AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

venerdì 13 settembre 2013

SULLE ORME DEL P. GEROLAMO GRAZIANO


   Confesso di essere venuto alla sua conoscenza soltanto leggendo le Fondazioni della nostra S. Madre Teresa, ma con la superficialità di un novizio appena sedicenne. Nei quasi due anni di Teologia al Teresianum (64-66) seguii con interesse alcune conversazioni su di lui da parte del P. Ildefonso Moriones. Naturalmente gli stimoli aumentarono quando mi procurò una delle prime edizioni spagnole della “PEREGRINAZIONE DI ANASTASIO”, che lessi tutta d’un fiato. Mi avvinceva la scorrevolezza dello stile e la molteplicità dei temi affrontati: si apriva per me uno squarcio di storia teresiana delle origini del tutto sconosciuto. Una cosa comunque mi sembrava strana: la cortina di silenzio su di lui calata dalla storiografia ufficiale, benché fosse il confratello inoppugnabilmente più citato dalla nostra S. Madre Teresa. Com’era possibile che lei vedesse storto? Mi feci pertanto l’idea che lui fosse il vero incompreso della nostra storia e che andasse perciò riabilitato. Volli allargare le mie conoscenze leggendo anche quanto riportato dal P. Silverio nella sua monumentale storia degli Scalzi: Zelo per la propagazione della Fede, Josefina, Modo di governare i conventi ed altro. Mi riproponevo di fare qualcosa un domani, che venne sempre rimandato dallo stringente lavoro parrocchiale e dall’animazione missionaria nella mia Provincia lombarda. Poi ci fu il ritorno in Giappone e lì lo studio di quella lingua altamente impegnativa divenne preponderante.
   Si può dire che la brace non si era spenta del tutto, se bastò una fugace notizia su quanto i nostri confratelli del Nicaragua stavano preparando in vista del quarto Centenario della sua morte (1614-2014) con inizio delle celebrazioni nel prossimo settembre 2013. Soltanto che mi trovavo disarmato: con i tanti trasferimenti effettuati tra Italia e Giappone non sapevo più in quale scatolone fosse rimasta quell’edizione tascabile della Peregrinazione di Anastasio. Scrissi telematicamente a quei confratelli di fornirmi del materiale e così tradussi per loro in italiano un prontuario di semplici preghiere basate su espressioni del caro confratello. O meglio: ne curai la correzione in lingua italiana, eliminando tutti gli spagnolismi. Trovai miracolosamente nella piccola Biblioteca conventuale di Montechiaro la sua riedizione a cura del caro P. Juan Luìs Astigarraga, che ai miei tempi era organista e direttore del Coro del Teresianum.
Dalla sua Navarra l’ex Padre Generale mi stimolò a far conoscere in Italia l’illustre confratello e s’incaricò di farmi pervenire una copia di quel documentatissimo lavoro, tutta per me. Mi ci buttai dentro a capofitto e così verso la fine di maggio potevo mettere la parola fine alla prima stesura di questa traduzione, che però attende un faticoso lavoro di revisione sotto tanti punti di vista. Nel frattempo però volli curare anche la messa in scena di alcune pagine di storia del caro Padre mediante la stesura di schizzi colorati e relative letture poetiche. L’intento era quello di stuzzicare la curiosità soprattutto dei laici amici del Carmelo. Quando ad un caro confratello spagnolo chiesi “Quanti secondo te hanno letto l’intera Peregrinazione di Anastasio in spagnolo?”, sentii questa sconfortante risposta: “Credo proprio che tu sia uno dei pochi!”.Voglio sperare che si riferisse soltanto all’Italia... Tra l’altro posso dire di avere studiato lo spagnolo direttamente sugli scritti del caro Confratello.
   In musica ci sono delle Sinfonie ed Opere “incompiute” dall’autore perché arrivò prima la morte. Voglio augurarmi che non avvenga altrettanto per me.

 P. Nicola Galeno della Madonna del Carmine

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi