AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

sabato 21 settembre 2013

Teresina e la Missione

Da “I miei pensieri” di Santa Teresa di Lisieux
L’espressione che più mi ha colpito, tra le tante, è quella citata qui sotto:

« l'ascenseur qui doit m'élever jusqu'au Ciel, ce sont vos bras, ô Jésus ! Pour cela je n'ai pas besoin de grandir, au contraire il faut que je reste petite, que je le devienne de plus en plus. »

« le tue braccia, o Gesù, sono l'ascensore che mi deve innalzare fino al cielo! Per questo io non ho affatto bisogno di diventare grande; bisogna anzi che rimanga piccola, che lo diventi sempre di più. »
 
La parte però sulla quale vorrei che riflettessimo, è quella nella quale Teresina si pone delle domande, alle quali dà risposte che potrebbero interessare la nostra stessa vita.
Forse Dio preferisce alcuni ad altri? L’interrogativo assilla Teresa, ma la risposta è semplice: conta essere quello che Egli vuole si sia.
“Ho aperto il Vangelo, e lo sguardo è caduto su alcune parole di Gesù: “Gesù salì sopra una montagna e chiamò a sé quelli che volle, e andarono a Lui” (Mc 3,13). Bene, ecco il mistero della mia vocazione, della mia vita tutta, e in particolare i misteri dei privilegi di Gesù sull’anima mia. Gesù non chiama quelli che sono degni, bensì chi vuole lui o, come dice San Paolo: “Dio ha pietà di chi vuole lui, ed usa misericordia a chi vuole lui. Non è dunque opera di chi voglia o di chi corra, bensì di Dio che usa misericordia”: (Rom 9,15-16).
A lungo mi sono domandata perché Dio avesse delle preferenze, perché tutte le anime non ricevessero un grado uguale di grazie. Mi stupivo nel vederLo prodigare favori straordinari ai Santi che l’avevano offeso, come San Paolo, sant’Agostino e che Egli, per così dire, forzava a ricevere le sue grazie. Oppure, leggendo le vite dei santi che a Nostro Signore piacque carezzare dalla culla alla tomba, senza lasciare sul loro passaggio alcun ostacolo che impedisse di elevarsi verso di Lui, e prevenisse queste anime con tali favori da non poter macchiare lo splendore immacolato della loro veste battesimale Mi domandavo perché i poveri selvaggi, per esempio, morissero in grande numero prima di aver nemmeno sentito pronunciare il nome di Dio. Gesù si è degnato di istruirmi su questo mistero, Egli ha messo davanti ai miei occhi il libro della natura e ho compreso che tutti i fiori che Egli ha creato sono belli, che lo splendore della rosa e il candore del giglio non tolgono nulla al profumo della violetta o alla semplicità incantevole della pratolina…Ho compreso che se tutti i piccoli fiori volessero essere delle rose, la natura perderebbe il suo ornamento primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di fiorellini…Lo stesso avviene nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù. Egli ha voluto creare i grandi santi che possono essere paragonati ai gigli e alle rose, ma ne ha creati pure di più piccoli. Questi devono accontentarsi di essere pratoline o violette destinate a rallegrare lo sguardo di Dio quando Egli lo abbassa ai suoi piedi. La perfezione consiste nel fare la Sua volontà, nell’essere quello che vuole che noi si sia”..
Non vado oltre, consiglio vivamente di procurarsi il testo di Teresina “I miei pensieri”, poiché vi sono spunti di riflessione davvero profondi, pur nella semplicità in cui la Piccola Santa si esprime.
C’è una considerazione che oggi è stata superata, ovvero che quei selvaggi citati da Teresina, che non hanno avuto la fortuna di ascoltare la Parola di Dio, non ne hanno alcuna colpa, e se la loro vita è conforme all’Amore, sono sicura che c’è posto anche per loro in Paradiso. Non c’è perdono, invece, per coloro che, pur avendo conosciuto l’Uomo-Dio, il Cristo Signore, e la Buona Novella da lui predicata, lo rifiutano. Egli infatti ha detto: “sarete giudicati dall’Amore”, ed ha sottolineato:
Il giudizio finale: giudicati sull’amore (Mt 25,31-40)


Santuario di Santa Teresa Bambin Gesù
Legnano
      “Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo.
Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere?
Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito?
E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti?
Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me” (25,31-40).

Chi rifiuta quindi gli insegnamenti del Signore, non sarà accolto: ben conosciamo la parabola della zizzania.

Santa Teresa del Bambino Gesù ha fatto proprie le opere di misericordia, perché sapeva che il Regno dei Cieli è il premio che spetta a coloro che hanno scelto di vivere seguendo gli insegnamenti di Cristo.
Casa della Carità - mensa dei poveri
Legnano
Non rifiutate quindi di dare il vostro aiuto ai bisognosi, in qualsiasi forma sia necessario, e non criticate quelli che lo fanno, pensando che l’accoglienza soprattutto quella verso gli extra-comunitari, sia un errore. Non lo è, il gesto è elogiabile, e gradito a Dio (ho fatto riferimento al brano del Vangelo proprio per evidenziare la Parola) sta poi a chi riceve aiuto, comportarsi in modo riconoscente e cercare di approfittare dell’occasione che gli è offerta, per dare un senso alla propria esistenza.

Padre Gabriele Mattavelli
Parroco del Santuario
A lungo missionario in Camerun ora prosegue
la sua missione a Legnano
insignito di Benemerenza Civica
per i meriti qui sotto riportati, riguardo alla Casa della
Carità
Non è un caso che, proprio nella Parrocchia dedicata alla Santina, ci sia una Casa della Carità – Mensa dei Poveri. Lei pregava per i missionari, ne è la Patrona.
E’ missione non solo partire verso lidi lontani per portare la Parola di Dio, ma anche accogliere chi viene da lontano, perché ha fame di pane e Amore.



Danila Oppio
Carmelitana secolare


 CASA DELLA CARITA'
La Casa della Carità di via Santa Teresa è una realtà che fa onore alla città di Legnano. E’ stata aperta nel 2003, ma è dal lontano 1929 che la comunità religiosa dei frati Carmelitani Scalzi assicura un piatto caldo a coloro che bussano alla porta del convento. Al suo interno opera una mensa dei poveri che garantisce tale servizio ininterrottamente 365 giorni all'anno (Natale e Capodanno compresi) grazie all'impegno di un folto gruppo di volontari che si alternano. Da quando è stata aperta hanno prestato la loro opera circa 200 persone. Attualmente la mensa può fare affidamento su una settantina di volontari, un numero che però è appena sufficiente a garantire i servizi. Senza il loro prezioso contributo non sarebbe possibile  assicurare in modo continuativo un pasto caldo a uomini e donne in difficoltà. 
La struttura vive di offerte e di versamenti effettuati tramite il 5 per mille. Un aiuto fondamentale è garantito dall'associazione Banco Alimentare, supermercati, panificatori, associazioni, singoli benefattori, imprenditori e da convenzioni stipulate con alcune scuole per il ritiro della frutta non consumata dagli alunni.

Mediamente la mensa garantisce ogni giorno un pasto caldo a 120  bisognosi, a cui si devono aggiungere persone di passaggio non facilmente quantificabili. Dal 7 luglio 2003 (giorno dell'inaugurazione) ad oggi, sono stati distribuiti in totale quasi 195mila pasti.
Frequentano la mensa in modo quasi uguale persone straniere (prevalentemente nord africani, rumeni e sud americani) e cittadini italiani residenti a Legnano e nei paesi dell'hinterland. 
La Casa della Carità ospita altri servizi sempre finalizzati ad aiutare persone che vivono situazioni di forte disagio. Particolarmente preziosa è l'attività svolta da Ambulamondo e Ambulabimbi, due strutture gestite da medici volontari che settimanalmente offrono consulenza sanitaria a stranieri indigenti, adulti e bambini. 



Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi