AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

venerdì 17 febbraio 2012

ITALIANI TUTTI NETTA CESSI?

Italiani tutti netta cessi? Oliviero Toscani meglio che badi alla sua fattoria, glielo chiedo in rima…di Danila Oppio

Alcuni giorni fa ho ascoltato in TV un’intervista rilasciata dal noto fotografo Oliviero Toscani. L’argomento trattava delle pensioni, e pur avendo compreso quanto voleva esprimere con le sue affermazioni, credo che abbia esagerato. Sostiene che chi svolge un’attività – come la sua – che piace, non dovrebbe aver diritto alla pensione.  Alla domanda dell’intervistatrice, che gli chiedeva se almeno gli altri ne possono aver diritto, ha risposto che sì, ovvio che chi netta i cessi per tutta la vita, poveretto, almeno la pensione se l’è guadagnata.

Una domanda, signor Oliviero Toscani che guadagna fior di soldoni con la sua attività, ma lo sa che esistono anche le vie di mezzo? Secondo lei, gli italiani  sono tutti apprezzati fotografi, oppure nettano cessi?
Chi non ha compreso la sua battuta, peraltro poco lusinghiera, si riterrà profondamente offeso, e a giusta ragione. Per questo, mi sono permessa di scriverle un libello, sa, quelle pasquinate che tanto piacevano ai romani. Lei ha fatto della satira? Le rispondo in rima!
 VORREI RISPONDERE
 AD OLIVIERO TOSCANI
A QUELLA SUA DICHIARAZIONE,
A PROPOSITO DELLA PENSIONE
DEI POVERI ITALIANI.
“IO LAVORO PER DIVERTIMENTO
E DELLA  PENSIONE
NON NE VOGLIO TRAR GIOVAMENTO
E’ GIUSTO CHE VENGANO CONCESSI
A QUEI LAVORATORI, POVERETTI
CHE PER TUTTA LA LORO VITA
HANNO LAVATO I CESSI.”
SFIDO IO, CARO TOSCANI
LEI NON CONDUCE CERTO
UNA VITA DA CANI
CON I SUOI GROSSI EMOLUMENTI
PUO’ GRIDARE AI QUATTRO VENTI
TUTTE LE INSULSAGGINI DEL MONDO
HA PINGUI CONTI CORRENTI
UNA  GRANDE FATTORIA IN TOSCANA
DOVE ALLEVA I SUOI ARMENTI
UNA  DIVERTENTE PROFESSIONE
CHE SE NE FA DELLA PENSIONE?
MA IL RESTO DEGLI ITALIANI
CHE PER ANNI HAN FATICATO
SENZA RIUSCIRE A RISPARMIARE
NEANCHE UN SOLDO BUCATO
ADESSO NON POSSONO  NEPPUR SPERARE
QUEI QUATTRO SOLDI DI PENSIONE?
MA CARO MIO,  FACILE PARLARE
SENZA SAPERE, SENZA RAGIONARE.
SI FACCIA  UNA BELLA CALVALCATA
NEI PASCOLI DELLA SUA FATTORIA
E SPERO CHE LA SUA BOUTADE
VENGA PRESTO DIMENTICATA!
E PER FAVORE,  ASCOLTI  VADA VIA!!

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi