AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

domenica 14 ottobre 2012

Le Universali Combinazioni Cosmiche Aliene


racconto di fantascienza



Maui mi osservava. Sentivo il suo sguardo scivolare sul mio corpo. Quegli occhi, enormi bottoni di luce gialla mi scrutavano ma, se lo guardavo, girava lo sguardo altrove, con aria annoiata.
 Arrivò dall’Oriente, con un lungo volo, insieme ai bagagli dei passeggeri. Non subì shock particolari, come se fosse normale per lui, dover affrontare un viaggio tanto scomodo. Forse era uso a trasferimenti molto più impegnativi?
Era un essere del tutto particolare: magnifico pelame grigio, schivo, non avvezzo a coccole o complimenti di sorta. Si ritirava in qualche angolo nascosto della casa, spesso occorrevano tempi lunghissimi per trovarlo, come svanito nel nulla, quasi invisibile. Indipendente, indifferente, indisponente.
Gli esseri umani ci inondano di parole, talora colme di cultura, più sovente, sproloqui, pur di aprire la bocca e far uscire aria fritta. Maui invece taceva. Mi piacevano quei suoi silenzi, e i suoi sguardi obliqui.  Pare volesse osservarci, soppesarci, come cavie da studiare, o animali da cui prendere le debite distanze.  Maui si limitava a guardarci con condiscendenza, e osservare di soppiatto tutto ciò che noi esseri umani facevamo, pronto a prenderne buona nota. Un giudice inflessibile di uomini-marionette, che si agitano rincorrendo chissà quale misterioso futuro.
Fu così che una sera m’inviò questo messaggio criptico: “gli umani sono tanto presuntuosi da immaginare gli alieni simili a loro, anche se in forme distorte, pur se da millenni mandiamo chiari segnali, ma loro non li intendono”. I suoi occhi divennero enormi ruote di fuoco e, come potenti reattori, portarono Maui fuori dalla finestra. Tutto ciò che vidi, fu puntino un luminoso nella notte.
Sognai? Ciò che è certo, fu che al mio risveglio il mattino successivo, Maui era definitivamente scomparso.

Danila Oppio 

2 commenti:

  1. Tu pensi che gli umani gli avessero fatto tanto schifo? È un racconto davvero carino, con finale a sorpresa: talora penso anch'io che me ne andrei volentieri da questo postaccio su qualsiasi astronave o che so io, poi i miei gattini mi chiamano da dietro la finestra del bagno, dove si sono fatti il letto in due scatoli di cartone sulla legnaia di mio cognato, a portata di pappa, acqua e coccole della padrona. E mi riappacifico. Questi non si nascondono e fanno molte fusa. Qualche amicizia sincera si salva dall'ammasso, un po' di fede c'è pure in questo anno della fede, l'astronave può aspettare.

    RispondiElimina
  2. Bellissimo commento, Mimma!! Ti dico di questo racconto, che disegna il profilo del gatto persiano che mio figlio ha portato dall'Indonesia, dove insegnava inglese per il British Council. Ho descritto il carattere schivo di Maui. Difficilmente si fa coccolare, tanto meno viene a rannicchiarsi in braccio. Ed io adoro i gatti che lo fanno! Ma lui è timoroso, diffidente, esattamente come l'ho descritto. Mi avevano chiesto di partecipare ad un concorso con un brevissimo racconto surreale o fantascientifico. Non ho mai scritto di queste cose, ma Maui mi ha ispirato...come fosse un alieno che è venuto sulla Terra a spiare questi uomini che ancora non hanno capito di vivere in Pace!! Come fa lui che dà l'esempio con la sua tranquilla presenza. Ieri ho saputo che il mio racconto ha vinto un bel nagutin d'or (ovvero un bel niente d'oro) e così mi sono sentita libera di pubblicarlo sul blog, non essendo più vincolato al concorso.
    Un abbraccio formato Paradiso!!!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi