AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

giovedì 11 luglio 2013

NOVENA ALLA B.V.MARIA DEL MONTE CARMELO



4° giorno – Madre delle anime purganti

Il suo abito, lo Scapolare, è anche pegno di sicuro approdo al porto della salvezza dopo aver superato tutte le prove e in modo speciale quella dell’estremo e abissale mistero della morte. Lei che è la Madre dei dolori non può essere lontana da nessun tipo di sofferenza dei suoi figli e il suo Cuore di Madre che ha tanto sofferto, con profonda e sensibile comprensione, fedele al mandato datogli dal Figlio suo sotto la croce, non ci abbandona mai. Nel suo amore vigilante e tenace vuol vederci salvi e continua a sorreggerci e a guidarci sempre, anche nel difficile passaggio da questa terra al Padre. Maria, come nostra potente protettrice, ci accompagna fino a quando ci vede al sicuro sulla sponda dell’eternità di luce e di pace, sostenendoci anche nella purificazione del Purgatorio per cui è invocata come tenerissima Madre e Consolatrice delle anime purganti, ma ne è anche la Liberatrice, secondo la sua promessa, di chiunque nella sua vita terrena l’ha conosciuta, amata e imitata come vera sua Madre.

RIFLESSIONE DALLE “ESORTAZIONI DELLA BEATA FRANCESCA D’AMBOISE, Capitolo X: Esortazione”

Questa esortazione è breve, ma di grande effetto sostanziale: bisogna adempire ciò che è stato promesso. Prima di entrare in religione dovevamo osservare i dieci comandamenti della legge; ora in più abbiamo i nostri quattro voti, ai quali ci siamo obbligate volontariamente e che per noi sono come dei comandamenti. Dobbiamo sforzarci di adempierli e osservarli.
Promettere e non adempire non è altro che un abuso. La professione è presto fatta, ma è difficile eseguirla. Dura a lungo, è per tutta la nostra vita. Dobbiamo studiarvi sopra tutti i giorni.
Ognuna è venuta in religione col proposito di salvarsi. Bisogna averlo sempre davanti agli occhi. Sono certa che amate il voto di castità e quello di clausura, e che vi risultano facili. Di cose proprie, grazia a Dio, non ce ne sono se non nel desiderio. Neppure avete denaro. Ma nelle piccole cose potreste essere proprietarie. Non è la cosa che fa la proprietà, ma l’attaccamento.
Quando si fa la visita nelle vostre celle, se fate vedere o nascondete qualcosa a vostra discrezione, non volendo che la si veda o la si sappia, correte il rischio di essere proprietarie di rosari, di immagini o di altre cose. Quando si fa la visita, nessuna deve ingerirsi e venir dietro per vedere cosa si è fatto o se si è trovato questo o quello. Coloro che accompagnano devono mantenere il segreto sulle mancanze che potessero essere trovate. Anche quando si fa una correzione, nessuna deve indagare di che cosa si tratta. Quelle che lo fanno dimostrano un animo disordinato.
Il voto di obbedienza è il più difficile, ed è quello che dobbiamo studiare.
Non dobbiamo aspettare il comando, né fare cosa che la priora venisse a saperla ne sarebbe scontenta, o che è proibita dagli statuti. Chi lo fa ha una coscienza cattiva. All’inferno non viene castigata che la propria volontà.
Anche supponendo la retta intenzione, questo non scusa. Bisogna stare in guardia: il nemico inganna anche con l’apparenza sia del bene che del male. Si ha poco a cuore e si stima poco questa obbedienza. C’è qualcuna che non si riesce a mettere in regola che per forza.
Siete attaccate alle confessioni e alle devozioni particolari del giorno e della notte, ma quanto a umiltà, pazienza e altre virtù niente del tutto. Quello che fate al di fuori dell’obbedienza è più tentazione del nemico che devozione. Usate il tempo che vi è assegnato per pregare Dio e il resto per i lavori o fare l’obbedienza, e sarete più contente e in pace con la coscienza. Alcune sono molto curiose delle novità della casa in cose che le riguardano. Ognuna ha abbastanza di che occuparsi e pensare a se stessa, conoscersi, pensare a Dio, osservare il silenzio e impiegare bene il tempo.
Non pensate al mondo; lasciatelo con i suoi onori e le sue vanità che passano presto. Pensate soltanto a piacere a Dio e a salvare le vostre anime, e no vi turbate per cose alle quali non potete mettere rimedio. Lasciate come sono.
Cercate di progredire nella vostra vocazione, e pensate che le tentazioni sono sempre pronte ad assalirci. Bisogna stare all’erta. Esaminate la vita dei santi e delle sante, per quale strada sono andati a Dio. Se abbiamo delle contrarietà è buon segno. Per fortuna i nostri nemici sono i nostri giudici. Che cosa dobbiamo fare se non tendere a Dio e osservare la nostra Regola e gli statuti?
Vi raccomando le solite cose e la pace.

Preghiamo:
Vergine generosissima, quanto superano la nostra capacità di conoscere e perfino i nostri desideri le preferenze di affetto che tu hai verso tutti i tuoi figli devoti!
Non contenta d'assisterli e proteggerli continuamente in vita e in morte vuoi prenderti speciale cura di loro anche nel purgatorio.
Quando passiamo da questo mondo alla vita eterna, la memoria di noi rimane nel cuore dei cari che lasciamo in terra, ma non sempre essi si ricordano di noi per sollevarci dalle sofferenze del purgatorio; tu invece ci guardi con amore e così, nella penosa attesa, potremo ricorrere sicuri a te per averne aiuto e conforto.
O Madre premurosa, se il ricordo delle nostre infedeltà a Dio porta con se' un grande timore in un'anima cristiana che sa di doversi purificare nel purgatorio, possiamo rallegrarci noi devoti del Carmine, e confidare in te che mitigherai le pene e ci ricondurrai al più presto con te in Cielo, liberi e salvi per l'eternità. Sia benedetta la tua protezione figurata nel tuo Scapolare che ci rende figli di una Madre così pietosa. Ave Maria.


Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi