AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

mercoledì 28 novembre 2012

UNA SERA DI DICEMBRE

Racconto di Natale di Bino Sanminiatelli



Una sera di fine dicembre. La nebbia sale dalla valle e si confonde col fumo lento delle case
E' una lentezza pacata che si distende sulle fatiche ultimate degli uomini; è una carezza un premio. 

Cominciano le veglie nelle case, che sono tutte una lunga veglia di Natale. 

La natura è spenta e la terra svapora in un elemento confuso e primitivo.

I suoni sono spogliati e si perdono in un'aria vuota dove sembrano morire. 

S'odono voci di bimbi, versi di tacchini (i lieti animali del Ceppo), campane che si sciolgono una dopo l'altra, come lo snodarsi d'una catena sonora. 
Ma tutti i suoni sono esteriori: ché nulla viene dalla terra, ormai ridotta a un'ombra vagante. La crosta della terra è sterile, l'erba invetrita, l'acqua ghiacciata. 
E il cielo è lontano e distaccato. 
Nulla più geme, dubita, lotta, sospira. E' la stagione delle fredde certezze.
C'è una netta divisione: la casa e fuori. La casa è la vita; tutta la vita presente, tutti i germi della vita futura si sono raccolti in casa. 
Le pine e la legna nel caminetto prendono importanza, sembrano le uniche pine e le uniche legna rimaste al mondo, e servono a mantenere nella casa la vita. 
Chi le avrebbe notate le pine perdute tra i cespugli del bosco prima che le raccattassero i ragazzi e le mettessero in un corbello per portarle a casa col vischio e il pungitopo? E quegli enormi tronchi di legno dove il fuoco scava archi e volte e gallerie a spirale, non erano che ramoscelli secchi
d'una pianta perduta fra molte altre. E quelle provviste di mele e di castagne, di conserve e di farine (considerate un giorno miseri raccolti) ora riempiono la casa d'opulenza e di conforto.
Fuori, tutto è diventato a un tratto lontano, freddo. 
Da questo contrasto fra l'umana intimità della casa e la solenne purezza d'una notte in cui tutto ciò che è piccola e confusa voce terrestre è rimasto fulminato e ammutolito dall'ordine assoluto, è nata e venuta a noi la poesia del Presepio. Dentro, l'alito caldo d'un bue, fuori, freddezza di stelle e mistici canti celesti.




Ho avuto il piacere di conoscere il Conte Bino Sanminiatelli, di sfuggiata, quando ero poco più che bambina, poiché mia zia Maria è stata l'istitutrice delle sue nipotine. Feci visita alla zia, nella casa della figlia del conte Bino, a Milano, ed in quell'occasione vidi le bellissime nipotine, tra cui Elena Alessandra, e lo stesso Bino Sanminiatelli.

Bino Sanminiatelli (Firenze, 1896 - Greve in Chianti, 1984) è stato un produttore di vini "prestato", come diceva lui, "alla letteratura". Le sue opere sono impregnate di un forte lirismo autobiografico e molto legate alla sua terra, la Toscana, dalla quale si è staccato raramente per compiere alcuni viaggi, le cui note sono confluite nei suoi pregevolissimi diari e in alcuni saggi, dove ha dato prova di un raro rigore documentario. Fu anche noto per la sua attività di disegnatore.
Tra le belle tenute e ville nel Chianti, si è sempre particolarmente distinta quella di Vignamaggio, sulla strada comunale da Greve in Chianti su verso Lamole. E' una delle più belle classiche ville rinascimentali costruite in Toscana, in stile semplice ed estremamente raffinato alle stesso tempo, di proporzioni perfette e di grandissimo equilibrio architettonico. C'è un bel parco, di non grandi dimensioni, ma folto ed ombroso, ai quali si aggiungono dei bei prati all'inglese ed un giardino all'italiana.
Vignamaggio fu costruita dalla famiglia Gherardini, alla quale apparteneva la famosa "Monna Lisa" del quadro di Leonardo da Vinci oggi al Louvre di Parigi. Questa signora vi abitò anche per qualche tempo! Dopo i Gherardini la villa fu proprietà di diverse illustri famiglie toscane, fino a che divenne proprietà, e tale rimase fino a qualche tempo fa, della famiglia dei Conti Sanminiatelli, che ne fecero la loro residenza: fu acquistata dalla consorte del celebre scrittore Bino Sanminiatelli, la Principessa Elena di Castelbarco Albani (gli Albani ebbero un Papa nel XVIII secolo, Clemente XI). Bino ed Elena Sanminiatelli fecero della villa di Vignamaggio per molti anni una delle residenze più note, ospitali ed eleganti, ad altissimo livello culturale, sociale e mondano. Vi hanno ricevuto Sovrani e Principi Reali di diverse nazionalità, personaggi illustri nella letteratura e in tutte le arti, nella cultura nazionale ed internazionale; uomini politici di ogni Paese e colore. Questa celebrità e la grande bellezza di Vignamaggio indussero Kenneth Branagh a scegliere questa villa per girarvi tutto il suo celebre film tratto da Shakespeare "Much Ado About Nothing" (Molto Rumore Per Nulla) che ebbe un grande successo internazionale. Negli anni '80 la famiglia si trasferisce a Il Luco. 

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi