AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

giovedì 21 marzo 2013

Quel giorno di Maristella Angeli



Un tappeto di soffice lana. Stavo sognando? Guardai meglio, ma gli occhi faticavano ad aprirsi in quel gelido mattino. Uno strato di neve ricopriva le strade e fiocchi leggeri e candidi continuavano a scendere velocemente, ondeggiando, fino a formare dei piccoli vortici che risalivano in alto.
Guardai la sveglia. Ore 6.00. Dovevo armarmi di una buona dose di coraggio e prepararmi in fretta per arrivare a scuola. Cinquanta chilometri! Tutti pieni di neve e, probabilmente, di ghiaccio! Rabbrividii all’idea. Dopo essermi riscaldata con un cappuccino e un po’ di crackers, mi imbacuccai ben bene con sciarpa, cappello e guanti irlandesi. Presi anche il necessario per togliere la neve, che sicuramente seppelliva la mia auto, e sbrinare il parabrezza.
Uscii quasi correndo, incespicando e scivolando più di una volta, come da cliché, e raggiunsi la mia auto. Era una gloriosa FIAT 127, vecchiotta ma gagliarda. Mi accinsi quindi a liberarla dalla coltre che la ricopriva. Ripulii alla meglio vetro e specchietti, non senza difficoltà e, alla fine, rimirai soddisfatta il mio lavoro.
Il traffico andava aumentando e cercai di sbrigarmi. Avevo un’altra prova da affrontare. A quei tempi abitavo vicino alla stazione ferroviaria e, uscita di casa, mi aspettava una salitella assai ripida e quella mattina era ghiacciata da far paura. Ma avevo gli pneumatici da neve ed ero ben attrezzata. D’altra parte dovevo spesso raggiungere sedi di montagna per insegnare. La famosa gavetta. Eh sì, ma un po’ troppo lunga! Ben sedici anni di lezioni a spezzoni orari in più scuole! Insegnavo Educazione Fisica; già, quella che ora hanno deciso di chiamare Scienze Motorie e che i ragazzi continuano a chiamare Ginnastica.
Ero presa dai miei pensieri e, mentre scaldavo il motore a bordo della mia autovettura, fui sorpresa da un insolito rumore. Qualcuno bussava al finestrino. Veniva giù talmente tanta neve che quel che vidi mi sembrò un’apparizione. C’era un uomo, elegante, vestito di un completo sportivo blu sotto il cappotto pesante, che tentava di dirmi qualcosa. Abbassai il finestrino.«Mi scusi, ma dove sta andando?» «Come dove sto andando? Al lavoro!» risposi un po’ seccata. Lo guardai meglio. Doveva avere ventisette anni, più o meno, occhi azzurri, capelli biondo scuro e un sorriso molto dolce. Ma guarda tu che pezzo di ragazzo. Che bonazzo ti vado a incontrare in una giornata come questa! Pensai tra me e me. «Senta!» continuò il tale. «Torni a casa! È troppo pericoloso! Torni a casa, mi dia retta!» La sua voce mi arrivava come una eco di montagna. Sembrava dipinta d’oro e dal dolce sentore di vaniglia. Rimasi imbambolata da quel suono che evocava qualcosa di ancestrale e mi trasportava in una diversa dimensione. Quei brevi momenti sembrarono lunghi un’eternità e, in quel tempo sospeso, vidi chiaramente ciò che sarebbe accaduto dopo. Una visione apocalittica: un gravissimo incidente stradale che coinvolgeva un pullman e due auto. Sangue ovunque, grida e sirene. Tante sirene. Guardai all’interno delle vetture danneggiate e cercai di soccorrere quei poveracci. A un tratto, però, mi voltai e... vidi me stessa a bordo della mia 127! “Scontro frontale. Niente da fare per la conducente” stavano dicendo i soccorritori. “Hanno cercato di salvarla in ogni modo ma non ce l’ha fatta. Morta sul colpo.” Un brivido mi corse lungo la schiena. Tornai alla realtà. Ero lì, nella mia auto con gli occhi sbarrati persi nel vuoto. Afferrai allora il volante tenendolo ben stretto e, chiusi gli occhi, cercai di convincermi che era solo una visione. Sì, forse era un’allucinazione. Mi girai ancora e... rividi quell’uomo, quello che aveva bussato al finestrino. Feci per rispondergli, finalmente, ma lui si voltò, allontanandosi in fretta. Lo chiamai. «Ehi! Ma dove va? Ehi signore! Come si chiama? Non mi ha neanche detto il suo nome.» Sentivo che era importante saperlo.
Maristella Angeli
Quel giorno
Si girò sorridendo. «Mikael, mi chiamo Mikael, ma tu potrai chiamarmi Mik!» Sollevò il bavero del cappotto e, poco dopo, scomparve. Divenne essenza bianca, un tutt’uno con quella soffice neve. Non riuscivo a capacitarmi. Pensai a una visione, una premonizione. Mi riscossi e scesi dalla macchina. Il tempo stava peggiorando e i fiocchi si erano fatti più grossi. Mi cadde un guanto, feci per raccoglierlo e, guardando a terra, mi accorsi di non vedere tracce. Sì, proprio così: non c’erano impronte di piedi. Mi guardai intorno. Nessuna orma di nessun tipo! Solo un manto di neve bianca immacolato. Frastornata e ormai senza nessuna intenzione di raggiungere la scuola, tornai al mio appartamento, o meglio, a quello della mia famiglia. A quei tempi, infatti, abitavo ancora con mamma e papà, nonostante i miei ventitré anni, e ci sarei rimasta ancora per molto tempo. I soldi non erano sufficienti per potermi permettere un appartamentino tutto per me. Telefonai alla segreteria per avvertire che era davvero impossibile raggiungere la scuola. Seppi così che il sindaco aveva emanato l’ordinanza di chiusura e mi tranquillizzai. I miei genitori, in apprensione, si calmarono vedendomi rientrare. «Non è certo il caso di rischiare la vita» disse mia madre quasi all’unisono con mio padre. Infreddolita e con i piedi zuppi, mi cambiai, cercando un po’ di calore. In quella casa faceva sempre freddo ed era umido. Non c’erano i termosifoni e ognuno cercava di scaldarsi come poteva, con borse dell’acqua calda e babbucce ai piedi. Mi avvicinai alla stufa. Era una di quelle a gasolio, che riusciva a scaldare solo la zona del corridoio. «Davanti ti scalda e di dietro ti strina» diceva sempre la mamma. Fuori dalla finestra c’era un paesaggio polare. La neve doveva aver raggiunto almeno i cinquanta centimetri! Stava facendo una di quelle
nevicate davvero storiche! Per fortuna avevo deciso di tornare a casa. Per fortuna mi aveva fermato Mik! Più tardi, a pranzo, mangiando un piatto di pasta e fagioli energetica, calda ed economica, rimasi col cucchiaio sospeso a mezz’aria, ascoltando il notiziario.
“Gravissimo incidente in città. Due i veicoli coinvolti. Un’autovettura di grossa cilindrata e un pullman gran turismo. La macchina si è ribaltata e per la conducente non c’è stato niente da fare. È morta per le gravi ferite riportate. Nessun danno per l’autista del pullman.”
Rimasi basita. La strada era proprio quella che avrei dovuto percorrere io quella mattina, e anche l’ora era quella, sì, l’ora in cui solitamente transitavo in quel punto. Quella sera mi addormentai presto e, nel sogno, rividi Mik.
Mi accarezzava quando ero molto piccola. Mi teneva per mano, mentre ero a letto malata e, infine, lo vidi starmi vicino, piangeva con me, perché mi sentivo sola. Poi Mikael sorrideva. Un sorriso che mi riempiva di serenità.
Fin da piccola ho sempre pregato il mio angelo custode, perché pensavo che Gesù avesse troppo da fare per dedicarsi esclusivamente a me. Ma l’angelo no, mi dicevo, lui può aiutarmi. Così lo chiamavo ogni sera e gli chiedevo di farmi guarire, perché a quei tempi ero spesso malata. Lo pregavo di aiutarmi perché desideravo giocare come gli altri bambini, e non volevo più soffrire di quei terribili attacchi d’asma che m’impedivano di farlo. Lo scongiuravo di farmi avere dei denti nuovi perché i miei sporgevano spaventosamente in fuori e me ne vergognavo tanto. E, alla fine, spesso gli chiedevo un cavallo tutto bianco, che mi portasse al galoppo via da lì, magari su una spiaggia col sole d’estate e la brezza del mare tra i capelli. Era un po’ come il genio della lampada per me, ed era buono, tanto buono.
Così, la mattina dopo, mi ritrovai a pregare, chiedendo che ogni persona potesse avere un angelo custode tutto per sé e, facendolo, raccomandai all’angelo il buon Mikael, che mi aveva salvato la vita.
Maristella Angeli
Quel giorno
Sono trascorsi molti anni da allora ma quel ricordo, ormai lontano, mi torna spesso alla mente. Solo molto tempo dopo, grazie a internet e al computer, di cui all’epoca non disponevo, sono riuscita a capire. “Mikael: angelo che appartiene al coro delle virtù solari” diceva il testo. “Viene attribuito ai nati dal 19 al 23 ottobre.” Proprio il periodo in cui sono nata! Un angelo!
Avevo seguito molte trasmissioni sul mistero delle apparizioni degli angeli. Molte di queste erano confermate da testimoni. Persone che avevano rischiato di morire. Perfino nelle torri gemelle, le Twin Towers di New York, ce n’erano state! Alcuni sopravvissuti giuravano di essersi salvati grazie all’intervento di un angelo.
Mi sono ormai convinta che tutti i soccorritori sono angeli, ma l’intervento divino è qualcosa che sfugge all’oggettività dei fatti e non può essere spiegato, né capito; di conseguenza neanche creduto. È nella dimensione dell’anima, è lì che dobbiamo cercare. È lì che troveremo il nostro Mik!

Se volete ascoltare il racconto scritto da Maristella, direttamente dalla sua voce, cliccate su questo link, dove potrete anche leggerlo.

3 commenti:

  1. È una meraviglia che riscalda il cuore. Stasera, prima di addormentarmi, farò una coccola speciale al mio angelo custode, ma io sono convinta di averne intorno una buona schiera... sono un soggetto pericoloso.

    RispondiElimina
  2. I tuoi angeli, cara Mimma, ti sono sempre accanto! E non sei affatto un soggetto pericoloso! Buona domenica delle Palme!
    Un abbraccio immenso

    RispondiElimina
  3. Grazie Danila per aver inserito questo racconto a cui tengo molto.
    Grazie Domenica!
    Mi farebbe molto piacere se sul sito indicato, potessi leggere qualche commento. Potete cliccare su "mi piace" e sul cuoricino.
    Il racconto è anche in versione audio, l'interpretazione è la mia.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi