AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

venerdì 12 luglio 2013

NOVENA ALLA B.V.MARIA DEL MONTE CARMELO

5° giorno -  Vita e familiarità con Maria


Il servizio a Maria è parte integrante e fondamentale della vita carmelitana. Fin dall’inizio i Carmelitani l’hanno venerata come la Virgo Purissima, la Vergine e Madre illibata e Immacolata, culto questo, che serve soprattutto l’aspetto contemplativo: Maria come modello da imitare nel cammino mistico della preghiera. Il Carmelitano, come ogni cristiano che seriamente vuole incamminarsi per la via del Vangelo, vede nella Virgo Purissima, l’ideale di santità che desidera raggiungere. Certo questo ideale è impossibile da raggiungere se si guarda solo al dono-privilegio dell’Immacolatezza originaria di Maria, ma il Carmelo la può e la vuole imitare nell’unione con Dio, in quella libertà e purezza di cuore necessarie per intraprendere un cammino di preghiera e di dialogo di amicizia profonda con il Signore Gesù, Amico, Maestro, Sposo e Signore. Il servizio a Maria comprende in sé la vita di intimità filiale di Gesù con Maria, cioè i sentimenti di amore e tenerezza filiale che Gesù nutriva verso la sua Madre Maria; l’unione di sentimenti e di desideri per la gloria di Dio nel servire il suo Regno, la partecipazione alle sue sofferenze redentive per tutto il genere umano e la forte speranza della resurrezione futura in un mondo rinnovato dall’Amore di Dio. In questo modo il Carmelo partecipa e continua la vita affettiva di Gesù verso sua Madre Maria.

RIFLESSIONE DALLE “ESORTAZIONI DELLA BEATA FRANCESCA D’AMBOISE, Capitoli VII e XIX: Modo di resistere alle tentazioni e silenzio”.
Questa lezione è della Regola, ed è un’esortazione che sarà molto utile considerare spesso. Vi mostra le tentazioni e il modo di resistervi. Tra le altre cose: “il vostro petto sia fortificato con pensieri religiosi” (Regola c. 14), Poiché secondo i pensieri sono le parole che escono dalla bocca e dal cuore.
E’ necessario allontanare i cattivi pensieri e ritenere i buoni. Vi ho detto sempre, che voglio vi abituiate a osservare il silenzio e a parlare poco, poiché dal moto parlare non vengono le sante meditazioni né i buoni pensieri.
Quando il cuore è ben regolato, lo sono anche le parole, specialmente in tempo di silenzio. Nelle parole vane si trova sempre il peccato. Quasi non si può parlare senza che vi sia peccato. Vedete come i tempi sono pericolosi: la morte è dovunque. Dovete stare sempre in guardia. Bisogna studiarsi di vincere le cattive inclinazioni. Dove ci accorgiamo di mancare maggiormente, occorre ingaggiare la battaglia, correggerci ed emendarci.
Vi sono alcune tanto scrupolose e spaurite che quasi non parlano, e si fanno scrupolo di dire una parola oziosa. Ogni parola che è di vantaggio per sé o per gli altri è oziosa e si dovrà rendere conto (Regola c. 6).
Quelle che temono Dio e stanno attente non saranno mai ingannate e sorprese. Le altre devono fate attenzione a non lasciarsi prendere alla sprovvista, senza olio né fuoco nelle loro lampade.
Non è che non vengano spesso avvertite al riguardo. Voi ascoltate tante pie esortazioni da quei buoni padri che predicano tanto bene da sembrare che sia Dio stesso a parlarci.
Si parla sempre dell’obbedienza e del silenzio. Anche la nostra Regola lo prescrive espressamente. Ci si lascia andare senza necessità dopo compieta, in refettorio, nel chiostro e nel dormitorio.
Al lavoro, mentre fate le vostre faccende, non dovete parlare prima dell’ora Prima, e se proprio occorre farlo, lo si faccia a voce bassa e brevemente per pura necessità. Parlare a voce alta e ridere forte è scandaloso. Ci si può talmente rilassare nel comportamento da arrivare al disprezzo: “l’abisso chiama l’abisso” (Sal 41, 8). Se cominciate a parlare e a rilassarvi, da qui a venti anni sarà ancora peggio e perciò è meglio trattenersi. Dobbiamo lasciare il buon esempio dopo di noi.
Niente ci turba come le cose del mondo.
Durante il lavoro non bisogna parlare invano, né come fa l’altra gente. Gli statuti prescrivono che chi vuol cantare qualcosa di devoto deve chiedere il permesso, ma senza permesso si fa peggio che a parlare. Avete inteso spesso come le madri di Liegi durante il lavoro osservano il silenzio e non parlano senza il permesso o a ricreazione. Guardatevi dal dire cose vane. Ci sono tempi forti, come l’Avvento e la Quaresima, nei quali va osservato meglio il silenzio e sforzarsi di far bene. Alle monache di S. Chiara il silenzio è prescritto non solo durante l’Avvento, ma anche nei quaranta giorni tra Ognissanti e Natale, oltre all’altra quarantena che è la Quaresima. Se a noi non è prescritto così strettamente, se ci è ordinato di parlare poco, il silenzio della Regola ci è comandato strettamente, e dopo compieta tutto deve essere fatto in silenzio (Regola c. 16), come camminare, muoverci, parlare senza rumore, e non causare molestia alle altre, in camera, in dormitorio o altrove. Tutto va fatto in silenzio. […]
[…] E’ rigorosamente proibito divulgare i fatti e i detti della casa, del convento, delle persone all’interno alla gente di fuori, chiunque sia, salvo il visitatore, al quale tutte possono esporre ciò che ritengono sia da correggere. E’ detto che non bisogna rivelare il segreto del capitolo a chi non vi ha partecipato, e come deve essere castigata severamente quella che sarà trovata a parlarne fuori. Guardatevene bene, come pure dall’ascoltare cattivi discorsi, perché si fa facilmente quello che si ascolta.
La parole vane mostrano le coscienze vane. Tale è la parola tale è l’animo, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore. Aspettate di essere interrogate e che la domanda vi apra la bocca. Le persone non eccedono nel parlare, perché nel molto parlare non manca la colpa né il peccato. Vi prego, custodite la bocca e abbiate perfetta carità scambievole.
Come vi ho detto altre volte, la professione la si fa presto e facilmente; basta dire quattro parole. Il difficile è mettere in pratica ciò che contiene. Sarebbe meglio non obbligarsi affatto che legarsi e poi non far nulla o molto poco.
Le disposizioni che io impartisco si osservano per otto o quindici giorni, e dopo si dimenticano subito. Potrei dire anch’io come il buffone di un re. C’era un malfattore al quale avevano perdonato molte volte. Lui si comportava sempre peggio di prima e uccise ancora un altro uomo dopo che ne aveva già uccisi molti. Il buffone disse al re: “Sire, non è stato lui ad uccidere l’ultimo”. “Allora chi è stato?” chiese il re. Rispose il buffone: “Siete stato voi, sire”. “Come?”, disse il re. Il buffone rispose: “Se voi aveste fatto ciò che dovevate fare, esercitando la giustizia, quello non lo avrebbe fatto”. Così è anche per me, secondo il mio parere: mancano di far osservare gli statuti, si fanno molti sbagli.
Pensate che troppi discorsi sono dannosi al prossimo. Le parole bugiarde sono proibite a tutti e specialmente alle religiose. Anche le parole oziose vanno evitate. Ci si guardi bene dal pronunciare parole che rompono la carità. Se una parola sfugge per leggerezza, venga subito riparata, e non si rimanga adirate a lungo l’una contro l’altra.
Parlare poco è buono e vantaggioso. Mantenersi nel timore di Dio, impegnarsi di tutto cuore e guardarsi dall’offenderlo. Vi raccomando la pace.

Preghiamo:
O Maria, tu sei veramente la più affettuosa fra tutte le mamme del mondo, perché anche attraverso il tuo santo Abito ci hai ricolmato di favori e di grazie.
Non contenta di chiamarci alla tua sequela hai voluto anche impegnarti a difenderci dai mali che ci tormentano sulla terra.
Questa verità ci conforta nelle nostre prove e ci rafforza nella certezza che il tuo Scapolare, o Maria, è realmente pegno della tua materna protezione e segno di salvezza nei pericoli dell'anima e del corpo.
Nessuno potrà comprendere mai abbanstanza le grazie e i prodigi operati per mezzo del santo Abitino a favore di quanti lo indossano con filiale devozione. Il nostro cuore si riempie di gioia al pensiero di essere in ogni tempo sotto il tuo patrocinio, o Vergine del Carmelo, nostra Madre e nostra avvocata. Ave Maria.


Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi