supera il maestro, come accadde tra Cimabue e Giotto, così che le sue tre figlie scrittrici Charlotte, Emily e Anne hanno potuto mietere successi e riconoscimenti. Era stato esigente e duro con se stesso e così ha voluto esserlo con i suoi figli. Come non ringraziarlo per esser stato per loro un padre severo, questo sì, ma anche lungimirante?


Danila Oppio

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi