AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

venerdì 13 dicembre 2013

LA FORZA DELLA DIVERSITA'

Oggi ho ricevuto la raccolta di racconti del concorso La Forza della Diversità, se leggete la lettera inviata dalle Edizioni Montag, potrete apprendere che la finalità di questo libro è a sostenere la LIFC (lega italiana fibrosi cistica). Se vorrete acquistare questa antologia, potrete così devolvere in beneficenza un importo che sarà un dono di Natale per tante persone affette da questo terribile male.

"C'è voluto molto più tempo del previsto grazie alla grande quantità di opere pervenute, ma alla fine ecco i nomi dei selezionati per la raccolta "La forza della diversità", iniziativa che la Edizioni Montag ha creato grazie alla collaborazione della LIFC, la Lega Italiana Fibrosi Cistica, e il ricavato della quale andrà in beneficenza. Dopo la raccolta "Tutti i colori dei bambini" in collaborazione con la Lega del Filo D'Oro, eccoci giunti alla conclusione di un altro passo che ci inorgoglisce, un piccolo passo che ci fa sentire partecipi di un progetto ben più grande e che, speriamo, tutti vorranno condividere con noi.
Ecco i nomi dei selezionati:

Stefano Cordoni
Jessica Pompili
Alessandra Cerretti
Maria Rosaria Della Rocca    
Ornella Nalon
Alessandro Corsi
Samuele Mazzi
Roberto Nigro
Ornella Sala
Manuela Stangoni
Marina Zinzani
Danila Oppio
Monia Minnucci
Daniele Barbisan
Daisy Franchetto
Laura Campanini
Giancarlo Manfredi
Teresa Regna
Massimo Cortese
Alessandro Continiello
Eleonora Castellano
Claudia Piccinno
Alessia Ranieri
Fabio Lastrucci
Federico Paccani
Alessandro Brondi
Elena G. Santoro
Aurora Cantini
Valerio Achille Semenzin
Davide Boarati
Francesca Alessandra Bos
Elzide Giovagnetti
Stefania Trapani
Silvana Giro
Elena Glorini
Maurizio Negri
Claudia Vellucci
Simona Pastorini
Virginia Coral
Gabriella Viazzi
don Felice Prosperi
Massimo Sensale
Marco Bertoli
Lorenza Pellegrini
Michaela Gutacker
Giusy Trippetta
Riccardo Spezia
Elisabetta Amoroso
Claudia Ruscitti
Antonio Capolongo
Giuseppe Lo Cricchio


Ricordiamo che il libro sarà disponibile tra un paio di giorni nel nostro sito e nelle principali librerie online al prezzo di euro 15, e che chiunque può fin d'ora ordinarlo scrivendo a
specificando il proprio nome e indirizzo e la modalità di pagamento scelta.
Si può versare l'importo in anticipo
- con bollettino postale sul c.c. n. 89424782 intestato a Edizioni Montag
- con bonifico sul c.c. 89424782, IBAN: IT05 K076 0113 4000 0008 9424 782
non ci sono spese di spedizione tranne per chi intenda pagare in contrassegno alla consegna.
Sarà nostra cura informare tutti partecipanti e i lettori (sia attraverso al newsletter che nella nostra pagina Facebook) in merito alla cifra raccolta e versata alla LIFC.
Un'ottima idea per fare e farsi un regalo di Natale, sapendo di contribuire a una giusta causa.
Buona lettura.
Il racconto che ho scritto e che è pubblicato in questa raccolta, titola
LETIZIA


(La forza della diversità)

Letizia ha quasi la mia età. Già, ed io quanti anni ho? Diciamo che sono arrivata al terzo stadio degli “anta”. Sono felicemente nonna, ma mi trovo spesso a soffermarmi sulle avversità della vita: la salute traballante, qualche ruga di troppo, così come la linea non più snella come un tempo. E mi lamento di come vanno le cose, dell’insicurezza dei posti di lavoro, delle scarse aspettative riguardo al futuro dei nostri ragazzi. Così capita che non riesca a sorridere molto spesso, intristita e insoddisfatta.
Ma stavo parlando di Letizia, non di me.
L’ho incontrata proprio oggi. Mi saluta agitando le braccia, dall’altra parte del marciapiede, mi corre incontro, dondolando un po’, con la sua zazzeretta corta, e la prima cosa che mi chiede, sempre la stessa, è:
“Mi vuoi bene?” Alla mia risposta affermativa, mi abbraccia quasi a stritolarmi, e baciandomi entrambe le guance, mi dice:
 “Ti voglio bene anch’io!”.
 Poi aggiunge:
“Aspetta, ti faccio vedere una cosa” e con aria misteriosa, toglie dalla borsetta un oggetto e me lo mostra: si tratta di un telefonino. Gongolante, mi racconta che glielo ha regalato suo fratello medico.
 “Bello!”- Le rispondo, Allora mi mostra anche il braccio sinistro, dove campeggia un orologio da polso, di colore rosso e circondato da tanti brillantini.
“Stupendo!” - Le dico e lei, felice, m’informa che glielo ha donato l’altro suo fratello, quello che lavora in Cina. E lei, sprizzando felicità da tutti i pori, ribatte: “Eh, si, sono la loro sorellina piccola”.
Letizia è un nome che le calza a pennello, perché è sempre allegra, felice di vivere, contenta anche se le regali un pupazzetto di peluche. Vi chiederete come mai una persona di “anta” anni, fa salti di gioia se le regali un giocattolo. Non lo avete ancora capito? Letizia è una donna che comincia ad avere qualche capello bianco, ma è rimasta bambina. Il suo cervello ragiona come se il suo orologio biologico si fosse fermato a dieci anni ma, al contrario degli atteggiamenti che si riscontrano in una scolara, che comprendono capricci o richieste a volte assurde, Letizia non chiede nulla, se non quella frase che pronuncia quando incontra qualcuno che conosce.: “Mi vuoi bene?”. Come si fa a non volerle bene, caspita! Ti avvolge di luce, ti riveste di gioia, ti fa dimenticare ogni amarezza, proprio lei che non è stata baciata dal destino, che non ha una vita che noi definiremmo normale. E allora ti chiedi: “Per quale motivo mi devo lamentare, io che ho avuto la fortuna di nascere sana?”.
Letizia è rimasta a casa, a far compagnia alla vecchia madre, poiché i fratelli sono lontani, e con la sua costante allegria, cancella la tristezza della mamma, addolorata per aver messo al mondo una figlia “diversa”.
Quanto sia veramente diversa Letizia, c’è da chiederselo. Lavora presso un Onlus per disabili, e svolge egregiamente la sua attività di assemblaggio penne, per poi inserirle nelle rispettive scatole. Inoltre si occupa delle faccende di casa, rendendosi utile come può. Ci si accorge che è “diversa”, per certe sue uscite infantili, come quella di salutarmi dicendo: “Adesso devo scappare, perché sono la segretaria del Parroco, e lui mi sta aspettando” Allora va da lui, lo saluta, riceve qualche caramella come ringraziamento per la visita, e se ne torna sui suoi passi, sicura che il Parroco è stato contento di quello che lei ritiene essere il suo servizio di segretaria: il dono di un sorriso gratuito, che è sempre un gran servizio,  molto gradito ad un sacerdote preoccupato per le nuove povertà cui deve in qualche modo far fronte.
Non bisogna prendersela con Dio, o con la sorte, se nascono persone così: sono un dono. Ci fanno comprendere quanto sia fortunato chi è nato senza problemi, chi ha avuto figli sani: pure io cancello ogni ubbia, e torno a sorridere alla vita.
Riprendo a camminare verso casa, contagiata dal sorriso di Letizia, dalla sua disarmante ingenuità, colma di amore ricevuto e donato.




Danila Oppio
Racconto pubblicato in antologia

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi