AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 11 dicembre 2012

STRANO MONDO




Il Mondo siamo noi,
umani dai volti stravolti,
le voci afone per gli urli,
gli occhi spalancati
e la vista annebbiata
per una vita abbandonata
e tradita dalle tragedie quotidiane

Il Mondo siamo noi,
popoli in viaggio senza una meta,
valige piene di lacrime,
valige piene d’indifferenza
dove nascondiamo 
opulenza
apparenza,
mai un briciolo di dignità,
mai un briciolo di rispetto verso l’altro,
il diverso,
i diversi di questo mondo misero
avulso da luci artificiali

Inno alle guerre
inno ai genocidi
inno alle armi
inno ai pochi o tanti padroni
che ci illuminano del loro buio

Il Mondo siamo noi
e nessuno se ne vergogna
basta un gratta e vinci
basta una presenza in tivvù
basta un presidente impenitente
ad armarci di vanagloria
mentre la storia non avrà scrittori
per rintuzzare la nostra memoria

Però siamo sempre noi
a popolare questo mondo,
a renderlo inverecondo,
mentre figli e nipoti aspettano
d’accarezzar la speranza
in un fiume di sporcizia umana
creata e ricreata solo da noi
cresciuti nell’abbondanza
…. di una miseria intellettuale
che non avrà mai, mi auguro,
copia uguale.

Ho parlato solo de Il Mondo
quello che amiamo
quello che odiamo
quello che siamo
quello che non vorremmo
quello che ci veste di mestizie
quello che ci sovrasta
quello che non dice mai
basta! alle ingiustizie,
ai proclami di vittoria
quando nel sacco c’è sconfitta,
soltanto boria

Dedico, però, confuso e debole,
un dolce e amaro sguardo alla Terra,
alla nostra Terra 
quella che sta sotto i nostri piedi,
calpestata, avvilita,
offesa e vilipesa
da tutti noi che siamo il tutto
ma proprio il tutto
abbracciato al niente.




Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi