AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 28 giugno 2010

MA QUANDO FINISCE QUESTA PERSECUZIONE?

Monsignor Alfeo Giovanni Ducoli, arcivescovo emerito di Belluno, dice la sua prima sui pestaggi degli omosessuali:

Chi commette atti vili come quelli è un delinquente e va castigato con severità, perché il ricorso alla violenza non è mai giustificabile. Però va detto che alcune volte i gay provocano, con le loro condotte esibizionistiche, con azioni impudiche in pubblico, con atti osceni, eccitano la fantasia perversa di gente debole e qualche volta si comportano rumorosamente con troppa esuberanza per la via pubblica e questo effettivamente può determinare in alcuni sensazioni di ripulsa e di risentimento e spingerli all' aggressione. Ribadisco, la violenza non è legittima, ma esiste in casi come questi l' attenuante della provocazione.


Una cosa barbara. La donna merita ogni rispetto. Con la stessa sincerità va detto che alcune donne oggi vestono in modo indecente e scollacciato, mostrando in pubblico le loro forme sensuali. Questo può eccitare menti deboli o poco ordinate e spingerle ad atti di violenza. Dunque se anche loro aiutassero con modi di vestire più castigati sarebbe bene. Alcune loro esibizioni in pubblico possono causare atti violenti ed istigare ed anche la loro attitudine è un attenuante, vi è provocazione, istigazione all' atto violento

Il ragionamento è così interessante che al lettore viene una gran voglia di domandarsi perché non prosegua: magari rilevando che essere titolare di un negozio ben avviato costituisca un'istigazione a pretendere il pizzo, che circolare con un'automobile di lusso rappresenti un'istigazione al furto o che portare in giro nel passeggino uno splendido bambino biondo con gli occhi azzurri sia un'istigazione alla pedofilia.
Circostanze attenuanti, le chiamano i giuristi, e a voler seguire la logica di Monsignor Ducoli si potrebbero concedere a qualsiasi criminale, perché si fondano esattamente sui motivi che l'hanno spinto a commettere il reato che ha commesso.
Quanto al fatto che a giustificare il comportamento degli squadristi e dei violentatori con tanta leggerezza sia un vescovo, invece, si potrebbe evocare la figura dell'aggravante.(dal blog dell'Unità).
                                                       OOOOOOOOOOO






ROMA. La sala stampa vaticana diffonde un comunicato che mette in luce come si possano essere verificati errori nella gestione del patrimonio di Propaganda Fide.

                                                        OOOOOOOOOOO

Preti pedofili, si dimette la Commissione d'inchiesta in Belgio. Vescovi: grave danno

Vescovi

Bruxelles, 28 giu. (Adnkronos/Aki/Ign) - Lasciano l'incarico il presidente Adriaenssens, interrogato nel pomeriggio, e tutti i membri. Il ministro della giustizia belga ora vuole creare un "gruppo di lavoro" . All'indomani delle parole del Papa, il Sir: "In atto persecuzioni contro la Chiesa".Papa: ''Perquisizioni deplorevoli''. Bruxelles: "Reazione esagerata"



Riporto, per correttezza, quanto mi è stato passato affinché lo leggessi. Molti cercano di farmi cambiare idea circa la Chiesa, il Clero, il Vaticano, ecc. Chi infatti non ha mai accettato di appartenere ad una religione, o di seguire un Uomo-Dio, quale è il Cristo, ora ha il coltello dalla parte del manico, o almeno crede di averlo. Ogni scusa è bella e buona per dare contro,  si , anche a me, perché io appartengo alla Chiesa, come ogni cristiano cattolico che crede nel Vangelo!
Cosa dobbiamo fare per difendere ciò in cui crediamo, quando tutto pare stia facendo acqua come un colabrodo? La Chiesa è attaccata da molti  fronti: pedofilia, cattiva amministrazione, perfino le prediche dei vescovi, ogni azione viene vagliata e criticata. Indici puntati contro questo o quello, pur di abbassare le difese della Chiesa di Cristo.
Ora a me piace essere trasparente, non amo l'omertà, quel silenzio che molti auspicano, per non incrementare altre polemiche. Certo, ci sono sacerdoti che sbagliano, perché nasconderlo? Lo stesso Papa lo ammette!  Ma per un numero, anche grande, di sacerdoti che non seguono gli insegnamenti evangelici, perché bollare tutto il clero? Dicevo proprio a chi si diletta a passarmi notizie contro -  sperando che io ceda nei miei propositi di restare unita alla Chiesa, soprattutto ora che è in difficoltà - che, se apro un giornale, altro non leggo se non notizie pessime, con questo devo pensare che tutto il mondo sia pieno di assassini, di ladri, di farabutti?Ah, se pubblicassero anche le buone notizie, ma quelle....non fanno notizia!!Le brave persone, che seguono gli insegnamenti di Cristo, che operano bene e per il bene, di norma lo fanno in modo silenzioso, non appariscente, ma sono tante, molte di più di coloro che seguono il male. E ho ribadito - di questo ne sono convinta - che il dia-ballo (diavolo, colui che divide) cerca di minare le basi della Chiesa, per farla crollare, perché è Cristo, e la Sua Chiesa, l'avversario temibile del tentatore!! E il demonio (ma esiste ancora, o è finito nel dimenticatoio? E' quello che vorrebbe che tutti pensassero,ovvero la sua non esistenza!) si è intrufolato nel suo interno, per creare discordia, dubbi, sospetti. Mica scemo, parecchio furbo, altrimenti che povero diavolo sarebbe mai?
Ebbene, sappiamo tutto questo, non lo neghiamo, ma difendiamo ciò in cui crediamo! La Chiesa è la Casa di Dio. Se nella Casa di Dio sono entrate delle serpi, dobbiamo scacciarle, ed impedire che ve ne entrino altre. Dopo di che, la Chiesa resta pur sempre la Casa del Signore.  Le serpi strisciano anche fuori di essa, e cercano di lavare il cervello ai credenti, gettando dubbi, ventilando sospetti, attraverso un tam-tam di notizie spesso imprecise,  e sempre verniciate di sfumature dai toni acidi! Come ci provano con me, così faranno con molti, e noi dobbiamo agire come i primi cristiani, difendendo il Cristo e i Suoi discepoli,  a costo di essere perseguitati o derisi!! Il Signore l'ha predetto: sarete perseguitati a causa del mio nome!! Ma noi non ci preoccupiamo! Il Regno dei Cieli è il capolinea al quale ambiamo arrivare! E...il Paradiso non può attendere, dobbiamo guadagnarcelo qui in terra, creando un muro dove le critiche, le ironie, quando non addirittura il sarcasmo, rimbalzino lontano!!

2 commenti:

  1. Carissima, sai come la penso, perché più volte ne abbiamo parlato: chi è cristiano cattolico DEVE obbedienza al Santo Padre e al Magistero.
    Perché il Signore stesso disse a Pietro che a lui affidava la barca della Chiesa e a lui concedeva il potere di "sciogliere e legare".
    Chi è cristiano cattolico deve riconoscere che alcuni peccano, ma che l'istituzione rimane SANTA perché Santo è Gesù....
    Se non si parte da queste basi, allora si è cristiani non cattolici, si è "cristiani relativisti a modo proprio".
    E delle sentenze di queste persone, ne faccio aria che entra dall'orecchio destro ed esce dal sinistro.
    In questi casi, c'è solo da rispondere che San Paolo ci raccomanda di guardarci "da coloro che provocano divisioni e ostacoli contro la dottrina. Costoro non servono Cristo nostro Signore, ma il proprio ventre e con un parlare solenne e lusinghiero ingannano il cuore dei semplici".
    Quanto al primo articolo che hai inserito....bhè, in parte è vero. Nel senso: a volte noi "provochiamo", mettiamo sotto gli occhi cose che diventano "tentazioni" per altri.
    Ovvio, il punto di partenza sarebbe di non sfoggiare ricchezze e sensualità per una questione di vita cristiana, ma in secondo luogo, anche per non indurre in tentazione chi è più debole (vuoi moralmente, vuoi mentalmente, vuoi culturalmente).
    Ciò non toglie che al pazzo o malvagio, possa scattare la tentazione di rubare anche la cosa non di lusso o di violentare anche la donna anziana e non bella....ma indubbiamente, si dice anche in forma di detto, la carne, vicina al fuoco, rischia di bruciarsi.

    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Come il solito, riesci sempre a completare quanto scrivo, rendendo più interessante l'articolo stesso. La penso come te, riguardo quanto detto dal vescovo bellunese: meglio non tentare, ma sappiamo benissimo che le menti malate agiscono anche laddove non c'è tentazione. Chi ragiona cristianamente, approva le parole del vescovo, chi non vede l'ora di dar contro al clero, trova il modo di rivoltare la frittata. Io però mi rivolgo alle persone cristiane cattoliche, affinché non si facciano irretire da certi giornalisti che vogliono trovare da ridire anche dove non ce n'è ragione! Noi dobbiamo lottare per difendere Cristo, e Cristo vive nella Sua Chiesa!!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi