AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 27 dicembre 2011

PARADISO? SI!! PER RINGRAZIARE IL SIGNORE E GLI AMICI!

L'ironia di PAULO COELHO 
As soon as he died, Juan found himself in a gorgeous place, surrounded by all the comfort and beauty he had dreamed of.
A fellow dressed in white approached him and said, “You have the right to have whatever you want; any food, pleasure or amusement.”
Charmed, Juan did everything he dreamed of doing during his life. After many years of pleasures, he sought the fellow in white and asked, “I have already experienced everything I wanted. Now I need to work in order to feel useful.”
“I am sorry,” said the fellow in white, “but that is the only thing I am unable to give you. There is no work here.”
“How terrible,” Juan said annoyed, “I will spend eternity dying of boredom! I’d much rather be in hell!”
The man in white approached him and said in a low voice:
“And where do you think you are?”
Non appena morì, Juan si ritrovò in un luogo splendido, circondato da tutto il comfort e la bellezza che aveva sognato.
Un tipo vestito di bianco gli si avvicinò e gli disse: "Tu hai il diritto di avere quello che vuoi;. Qualsiasi, piacere cibo o divertimento"
Stregato, Juan fece tutto quello che sognava di fare durante la sua vita. Dopo molti anni di piacere, cercò il tizio in bianco e chiese: "Ho già provato tutto quello che volevo. Ora ho bisogno di lavorare per sentirmi utile ".
"Mi dispiace", ha detto il tizio in bianco ", ma  è l'unica cosa che non sono in grado di darvi. Non c'è lavoro qui. "
"Che cosa terribile", ha detto Juan infastidito: "Io dovrei passare l'eternità morendo di noia!Preferirei mille volte stare all'inferno! "
L'uomo in bianco gli si avvicinò e gli disse a bassa voce:
"E dove pensi di essere?"
La storiella è molto educativa: sprechiamo i nostri momenti in tante attività inutili, e pensiamo che il Paradiso sia un luogo dove non si lavora: non è affatto vero!! Tutti gli abitanti del Cielo si danno da fare per proteggerci, per intercedere per noi affinché impariamo ad aprire gli occhi e capire che la vita è un bene perduto se è vissuta senza puntare gli occhi al Cielo: e per meritare il Paradiso, dobbiamo guardarci intorno sulla terra, e vedere dove dobbiamo muoverci e cosa possiamo fare per renderci utili verso il prossimo. Il lavoro non è solo quello che svolgiamo per guadagnare, ma anche quello più nascosto, segreto, invisibile, che espletiamo a favore dei bisognosi, sia esso una preghiera che un aiuto morale e materiale. Ed è quello che Dio Padre maggiormente apprezza. Ricordo una storiella altrettanto significativa: "Un sacerdote pregava sempre il Signore per quella bimbetta che chiedeva l'elemosina davanti alla sua chiesa. "Signore, fai qualcosa per questa poveretta". E tutti i giorni vedeva la piccola sempre più smunta ed infreddolita, e si lamentava con Dio perché non era intervenuto. Un bel giorno il Signore rispose al sacerdote: "La smetti di chiedermi di fare qualcosa? Io a suo tempo ho già fatto te!". 
Ecco, il Signore ci ha fatto, noi siamo le sue mani terrene, il suo cuore pulsante, ci ha dato occhi per vedere e orecchi per sentire coloro che chiedono il nostro aiuto. Non dobbiamo pretendere che Dio Padre faccia i miracoli, se noi per primi non ci attiviamo in quella direzione. Possiamo fare miracoli anche noi, con le nostre mani e col nostro cuore! Ne sono persuasa! Tanti hanno pregato per mio marito, e comincio già a raccoglierne i frutti, Carlo sta lentamente ma sicuramente migliorando. Il primo miracolo è stato quello del Primario dell'Ospedale di Legnano, il cardio-chirurgo Prof. Germano Di Credico con la sua abile equipe, il secondo sono state tutte le invocazioni di soccorso da parte di amici, parenti, Padri e Monache Carmelitane, consorelle ocds che hanno tempestato il Cielo. I miracoli li può fare solo Dio Padre, ma se noi confidiamo in Lui, diventiamo strumenti del Suo infinito Amore.
UN GRAZIE DI CUORE A TUTTI COLORO CHE NON CI HANNO ABBANDONATO IN QUESTI DOLOROSI MOMENTI, CHE CI HANNO DATO CONFORTO CON PAROLE AFFETTUOSE E COLME DI SPERANZA, CHE DIO LI BENEDICA E LI RICOLMI DI GRAZIE!

2 commenti:

  1. bello !!!!! buona Natale !!!!......

    RispondiElimina
  2. Grazie!!!! ricambio di tutto cuore, cik, anche se non so chi sei!!!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi