AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

mercoledì 23 agosto 2017

MILANO- ORTO BOTANICO DI BRERA

Vale sempre la pena passeggiare all'interno dell'Orto Botanico di Brera, e pazienza se le zanzare in questa torrida estate la fanno da padrone...pizzicando Padre Nicola Galeno OCD che, imperterrito, ha sopportato per scattare queste meravigliose foto floreali.












martedì 15 agosto 2017

ASSUNZIONE DI MARIA IN CIELO


ASSUNZIONE

Da quando sulla Croce l'affidasti
A me, tua Madre volle rimanere
Sempre con me, Signore. Non credevo
Fosse sì forte e pura la sua fede!
Sempre per me fu fiaccola e riparo!
Davvero non potevi Tu lasciarmi
Tesoro più prezioso sulla terra...

Ora che pure Lei s'è addormentata,
Come mi pare vuota questa casa!
L'ultimo sguardo suo era di Cielo!
Volli fissarne bene le pupille:
Parevan contemplare il suo Figliolo
Glorioso, che nei Cieli la chiamava!

Oh, la sua calda mano accarezzava
Ancora questo volto sconsolato,
Quando la sua giornata concludeva
Su questa terra! Il corpo profumato
Tutti riempì di gioia e di stupore...
Il funerale fu uno sposalizio!
Nel consegnare il corpo a quel sepolcro
Sentimmo che la roccia non poteva
Tenerla prigioniera della terra!
Il Figlio suo risorto la voleva
Accanto a sé nel Regno della gloria!
(Oita 16-8-93)
 PADRE NICOLA GALENO


mercoledì 9 agosto 2017

9 agosto 1942 RICORRENZA DELLA MORTE DI SANTA TERESA BENEDETTA DELLA CROCE

 Santa Edith Stein (in religione Teresa Benedetta della Croce; Breslavia, 12 ottobre 1891 – Auschwitz, 9 agosto 1942) è stata una monaca, filosofa e mistica tedesca

























sabato 5 agosto 2017

Il Cardinale Dionigi Tettamanzi è tornato al Padre

Il Cardinale Dionigi Tettamanzi è tornato al Padre.

E' morto stamani all'età di 83 anni, dopo una lunga malattia, il cardinale Dionigi TettamanziArcivescovo di Milano dal 2002 al 2011, il cardinale si è spento nella Villa Sacro Cuore, la 'Casa di spiritualità della Diocesi', a Triuggio, in Brianza, dove si era ritirato dopo la fine del mandato.
Tettamanzi è morto stamani a Villa Sacro Cuore, in Brianza, non lontano da Renate, il paese dove era nato il 14 marzo 1934. Accanto al cardinale c'erano i familiari e Marina, la storica assistente.
Ieri il cardinale Angelo Scola e il neo eletto arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, avevano diffuso una nota per spiegare che le condizioni di Tettamanzi si erano "particolarmente aggravate" e per invitare la comunità diocesana a pregare per lui.


Mi piace ricordarlo, nella foto qui sopra, insieme ad un altro nostro grande Cadinale, Carlo Maria Martini.
Entrambi li ho conosciuti, e ho stretto loro la mano, in alcune occasioni in cui sono venuti per visite pastorali alla Parrocchia di Santa Teresa del Bambino Gesù, a Legnano. Ma anche in altre circostanze. Carlo Maria Martini ha cresimato a Castellanza,  presso la parrocchia di S. Giulio, il mio figlio minore. 
Il Cardinale Tettamanzi ha celebrato una Messa per i medici, sempre presso la parrocchia del Frati Carmelitani e ho potuto parlare con lui, poiché ero presente in rappresentanza di mio suocero, che fu medico, e che da molti anni è deceduto. Inoltre ha celebrato una Messa solenne, per il 50° anniversario della fondazione della nostra Parrocchia. svoltosi nel 2014.
Il Cardinale ha officiato la Messa per il cinquantesimo di fondazione: proprio l'8 dicembre 1964, il Santuario veniva elevato per volere di Papa Paolo VI.
«Quando c'è una situazione di crisi, si è davanti ad una sfida con la necessità di una maggiore solidarietà verso gli altri. Bisogna essere disponibili verso il prossimo: per la risoluzione dei problemi ci sono sì le istituzioni, ma si giunge anche al punto in cui ognuno deve intervenire». Il cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, ha officiato la messa per il cinquantenario di fondazione della parrocchia di Santa Teresa del Bambin Gesù. Nell’Altomilanese la crisi ha colpito duramente e Tettamanzi con il Fondo Famiglia e Lavoro della Diocesi è stato tra coloro che con i fatti si è dato da fare. Ogni giorno alla parrocchia dei Frati carmelitani scalzi legnanesi si è saputo sempre rispondere con una solidarietà concreta ed efficace.
Ora la parrocchia compie 50 anni: proprio l’8 dicembre del 1964, il santuario di Santa Teresa del Bambin Gesù veniva elevato a parrocchia per volere di Papa Paolo VI, che già quando era stato arcivescovo di Milano aveva auspicato questo importante passaggio. «Per me - ha esordito nella sua omelia il cardinal Tettamanzi rivolto ai fedeli che hanno gremito la chiesa - è un grande piacere ritrovarmi qui per celebrare questo cinquantenario. Cinquant’anni sono ormai alle spalle e il pensiero corre a tante figure protagoniste di questa storia, come il novello beato Paolo VI che volle fortemente la costruzione di questa parrocchia anche quando salì al soglio pontificio, all’allora cardinal di Milano Giovanni Colombo che la consacrò, ai padri carmelitani scalzi che si sono succeduti, a tutta la comunità di fedeli». Quella di ieri non è stata solo un’occasione di ricordo di quanto avvenuto cinquant’anni fa e per festeggiare una ricorrenza importante per tutto il territorio legnanese. Il cardinale Dionigi Tettamanzi ha fatto appello anche alle energie e alla voglia dei fedeli di cambiare e di migliorare la parrocchia: «Questa deve essere anche l’occasione per mettere in atto un vero e proprio rinnovamento e un rilancio della comunità parrocchiale».
«Ogni parrocchia deve essere guidata secondo tre criteri - ha continuato il cardinale -: essere capaci di dedicarsi alla preghiera, sentirsi puri e immacolati, perché questo è il destino della vita terrena ed eterna cui dovere aspirare, ed essere pieni di grazia come Maria. Questo è il triplice augurio che formulo alle parrocchie perché essere cristiani non significa essere chiusi in se stessi e non guardarsi intorno, ma aperti a tutti gli altri. Significa vivere la propria fede in un modo non cristallizato, ma attraverso un atteggiamento in costante movimento verso coloro che incontriamo ogni giorno».
di Luca Di Falco
DURANTE LA VISITA PASTORALE AL DECANATO DI LEGNANO
Dalla lettera pastorale:
Della mia visita ricordo con gioia anche l'incontro con le consacrate, presenti in buon numero nel vostro Decanato, al Carmelo di Legnano. Le ringrazio per la preziosa testimonianza di preghiera e per il contributo che molte offrono nel campo educativo, nei settori della carità e dell'assistenza sanitaria. Vorrei esortarle ad essere ancora più partecipi della pastorale ordinaria delle parrocchie del Decanato. 
Nella speranza di aver fatto cosa gradita ai fedeli della Parrocchia di S. Teresa del Bambino Gesù e ai Carmelitani tutti, ho voluto racchiudere questo breve ricordo del Card. Tettamanzi in questo articolo.
Danila Oppio ocds

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi