AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 14 febbraio 2012

UN PO' DI POESIA!

Clicca per vedere la fotoAngela Fabbri non vuol essere chiamata poeta, lei è uno scrittore. Ma io le ho messo in testa l'alloro del vate, e guai a lei se lo toglie! Infatti ci  sta prendendo bonariamente in giro, poiché nel 2009 ha pubblicato un calendario di poesie e, se nell'universo nel frattempo non è cambiato qualcosa, mi risulta che in un anno ci siano 12 mesi...sul suo calendario, quindi, 12 poesie!
Ma non sono le sole....oggi ne ho pescata una, che mi ha particolarmente colpito per la grande verità che è in essa contenuta. Grazie Angela, per avermi dato l'autorizzazione a pubblicarla.

Bosco, sottobosco e tagliabosco

Camminare sulla riva di un fiume,
fra i rami tagliati di fresco
e i ceppi rimasti aggrappati alla terra.
Di lontano qualche albero secco
stende le sue braccia sull'acqua
e nell'entroterra è rimasto
un bosco addormentato.
Non più rami e germogli
sarà presto negata
l'antica promessa di perpetuità.
Gli alberi dormono.
Il tagliaboschi si è fermato:
oggi è giorno di festa,
NON TAGLIERÀ.
Clicca per vedere la foto
Solo per questo sono inviolati.
E c'è l'acqua grigia che scorre
e lontano si fonde col cielo
e continua.
C'è una foresta di alberi nuovi
tutti piantati in fila, regolari,
che mi danno la nausea dell'uomo.
E in terra uri infinito tappeto di foglie.
Gli uccelli non cantano:
e se cantassero?
le loro voci non sono volte
nemmeno a sé stessi.
COME QUESTI MIEI PENSIERI
sono volti a nessuno.
Clicca per vedere la foto

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi