AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 26 febbraio 2018

MUSEO DEGLI ACQUASANTINI NELLA CHIESA DI S. ROCCO A LIVERA DI PETTINENGO


Ciclo sul Museo degli Acquasantini nella Chiesa di S. Rocco a Livera di Pettinengo (BI)

per ulteriori dettagli si prega di consultare i seguenti siti:


(Immagine rielaborata)

LA FACCIATA
Chiesetta di San Rocco, ami gli slanci:
vorresti proiettarti verso i monti
oppure verso il cielo sospirato...


LA DIDASCALIA


IL TABELLONE DEL MUSEO


MEDAGLIONE CONFRARIALE DEL SUFFRAGIO
Oltre tre secoli e mezzo vantate,
umili effigi d’un Gruppo che volle
l’anima dei defunti suffragare
nella speranza di pronta immissione
nel regno della Luce sconfinata!


MADONNA COL BAMBINO 
Par di tornare a Nazaret col Bimbo,
che trova tanto bella la casetta
pregna della presenza della Mamma!


S. GIUSEPPE COL BAMBINO
Il Bimbo, carezzando quella barba
fluente di Giuseppe, pare dirgli:
“Lo sai che un dì potrò sfoggiarla anch’io?”.


LA GROTTA DI LOURDES
Inconsapevolmente mi ritrovo
a fianco di quell’umil Bernardetta,
affascinata dalla Vergin santa...


L’APPARIZIONE A LA SALETTE 
Vergine, prediligi l’umiltà,
la stessa che tu vedi nei fanciulli
ai quali poi confidi i tuoi segreti...


MADONNA COL BAMBINO
Non v’è miglior giaciglio della spalla
materna per il Bimbo, che felice
a sogni deliziosi s’abbandona!


MADONNA COL BAMBINO
In braccio a questa Mamma il Pargoletto
andrebbe in capo al mondo: sol gli basta
sentire il ticchettio del suo Cor!


ANGELO CUSTODE 
Ignaro dei pericoli quel bimbo
volle assopirsi. Certo confidava
nelle premure del Messo celeste!


MADONNA COL BAMBINO
Mi pare d’avvertire un mormorio:
“Mamma, chissà se un giorno ci faranno
gli originali colori gustare?”.


ECCE HOMO
Dolce Signor, ancora più straziante
diventa il tuo sembiante per l’incuria
dei secoli che tutto sa scalfire...


LA CROCE SANTA
Davvero, Croce Santa, sai fiorire
mirabilmente, quando pur soffrendo
il core palpitar sa col Signore!


LA CROCE SANTA 
Croce, diventi sempre il mio vessillo
quando mi so nel Cristo radicare!


IL BATTESIMO NEL GIORDANO 
Quando mi segno la fronte ripenso
all’acqua che versata sovra il capo
mi meritò l’adozione divina!


ADDOLORATA
Vergine, fammi terger il tuo pianto.
Ti vuole questo core far scordare
l’assurda ingratitudine di tanti...


ANGELO
Angelo, tu riveli una possanza
davvero celestiale nel recare
tanta abbondanza di grazie divine!


DUE ANGIOLETTI
Giammai si stancherebbe questo core
di stare in sì piacevol compagnia,
un’aria celestiale respirando!


ANGELO
Angelo, non ti stanchi d’aspettare
la mano riverente che si segni
la fronte con quel gesto trinitario...


ANGELO CUSTODE
Il bimbo fa tesoro dei consigli
ricolmi di saggezza che gli vengon
dal Messo celestiale suggeriti...


IL CRISTO PORTACROCE
Signore, dimezziamo quel gran peso?
Non è robusta questa mia spalla,
eppur il tuo dolore può lenire!


IL CRISTO PORTACROCE
Dolce Maestro, cerchi con lo sguardo
un core palpitante che ti voglia
dare il cambio portando quella Croce...


Per continuare la visione e lettura del ciclo completo, cliccate su "continua a leggere"

sabato 24 febbraio 2018

VIA CRUCIS di BORRIANA (BI)


Ciclo sulla Via Crucis di Borriana (BI)


LA CONDANNA
Pilato, non t’illudere: non può
l’acqua lavar la somma tua incoscienza.
Graziasti un reo e il Giusto condannasti!


CARICATO DELLA CROCE
Senza saperlo, Croce, divenisti
trofeo di vittoria sul peccato
da quando il Salvator vi si adagiò...


PRIMA CADUTA
Non v’è cortese mano che quel peso
immane ti sollevi... Par godere
quella marmaglia vedendo il tuo crollo!


INCONTRA LA MADRE
Perché ti vien negato un caldo abbraccio
a quel Figliolo tanto martoriato,
Vergine nel profondo addolorata?


IL CIRENEO 
Ora ti senti soltanto un forzato
perché straniero... Un giorno tu godrai,
avendo il Salvatore alleggerito!


LA VERONICA
Maestro, non volesti mai ritratti
ed or lo stesso Sangue sa lasciare
tracce indelebili del tuo sembiante!


SECONDA CADUTA
Somma l’insensatezza del soldato,
che ti percuote mentre tu stramazzi...
L’umanità fuggì da questa terra!


INCONTRA LE PIE DONNE 
Il pianto delle donne si ritorce
su loro stesse... Fosco l’avvenire
che tutta la Nazione prostrerà!


TERZA CADUTA
Questa caduta pare prospettare
la fine anticipata del reietto...
Per questo qualche mano lo solleva!


SPOGLIATO DELLE VESTI
Vorrebbero la tunica squarciare.
Poi ci ripensan e tirano a sorte
il frutto d’una mano sì materna...


INCHIODATO ALLA CROCE
Pare un divertimento il conficcare
quei chiodi nelle carni del Maestro...
Si sente trapassar il cor materno!


MORTE IN CROCE
Soltanto tu dall’alto della Croce
potevi ai tuoi carnefici implorare
un divino perdono dall’Eterno!


DEPOSIZIONE
Vergine, la tua fronte sovra quella
del Figlio sa silente convogliare
i più profondi palpiti d’Amore!


SEPOLTURA
Dimora del sepolcro, troppo fredda
per questo dolce Figlio... Riscaldarlo
saprà mirabilmente il cor materno!

(Milano 23-2-2018), Padre Nicola Galeno



mercoledì 21 febbraio 2018

Ciclo pittorico su MASSERANO (BI)


Ciclo pittorico su Masserano (BI)
Per ulteriore documentazione si prega di consultare direttamente il sito a questo link:




LA CHIESA DI S. TEONESTO
Chiesetta, sembri quasi una fortezza
da tempo abbandonata... Tu vorresti
tornar ad esser fulgido avamposto
di Fede nella queta Masserano!


 IL GALLO STORTO
Una mattina quel chicchirichì
parve andar storto al gallo mattiniero,
che nel guardarsi allo specchio scoprì
d’essere diventato... sinistrorso!


INVITANTE 
Vien voglia di scoprir cosa si celi
nel portico e m’addentro speranzoso:
m’attraggon i profumi del passato!


CHIESETTA
Chiesetta, cenerentola negletta...
Eppure sei convinta che un bel giorno
ti scoprirà qualche Principe Azzurro...


LA PALAZZINA SIGNORILE
Mi lascio affascinar da finestrelle,
che sanno dar un piglio signorile
a quanto tanto anonimo sarebbe...


CASETTA SPENSIERATA
Quell’orlo sì sgargiante sa donare
un’aria spensierata all’edificio,
facendolo di colpo risaltare.


PORTICO
Ci sono certi portici invitanti
ad una chiacchierata distensiva,
aliena dagli inutili clamori...


PALAZZO NOBILIARE
Conto le finestrelle del palazzo,
che paion delle bifore gentili
a mo’ d’occhietti sempre curiosetti...


PORTICO
Quanto vorrei poter col mandolino
fare una serenata che di stucco
lasci la damigella riservata...


PALAZZO
Mi paion invadenti le vetture
e sogno allora le antiche carrozze
coi lor destrieri spesso scalpitanti...


LA FACCIATA DELL’ANNUNZIATA
Facciata dal color primaverile,
inviti ad una sosta riverente
che sappia sempre l’alma ritemprare...


FONTANA
Fontana, tu sai sempre rinfrescare
l’arido core di questi moderni...


LA CHIESA DI S. TEONESTO
Chiesetta francescana, ti saluto
con l’unico rimpianto: non averti
potuto decantar liricamente!

(Ponderano 20-2-2018), Padre Nicola Galeno


BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi