AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 6 marzo 2018

LIRICHE SULLA CHIESA DEL CORPUS DOMINI DI MILANO

Ciclo di liriche sulla Chiesa del Corpus Domini di Milano
  

LA FACCIATA DELLA CHIESA DEL CORPUS DOMINI
Vedo un venerando Frate anzianotto
dall’aria un po’ spaesata...
Sento i suoi commenti:
“Possibile che ad oltre un secolo dalla mia morte
i Frati non siano ancora riusciti
a rivestire di marmo la facciata?”.
Una volta entrati in Chiesa
vedo lo sgomento dipingere il suo volto...
“E questo sarebbe il Tempio dell’Eucaristia?
Povero Gesù, come t’hanno lasciato solo!”.


(Immagine rielaborata)
INNO AL SACRAMENTO 
E’ questa Chiesa un inno al Sacramento,
che sa nutrir la Chiesa nel suo viaggio.

(Immagine rielaborata)
IN QUESTA VASTA CHIESA 
In questa vasta Chiesa par nuotare
lo spirito, trovando appagamento
in tanto nutrimento spirituale
offerto da vetrate, affreschi e statue.
La stessa architettura favorisce
davvero molte ardite esplorazioni
del mondo affascinante del divino.

(Immagine rielaborata)
PASSEGGIARE
Ritorno a passeggiare in questa Chiesa
coi Santi e coi Beati dialogando,
cercando di scovar gli strattagemmi
usati per la loro santità
e vedo che si seppero soltanto
la Croce caricare sulle spalle,
portandola con inesausto Amore.

(Immagine rielaborata)
PASSI MEDITABONDI
Passi meditabondi in questa Chiesa,
che invita verso l’alto sempre il cor.

(Immagine rielaborata)
SCOMPARIRE
In questa Chiesa sembro scomparire
inizialmente, poi divino ardire
subentra e dolcemente risucchiare
mi sento verso l’alto, contemplando
il piano misterioso del Signore,
che sempre i nostri passi sa orchestrare
per una più feconda mietitura.

 
(Immagine rielaborata) 
DIALOGARE
Torniamo a dialogare, cara Chiesa.
Tu col silenzio e con la vastità
convogli tante cose in questo core,
che brama la pienezza del fulgore.

(Immagine rielaborata)
CONFIDARSI
Mi piace dialogar con questa Chiesa.
Si sente misurata dai miei passi
e compiaciuta allora si confida.
“Dovevi tu vedermi piena zeppa
di gente che adorava il Sacramento!
Chi volle edificarmi entusiasmare
seppe le folle: tutto il suo fervore
poteva dentro i cuori convogliare.
Saliva l’eucaristica fragranza
al trono dell’Altissimo, ottenendo
la sospirata pioggia di favori!

(Immagine rielaborata)
SOMMESSI 
Son dialoghi sommessi, cara Chiesa.
Mi fai sentir sperduto passerotto
in tanta immensità dove mi libro
senza timor d’uccelli predatori.

I Santi posti sovra i tuoi pilastri
m’invitano a posarmi su di loro
per ascoltar la storia prodigiosa,
che sfugge a tanta gente frettolosa.

Padre Gerardo Beccaro ti seppe
con eucaristico ardore innalzare
perché tu fossi vera calamita
di somma adorazione al Salvatore!

(Immagine rielaborata)
AVVILUPPATO
In tanta vastità mi sento sempre,
più che sperduto, tutto avviluppato
dal provvidente Amore dell’Eterno.

(Immagine rielaborata)
SUPPLICHE
Ripenso a quante suppliche dai cuori
vennero all’eucaristico Signore
in questo sacro tempio formulate.
Su tutti scese sempre la paterna
benedizione dell’Onnipotente.

(Immagine rielaborata
SOLO 
Nel ritrovarmi solo in questa Chiesa
di vaste proporzioni ingigantisce
la voglia di coprire tanti ruoli
per meglio divulgar l’eterno Amore.

(Immagine rielaborata)
LAMENTI
Mi pare di sentire dei lamenti:
questo Chiesone piange per il vuoto...
  
(Immagine rielaborata)
COMPAGNIA
Mi sanno fare tanta compagnia
in questa vasta Chiesa i ceri accesi:
somiglian a dei cuori fiammeggianti
d’Amor per l’eucaristico Signore.

(Immagine rielaborata)
CHIARORE
In questa Chiesa buia passeggiare
amo al chiarore sol dei ceri accesi:
mi paiono dei cuori palpitanti,
che faccian compagnia al Salvatore.

(Immagine rielaborata)
TREMOLIO
Tremola un cero innanzi alla Madonna.
Mi sembrano le lacrime d’un bimbo,
che implori guarigione per la Nonna.

(Immagine rielaborata)
LUCCICHIO
Mi guida sol dei ceri il luccichio.
Il buio allora più non mi spaventa:
sono fraterne mani di sostegno.

(Milano 13-10-2017), Padre Nicola Galeno



Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi