AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 13 febbraio 2012

UN PENSIERO SPECIALE

 
Chi non conosce il sollievo che si sperimenta quando la straordinaria luce del "dover aiutare", del "dover costruire" illumina la propria notte del "dover distruggere", non sa quanto possa essere ricca la vita …”
 

Ringrazio Stefania De Bonis, che con tanta fraterna amicizia mi ha inviato questa meravigliosa perla di Albert Schweitzer
Mi pare necessario aggiungere uno stralcio biografico del grande Schweitzer!

Albert Schweitzer nasce il 14 gennaio 1875 a Kaysersberg, nell’Alta Alsazia (allora territorio tedesco), figlio di un pastore protestante.
Si dimostra sin da bambino un ragazzo timido, sensibile e portato all’introspezione; scriverà in proposito, nelle sue memorie:
“Ricordo di aver sempre sofferto a causa della grande miseria che vedevo nel mondo.
Non ho mai conosciuto la gioia di vivere spontanea, propria della fanciullezza, e penso che molti bambini si sentano così, anche se spesso, visti dall’esterno, sembrano completamente felici e senza preoccupazioni.
Ciò che mi faceva più soffrire era vedere dei poveri animali costretti a sopportare così tanto dolore e tante privazioni. La vista di un cavallo vecchio e zoppicante, trascinato da un uomo mentre un altro lo colpiva con un bastone mentre veniva portato al mattatoio di Colmar, mi perseguitò per settimane”.
Il padre, Ludwig Schweitzer, durante l’infanzia di Albert, esercita il proprio ministero nel villaggio di Gunsbach. Il destino ha voluto che ancora oggi, come allora, in questa chiesa si celebrino due culti, cattolico e protestante, in lingua francese e tedesca.
Questo alternarsi ad orari regolari, di differenti confessioni religiose nella più totale armonia, spingerà Albert nelle sue future riflessioni e rimembranze a dire:
“Da questa chiesa aperta ai due culti ho ricavato un alto insegnamento per la vita: la conciliazione”, aggiungerà in seguito che, “Le differenze tra le Chiese sono destinate a scomparire. Già da bambino mi sembrava bello che nel nostro paese cattolici e protestanti celebrassero le loro feste nello stesso tempio”.

Vorrei  poter pubblicare tutta la biografia dell'illustre medico e umanista, ma credo che questa introduzione sia sufficientemente atta ad illustrare il mio pensiero al riguardo. Una chiesa aperta ai due culti, cattolico e protestante, celebrata in due lingue diverse, è dimostrazione di universalità, di condivisione assoluta.  Grazie Albert per quanto hai donato all'umanità!

2 commenti:

  1. E io mi chiedo: se l'ha fatto il padre di Albert Schweitzer tanti e tanti anni fa perchè non può succedere ancora? Mia madre era cattolica, mio padre protestante, eppure hanno costruito una famiglia. E soprattutto, noi figli,ci hanno reso 'uomini liberi', con tutta la responsabilità, naturalmente, che questo comporta. Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con te! E' stata per me una grande sorpresa, apprendere di questo luogo sacro, condiviso fraternamente tra due "culture" diverse! Già dal tronco si intuiscono le foglie! La grande intelligenza di Ludwig ha costruito degno figlio Albert! Peccato che ci siano ancora tanti preconcetti da smantellare!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi