AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

giovedì 5 settembre 2013

SIETE TUTTI INVITATI A DIGIUNARE


IL DIGIUNO DI CHI NON CREDE

Appartengo a coloro che vivono senza un dio, spesso discriminati da una chiesa cattolica che se da un lato era bigotta, dall'altro era moralmente corrotta, cosa di cui Francesco è pienamente consapevole soprattutto per quello che riguarda la curia romana. Atei e agnostici, ancora più che gli appartenenti ad altre confessioni religiose sono sempre stati nel mirino della chiesa, senza arrivare agli attacchi parossistici di quando siamo stati addirittura scomunicati per appartenenza politica.
A onor del vero devo dire che il livello dei valori morali è spesso stato più alto tra le nostre fila che nella maggioranza dei cattolici. Cattolici che ipocritamente si dichiararono tali per convenienza sociale o interesse politico. cattolici che poi fanno il proprio comodo contravvenendo allegramente a quanto prescrive la dottrina della loro stessa religione. Pier Ferdinando Casini è il pubblico esempio più eclatante di questa squallida discrasia tra il professarsi credente e la vita quotidiana.
Francesco è il primo Papa della storia che ci nomina senza necessariamente volerci mettere al rogo, condannarci all'inferno o al limbo a seconda dei casi, perché i nostri figli logicamente non sono battezzati. E' il primo che ci riconosce come esseri umani senza nemmeno volerci convertire ad un qualcosa per noi impossibile. Personalmente, per quanto a qualcuno possa sembrare avventato, che dio non esiste, come non sia assolutamente possibile una vita dopo la morte, è una delle poche certezze che ho nella mia esistenza. Non mi ha sfiorato il dubbio nemmeno in nessuna delle tante occasioni dove quella certezza avrebbe, a ragione, potuto vacillare. Per questo motivo non ho mai partecipato alle marce di Assisi o ad altre similari manifestazioni. Con loro non avevo nulla a che spartire.
Non pensate che una persona con la mia storia possa essere così ingenua da pensare che la guerra si possa fermare con un digiuno ma è pur vero che Gandhi da solo vinse contro l'Inghilterra scacciandola dall'India e che alla fine i movimenti pacifisti americani fecero cessare la guerra in Vietnam. Anche in quel caso uno si mise a sedere e disse basta. Il mio gesto di aderire al digiuno di Francesco è naturalmente un gesto isolato che non avrà nessuna conseguenza particolare se non quella di farmi dimagrire qualche etto. E' l'insieme di milioni di gesti isolati che acquista uno spessore e da un senso a quella nullità d'azione che il singolo compie. E' il tuo vicino che lo fa con te, il barista dove la mattina prendi il caffè o il giornalaio dove prendi il giornale. Le coscienze si cambiano una alla volta a cominciare dalla nostra e, qualcuno, deve pur cominciare.
Cosa mi accomuna con Francesco in questo momento? La nostra diversa immortalità. Lui che pensa di rivivere dopo la morte, io che fino a quando anche uno solo crederà in un'idea  di libertà sarò immortale ed eterno. Io e Francesco abbiamo trovato un punto in comune. Mi ha chiesto una mano e tra immortali non gliela posso negare.
Gli agnostici e gli atei digiunano il 7 settembre e tu che fai ?


Massimo Mariani Parmeggiani

Questa confessione sincera dell'autore, fa molto riflettere. Resto dell'idea che chi si professa ateo, laico, e poi decide di "stare con il Papa", dentro il suo cuore ha più fede di me! Quindi non giudico, anzi, Massimo è un esempio da seguire, anche per noi cattolici!

2 commenti:

  1. Io, caro Massimo, visto che al digiuno può pensare facilmente solo chi da mangiare ne ha più di quel che gli serve e le sue dispense saranno piene anche il giorno dopo, 8 settembre,
    continuerò a fare quel che so fare: dar da mangiare.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Dar da mangiare, non significa digiunare.A chi non ha da mangiare tutti i giorni, non si può certo chiedere il digiuno, che è per loro fatto quotidiano! Brava Angie!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi