AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

domenica 20 gennaio 2019

TERESA GARDI: Biografia e "I FIORETTI" A cura di Padre Nicola Galeno OCD


Biografia di
 TERESA GARDI ripresa dal sito Cattolico
 SANTI E BEATI









Ciclo su “I fioretti di Teresa Gardi” illustrati

(La Chiesa arcipretale di S. Lorenzo venne abbattuta agli inizi del 1800)



BATTESIMO
(Capo 1°, pagina 1)

Tre nomi ricevesti, ma dei tre
sovra Luigia e Baldassarre sempre
prevalse solo quello di Teresa!

E’ bello aprire gli occhi a questa luce
terrena, ricevendo nel contempo
la rigenerazione spirituale!


SANTA FRENESIA
(Capo 1°, pagina 2)

Nessuno sa capir la frenesia
santa che s’impossessa della bimba.
Non ha neppur sei anni e smania sempre
di fare un salto in Chiesa. Là si bea
di dialogar felice con l’Eterno!

Alfine si capì donde venisse
quel sì precoce assillo: lei godeva
di starsene rapita da quel Cristo,
che scelse l’eucaristica presenza:
per lui sapeva il core gorgheggiare!


IL MOSTRO
(Capo 1°, pagina 2)

Scendendo dalle scale cosa incontra?
Un mostro inverecondo. Sa sfuggirgli,
trovando alfin rifugio sovra il grembo
materno con un pianto assai dirotto.
Neppur la Mamma seppe farsi dire
le ragioni del suo sbigottimento.
Innato era l’orror per le sconcezze!


LA PRIMA VIA CRUCIS   89502
(Capo 1°, pagina 3)

Era soltanto novenne, ma sempre
al pianto lei sapeva abbandonarsi
quando la Via Crucis si faceva.
Troppi sembravan gli orrendi tormenti
cui venne sottoposto il Salvatore.
E questi volle un giorno comparirle
col volto insanguinato: stimolare
la seppe alle future sofferenze!


(Imola, Chiesa dei Servi: immagine rielaborata
L’ADDOLORATA
(Capo 1°, pagina 3)

Per ben tre volte volle la Beata
Vergine Addolorata a lei mostrarsi,
per confermar le tante sofferenze
che l’attendevan: doveva soltanto
farsi coraggio, perché l’assistenza
divina non sarebbe mai mancato…


INTIMO DESIDERIO
(Capo 1°, pagina 3)

Struggente ormai si fa nella bambina
decenne il desiderio di potersi
comunicar. Il saggio confessore
ne condivide la scelta, ma incontra
la netta opposizione della mamma.

Altro biennio d’attesa le impone.
Ma nel frattempo la bimba asseconda
quanto dal confessore consigliato:
nulla le vieta d’intensificare
le sante comunioni spirituali!


PRIMA COMUNIONE
(Capo 1°, pagina 4)

Muore la mamma. Or nulla le impedisce
alfin d’andar incontro al dolce Sposo:
l’attesa seppe solo incrementare
la brama! Le rivela il Salvatore
la mole del patire che l’attende.
Teresa tutto accetta di soffrire
nel corpo e nello spirito, volendo
in tutto il suo Signore compiacere!


CALAMITA
(Capo 1°, pagina 4)

Ormai la Chiesa par la calamita
unica di Teresa: lei nel core
avverte le ammirabili attrazioni
del santo Sacramento dell’Altare



(Imola, Chiesa di S. Lorenzo immagine rielaborata)
L’ADDOLORATA
(Capo 1°, pagina 5)

Aveva sedici anni quando un giorno
trovandosi in angustie spirituali
volle l’Addolorata supplicare
d’indicarle la strada più sicura
per meglio compiacer in tutto il Figlio.

La Vergine apparendole mostrò
le sette spade infitte nel suo petto.
“Vuoi abbracciare la vita del mondo
oppur veracemente a Lui servire?”.

Palese la risposta di Teresa.
La Vergine concluse: “Tu dovrai
viver a Lui conforme, disprezzare
ogni piacere mondano e portare
croci e travagli sempre sul suo esempio.

Consenti tu di far il sacrificio
totale della tua volontà
e della tua persona, diventando
una sposa di croci e di dolori?

Teresa si dichiara a ciò disposta,
purché dal Ciel le venga garantita
la necessaria efficace assistenza.
Nitida la promessa di Maria:
“Non posso questa figlia abbandonare!”.


(Imola, Chiesa del Carmine)
LA VOCE DI S. TERESA
(Capo 1°, pagina 6)

Come scordare quella Comunione
nella Chiesa del Carmine? Una voce
soave le sussurra: “Non lasciare
la Comunione, vincendo gli intralci,
che vengono frapposti dal demonio.
Tu devi sempre soltanto bramare
d’essere posseduta dal Signore!”.

Teresa sa risponder solo questo:
i suoi peccati meritan l’inferno,
non il possesso dell’eterno Bene!
Vuole il Signor dal mondo distaccarla:
la mette nella strada del patire
senza farle mancare l’assistenza
perché possa con merito soffrire.

Le vien predetto pure che il demonio
farà di tutto, pur d’allontanarla
dalla strada tracciata dal Signore.

Attonita la giovane domanda
chi fosse mai per farle un tal discorso.
E’ pronta la risposta. “Sono quella
Teresa di cui porti il nome santo
e dalla quale implori protezione.
Fa’ quanto detto senza dubitare!”.


QUANTI INSULTI!
(Capo 2°, pagina 16)

Imola, pure tu conoscer sai
meschini atteggiamenti di quartiere…

Una donna strattona la ragazza,
dicendole: “Non fare la fintona!
Davver inusitata questa voglia
di far la Comunione tutti i giorni.
Cerchi di far la santa inutilmente.
Sai solo le magagne tue celare.
Non tarderà divina punizione!”.

Ma tutto sa Teresa sopportare
in penitenza delle sue mancanze:
il divino voler sempre asseconda!


ACCANIMENTO
(Capo 2°, pagina 17)

Sa il demonio servirsi di vicine
di zona che invidiose dell’afflusso
di bimbi poverelli a quella scuola
davvero casalinga di Teresa
perché venissero tolti, facendo
a lei mancar quel misero guadagno
col quale manteneva la famiglia.

Non contente di ciò fecero pure
dal padrone di casa dar lo sfratto.
La povera Teresa fu costretta
a traslocar in Via Cappuccine
e dei quaranta alunni una decina
soltanto rimaneva all’insegnante!
Davvero sanno andar sempre a braccetto
la diabolica perfidia e quella umana…

LE SOLITE COMARI
(Capo 2°, pagina 17)

Neppure là vien meno la molestia,
che diventare sa persecuzione.
Volevan le comari che la sera
con loro conversasse per godere
il fresco sovra il prato della Rocca.

Teresa ben sapendo che null’altro
sapevan esse far che mormorare,
decisa rispondeva ch’era avvezza
la sera a ritirarsi nella stanza.

Allor cosa facevan le furbette?
La sera s’assiepavan nel cortile,
bussavan alla porta domandando:
“E’ forse ancora in estasi la santa?
Preghi per tutte queste peccatrici,
santa per modo di dir. Sei mangiona!”.


MORTE DELLE GALLINE
(Capo 2°, pagine 18)

Muoiono quasi tutte le galline
d’un inquilino. A chi dare la colpa?
Naturalmente a Teresa! E così
un giorno si presenta alla scuoletta
quell’energumeno: insulta Teresa;
gli scolaretti treman di paura!
Proibisce l’uso stesso del cortile
ai bambinetti, che sono costretti
pure nei giorni afosi a star rinchiusi.
Teresa allor ricorre alla Patrona
Santa Teresa, che sa rincuorarla
a tutto sopportar per il Signore.


PURIFICAZIONE
(Capo 2°, pagina 19)

Volendola purgare dai terreni
affetti perché fosse degna sposa,
il Signor consentì che del demonio
subisse tanti assalti prolungati.
Fu per oltre un triennio tormentata
giorno e notte. Apparivano dei mostri
orrendi che incutevano terrore.

Se Teresa cercava di creare
degno raccoglimento per pregare,
s’udivano non solo dei boati
assordanti; pareva che la casa
crollar dovesse da un momento all’altro
per via di violenti terremoti.
Risuonavano pur tante bestemmie.
Solo rifugio: tornar col pensiero
a tutte le più care devozioni
per contrastar l’assedio tumultuoso.


CHE FETORE!
(Capo 2°, pagina 20)

Essendo il diavol amico del tanfo
d’ogni peccato, colmava la stanza
di nauseante fetore, capace
di toglier il respiro e far morire…

Non furon poche le volte che venne
Teresa spinta a terra con degli urti
oppure addirittura dalle scale
scaraventata giù. La testa poi
sembrava si spaccasse pei dolori.
Era l’intero corpo di Teresa
messo in uno strettoio lancinante…

Pur quel tozzo di pan e sorso d’acqua,
unico nutrimento di Teresa,
venivano dal diavol trasformati
in un’orrenda ed amara vivanda…

Seppur vessata dalle tentazioni
d’impurità del grande seduttore,
seppe Teresa restar illibata!


IL DIVINO ABBANDONO
(Capo 2°, pagina 21)

Quello stesso Signor, che la voleva
inghirlandar di celesti favori,
permise che Teresa rimanesse
come dalla sua grazia abbandonata.

Giammai potrò scordare quel suo sfogo:
“Padre, mi sembra d’esser senza fede,
religione, speranza e protezione
non solo in Ciel, ma pur su questa terra.
Un tormento mortale sperimento…

Se ricorro al Signore, ributtare
da lui mi sento. Se provo a pregare
o compier buone azioni, che freddezza!
Pur accostandomi alla Comunione,
è come se sentissi rinfacciarmi
d’esser indegna di tanta presenza.

Se col pensiero salgo sul Calvario
per viver la Passione del Signore,
tutto mi pare tanto indifferente…

Pur parlando con lei di tutte quelle
celesti Verità, che un tempo sempre
sapevan avvampare questo cuore,
neppur minimamente vengo scossa…

O Padre mio, questo purgatorio
non ha parole per esser spiegato.
Non è che ancor si celi dentro l’alma
qualche peccato sfuggito ad entrambi?

Un tempo al sol pensiero del Signore
arder d’amore sentivo il mio cuore.
Nel far la Via Crucis ero avvinta
da gaudio celestial. Or son di ghiaccio!


SOSPIRANDO E BRAMANDO
(Capo 2°, pagina 22)

Pur oberata da tanti travagli,
Teresa mai lasciò la Comunione,
Via Crucis ed altre devozioni.

Con ansietà chiedeva al Confessore
di consentirle mortificazioni
e nuove penitenze per cercare
di placar quel Signor adirato,
che perdere di vista mai sapeva.

La sua disgrazia avrebbe lei voluto
piangere sempre, soltanto bramando
e sospirando il beato momento
in cui potesse trovar il Signore.


IL DEMONIO SCANZONATO
(Capo 2°, pagina 22)

Par divertirsi il demonio col dirle:
“Perché t’affliggi mai? Ancor non vedi
che fosti dal Signor abbandonata?
Non resta nessun filo di speranza.
Ti sfugge, disprezzando il tuo pregare!

Fa’ pur quello che vuoi: il tuo destino
è finir all’inferno ove potrai
lui bestemmiare per l’eternità!”.



IL DEMONIO SI TRAVESTE
(Capo 2°, pagina 23)

Quel giorno volle il diavol presentarsi
nelle sembianze d’Angelo fulgente.
L’invita a sceglier altro Confessore,
visto che quello attuale già da tempo
sa solo conservarla nell’inganno.
Il sistema di vita che le impone
non s’addice alla sua condizione.
Per questo l’ha il Signor abbandonata!

E’ sì sfacciato il demonio che spesso,
quando Teresa vuol comunicarsi,
le appare in una forma minacciosa,
brandendo quella spada che già sembra
trafiggerla se fa la Comunione.
Teresa non s’arrende ed ubbidendo
al Confessore sa comunicarsi.


CHE SMACCO PER IL DIAVOLO!
(Capo 2°, pagina 24)

Siamo al momento della Comunione.
Teresa già s’avvia come gli altri
ed ecco che il demonio astutamente
vuol persuaderla dell’indegnità.

Il prete s’avvicina già con l’Ostia.
Teresa si ritira e s’incammina
verso l’uscita. Il Signore vegliava
sulla sua serva: la fa ritrovare
inginocchiata sulla balaustrata.

Per non scandalizzare le persone
chiede perdono a Dio e poi si sa
comunicar con tanta devozione!


LO STRANO CONFESSORE
(Capo 2°, pagina 26)

Teresa si stupisce che all’inizio
di quella Via Crucis si avvicini
a lei il Confessor per sussurrarle:
“Lo sai? Dopo un esame molto attento
di tutte le visioni da te avute
debbo concluder che son illusioni,
effetto d’isterismo e più non devi
darti premura di far quanto detto.

Datti alla bella vita come sanno
far tante donne, prenditi gli svaghi
e certamente alfine guarirai!”.

Teresa invoca subito il Signore
e il finto Confessor (era il demonio!)
nel nulla sa svanire per incanto.


LA TREGUA SOSPIRATA
(Capo 2°, pagina 26)

Frate Francesco, serafico Padre,
a che si deve mai l’apparizione
a questa serva tanto tribolata?

“Ti devi, mia figliola, preparare
a pene ben maggiori del passato.
Perciò non farti prender dal terrore.
Ti volli rincuorare, garantendo
tutta la mia paterna protezione!”.


IL SIGNORE ADIRATO
(Capo 2°, pagina 27)

Vuole il Signor la purificazione
rendere più incisiva. A lei si mostra
apertamente adirato, additando
la Piaga del costato: “Tu purtroppo
non appartieni all’eletto drappello
di chi vi trova il riposo e la pace!”.

Si stava un giorno accostando all’altare
per far la comunione quando sente
voce inequivocabil. Il Signore
stesso le dice: “Vattene di qui!
Chi t’ha chiamato a questa sacra mensa?

E Teresa piangendo sa esclamare:
“Signore, vengo a voi perché all’infuori
di voi non troverò nessun riparo!”.

Pur altra volta sembra che il Signore
la voglia dall’altare allontanare…
“Mille ragioni avete per scacciarmi,
ma sono qui condotta solamente
dal mio Confessor, vostro Ministro!”.


PACE, MI SEI SFUGGITA!
(Capo 2°, pagine 27 e 28)

La consapevolezza, che mai più
potrebbe ritrovar il suo Signore,
diventa un’ossessione che le toglie
pure dormendo un attimo di pace.

Sul letto s’inginocchia a più riprese
e per mezz’ora piangendo ripete:
“Dunque non amerò più il sommo Iddio?
Davvero non sarà il mio solo bene?

Signore, quando un tempo mi trovavo
fra penosissime pene sapevi
almeno far la voce risuonare
e questa diveniva il mio conforto.
Non vedi che mi struggo per la brama
di ritrovarvi, mentre voi fuggite?”.

Tante le volte che venne tentata
d’uscir di casa da invisibil forza
per domandar ai passanti: “Sapete
dove si trovi il Signor indicarmi?
Lo cerco giorno e notte ed io languisco,
sentendomi morir per tanta brama!”.


LO STUPORE DEL CONFESSORE
(Capo 2°, pagina 28)

Mi meraviglio che siffatta donna,
priva di un’istruzione basilare,
che ancora non sa scriver e soltanto
libri di devozione leggicchiò,
del Cantico dei Cantici e Salmista
usare possa le stesse espressioni
per indicare tanto suo soffrire…
E’ segno che da lei sperimentati
furon gli stessi gradi d’orazione!


NEGLETTA E DISPREZZATA
(Capo 2°, pagina 29)

Pur dopo aver invocato il Signore,
la Vergin ed i Santi protettori,
Teresa ormai si sente abbandonata,
eppure non dispera e così prega:
“Voi, Dio, giustamente mi punite.
E’ l’abbandono tutta colpa mia.
Davvero mai mi seppi convertire
e so di meritare mille inferni.

Eppure lo sapete: sol confido
nei meriti del sì prezioso Sangue.
Date benigna occhiata all’infelice
stato di chi già muore di languore”.

Internamente il Signore risponde:
“Non hai considerato il mio patire
in croce nel vedermi abbandonato
dal mio celeste Padre, le amarezze
sofferte dal mio spirito lassù
col corpo da quei chiodi traforato?”.


(Imola, Oratorio di S. Maria delle Grazie: immagine rielaborata)
LA VOCE DEL SERAFICO PADRE
(Capo 2°, pagina 30)

Volle Teresa andar all’Osservanza,
venendo da Francesco consolata:
“Sappi, figliola, che al Signore sono
di sommo gradimento solo quanti
soffron tribolazioni sulla terra!”.


VISIONI
(Capo 3°, pagina 32)

Bastava che fissasse il suo pensiero
sulla santa Passione del Signore
perché una forza ignota la sapesse
fuori di sé trasportare: vedeva
davvero meglio ancora che con gli occhi
del corpo ogni momento del Calvario.

Queste visioni unite a esortazioni
sapevan aumentare nel suo cuore
la fiamma dell’Amore per lo Sposo
insieme a un’attrazione più sentita
verso il distacco dal mondo e in aggiunta
verso la pratica delle virtù.

Dopo mezz’ora Teresa tornava
nuovamente in se stessa, eppur restava
il corpo assai spossato ed un sudore
freddo lo inumidiva. Che importava?
Un’invidiabil pace il cor godeva!

(Milano 18-1-2019), Padre Nicola Galeno


BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi