AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 9 dicembre 2013

QUEL CHE SUCCEDE NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Da BBC News Africa

La Francia comincia a disarmare le milizie  della Repubblica Centrafricana

Le truppe francesi in Bangui (8 Dicembre 2013)Le truppe francesi sono stati inviate in Bangui il Venerdì, dopo una risoluzione dell'ONU
Soldati francesi hanno iniziato a rimuovere le armi da caccia nella Repubblica Centrafricana (CAR).
Ci fu un breve scambio di fuoco tra uomini armati e soldati francesi nei pressi dell'aeroporto della capitale, Bangui, poiché il disarmo cominciato.
1.600 soldati della forza francese sono stati inviati in macchina, schierati dopo giorni di combattimenti  ha salvato 400 vite.
La zona è stata in subbuglio da marzo, quando un'alleanza di ribelli, conosciuta come Seleka, prese il potere.
L'alleanza da allora è stata sciolta e il leader ribelle Michel Djotodia è ora presidente.
'End all'impunità'
Il ministro della Difesa francese Jean-Yves Le Drian dice che combattenti fedeli al presidente ad interim Djotodia  hanno dovuto tornare in caserma e il resto avrebbe dovuto consegnare le armi.

"Il periodo di impunità è finita", ha detto.
I francesi sono stati inviati in macchina il Venerdì dopo che il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha sostenuto il mandato di ristabilire l'ordine " di tutte le misure necessarie ", la sera precedente.
La risoluzione delle Nazioni Unite ha seguito un'ondata di violenza che coinvolse milizie di autodifesa cristiane che erano sorte dopo una serie di attacchi dai combattenti musulmani principalmente dalle forze ribelli Seleka allo sbando.
La Croce Rossa dice che 394 persone sono state uccise in tre giorni di combattimenti a Bangui.
Altri corpi sono stati ancora recuperati dalle strade della capitale di Domenica. Un corrispondente Reuters ha descritto di aver visto corpi ammucchiati nella camera mortuaria dell'ospedale locale e lungo i corridoi.
Mentre le truppe francesi erano visibili sulle principali strade della capitale,la  tv francese ha mostrato le immagini di ex miliziani Seleka che ancora controllanoi altre zone della città.
Giornalisti a Bangui  hanno descritto l'atmosfera ancora tesa.
Migliaia di cristiani hanno cercato rifugio presso l'aeroporto di Bangui, ora sotto scorta francese, per il terrore dei miliziani musulmani della Gran Bretagna riporta Channel Four TV . Migliaia di persone sono fuggite riparandosi in  chiese e in un monastero.
Vicino all'aeroporto c'erano spari il Lunedi mattina.
"I Seleka [ex-ribelli] non volevano deporre le armi. Ci fu un breve scambio di fuoco, e  Celestin Cristo Leon, un portavoce della forza africana regionale con sede presso l'aeroporto, scappò ed andò a riferire l'accaduto all'agenzia di stampa Reuters.
Nel frattempo,  storie angoscianti hanno cominciato ad emergere della violenza che ha colpito il Paese negli ultimi giorni.
Le agenzie umanitarie hanno detto all'Associated Press che i combattenti ex Seleka avevano trascinato nove giovani feriti che credevano facessero parte di una milizia cristiana fuori di un ospedale Bangui e li hanno uccisi.
La Croce Rossa dice che  altri corpi sono ancora stati trovati e molte delle vittime sono bambini, secondo l'agenzia delle Nazioni Unite.
Gli ex miliziani Seleka sono ancora in evidenza a Bangui, nonostante l'arrivo delle truppe francesiGli ex miliziani Seleka sono ancora in evidenza a Bangui, nonostante l'arrivo delle truppe francesi
I cristiani sfollati in un monastero a Bangui (8 Dicembre 2013)Migliaia di cristiani sono fuggiti in un monastero a Bangui in cerca di protezione
I bambini riparo in giardino dell'Arcivescovo di BanguiLe famiglie hanno cercato rifugio dalla violenza presso la chiesa di San Paolo
Un  giovane ragazza sconvolta gridò che i suoi genitori erano stati uccisi."Siamo diventati orfani. Perché? Hanno ucciso mio padre. Lui non ha fatto niente di sbagliato."
Il sangue non si è limitato alla capitale.
«Non i miei uomini '
La BBC Thomas Fessy, nella città settentrionale di Bossangoa, ha descritto come un certo numero di persone sono state uccise quando una milizia cristiana ha attaccato la casa di un imam, in un quartiere musulmano, dove decine di persone avevano cercato rifugio.
Gli aggressori hanno inseguito la gente giù, dice, e macchie di sangue sono ancora visibili.
Le case della gente in città sono deserte. Circa 40.000 cristiani hanno cercato rifugio attorno a una chiesa. Circa 7.000 musulmani sono bloccati in una scuola che si trova dall'altra parte della città.
Il signor Djotodia ha detto che non può fare nulla per portare all'ordine i  combattenti che non hanno aderito quando l'esercito ha preso il potere.
"Controllo solo i miei uomini. Quelli che non sono sotto il mio controllo, non sono i miei uomini", ha detto.
France ha detto  Sabato che l'Unione africana starebbe per aumentare le dimensioni della sua forza esistente di 2.500 peacekeepers a 6.000.
Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha detto che ben 9.000 peacekeepers sarebbero venuti  in macchina, e lui sperava che alla fine ci avrebbe pensato un'azione delle Nazioni Unite.
Si stima che circa il 10% del CAR di 4,6 milioni di persone sono fuggite dalle loro case, mentre più di un milione ha urgente bisogno di aiuti alimentari, secondo le Nazioni Unite.
Mappa che mostra la posizione della Repubblica centrafricana e dei paesi che confinano con essa
Sei nella Repubblica Centrafricana? Sei stato colpito dalla violenza? Potete inviarci le vostre esperienze utilizzando il modulo seguente.

Si tratta di un cammino di morte e desolazione. Una ragazza musulmana è stata uccisa all'incrocio. Ci viene detto che il suo corpo è stato poi mangiato dai maiali.
Case sono state distrutte dai razzi granate a propulsione. Il giorno in cui sono scoppiati i combattimenti, decine di persone del quartiere musulmano fuggirono verso la casa del imam. Era sempre stato un luogo di sicurezza.
Quando gli ex soldati che stanno nelle basi della milizia cristiana hanno attaccato la sua casa, il panico seguì, c'era il caos assoluto in strada. Gli aggressori hanno inseguito la gente. Molte macchie di sangue sono ancora visibili.
Tre uomini sono stati uccisi poco prima che potessero riuscire a fuggire. Un altro uomo ha lasciato un'impronta insanguinata sulla soglia di una casa, disperatamente in cerca di rifugio. Fu giustiziato nella stanza di fronte.
Mentre camminiamo più in profondità nel quartiere musulmano, le storie continuano.
Né i cristiani, né i musulmani vivono più nelle loro case ; sono fuggiti nei campi su lati diversi di questa città.

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi