AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 3 giugno 2013

COSA STA ACCADENDO IN TURCHIA?


Per i miei amici che vivono al di fuori della Turchia:
Vi scrivo per farvi sapere che cosa sta succedendo a Istanbul negli ultimi cinque giorni.Io personalmente devo scrivere questo perché la maggior parte delle fonti dei media vengono bloccate dal governo e il passaparola e internet sono gli unici modi che ci permettono di spiegare quanto accade e chiedere aiuto e sostegno.
Quattro giorni fa un gruppo di persone la maggior parte delle quali non appartiene ad alcuna organizzazione o ideologia specifica, si sono riuniti in Gezi Park di Istanbul. Tra di loro vi erano molti miei amici e studenti. La loro ragione era semplice: per protestare ed impedire l'imminente demolizione del parco per permettere la costruzione un altro centro commerciale al centro della città. Ci sono numerosi centri commerciali a Istanbul, almeno uno in ogni quartiere! L'abbattimento degli alberi doveva cominciare giovedì mattina. La gente si recava al parco con coperte, libri e bambini. Ha messo la propria tenda verso il basso e hanno trascorso la notte sotto gli alberi. La mattina presto, quando le ruspe hanno iniziato a sradicare  gli alberi centenari dal terreno, tutti vanno verso di loro per interrompere l'operazione.
Non hanno fatto altre che restare in piedi davanti alle macchine.
Nessun giornale, nessun canale televisivo era lì per segnalare la protesta. E 'stato un  completo black out.
Ma la polizia è arrivata con i veicoli idranti e spray al pepe. Hanno cacciato la folla fuori dal parco.
In serata il numero dei manifestanti si è moltiplicato. Così hanno fatto anche di forze di polizia in tutto il parco. Nel frattempo il governo locale di Istanbul chiuse tutte le vie che portano alla piazza Taksim, dove si trova il Gezi Park. La metropolitana è stata chiusa, i traghetti sono stati annullati, le strade sono state bloccate.
Eppure, sempre più persone si fecero strada fino al centro della città a piedi.
Sono venuti da tutta Istanbul. Sono arrivati ​​da tutte le provenienze diverse, differenti ideologie, religioni diverse. Si sono tutti riuniti per impedire la demolizione di qualcosa di più grande del parco:
Il diritto di vivere come cittadini onorati di questo paese.
Si sono riuniti e hanno marciato. La polizia li ha inseguiti con spray al pepe e gas lacrimogeni e ha diretto i loro carri armati sulle persone che hanno offerto cibo alla polizia  Due giovani sono stati investiti da i panzer e sono stati uccisi. Un'altra giovane donna, una mia amica, è stata colpita alla testa da uno dei lacrimogeni in arrivo. La polizia  sparava dritto in mezzo alla folla. Dopo un'operazione di tre ore è ancora in terapia intensiva e in condizioni molto critiche. Mentre scrivo non sappiamo cosa le sta succedendo.Questo articolo è dedicato a lei.
Queste persone sono i miei amici. Sono i miei studenti, i miei parenti. Non hanno «un'agenda nascosta» come lo Stato vuol far credere. La loro agenda è là fuori. E 'molto chiaro.Tutto il paese è venduto alle società da parte del governo, per la costruzione di centri commerciali, condomini di lusso, autostrade, dighe e impianti nucleari. Il governo sta cercando (e creando se necessario) ogni scusa per attaccare la Siria contro la volontà del suo popolo.
In cima a tutto questo, il controllo del governo sulla vita personale del suo popolo è diventato insopportabile. Lo Stato, sotto il suo governo conservatore, ha varato molte leggi e regolamenti in materia di aborto, parto cesareo, la vendita e l'uso di alcool e anche il colore del rossetto indossati dalle hostess delle compagnie aeree.
Le persone che stanno marciando verso il centro di Istanbul chiedono il loro diritto di vivere liberamente e ricevere giustizia, la tutela e il rispetto da parte dello Stato.Chiedono di essere coinvolte nei processi decisionali riguardanti la città in cui vivono
Ciò che hanno ricevuto, invece, è una forza eccessiva e enormi quantità di gas lacrimogeno sparato dritto in faccia. Tre persone hanno perso la vista.
 Oltre duemila persone hanno oltrepassato il ponte sul Bosforo a piedi per sostenere il popolo di Taksim.
Nessun giornale o canale televisivo era lì a segnalare gli eventi. Erano impegnati con trasmissione di notizie su Miss Turchia e "il gatto più strano del mondo".
La polizia è andata a caccia di persone che hanno irrorato con spray al pepe in una misura che i cani e gatti randagi sono stati avvelenati e sono morti a causa di questo.
Scuole, ospedali e anche alberghi a 5 stelle intorno a Piazza Taksim hanno aperto le loro porte ai feriti. I medici hanno riempito le aule e camere d'albergo per fornire il primo soccorso. Alcuni agenti di polizia hanno rifiutato di spruzzare persone innocenti con gas lacrimogeni e hanno lasciato il loro lavoro. Intorno alla piazza hanno messo disturbatori per impedire la connessione Internet e le reti 3G sono state bloccate. I residenti e le imprese della zona hanno fornito rete wireless gratuita alle persone in  strada. Ristoranti offerto cibo e acqua gratis.
La gente di Ankara e Smirne si sono riversati sulle strade per sostenere la resistenza a Istanbul.
I media tradizionali ignorano tutto, trasmettendo programmi su  Miss Turchia e "il gatto più strano del mondo".
***
Sto scrivendo questa lettera in modo da far conoscere cosa sta succedendo a Istanbul. I mass media non vi diranno niente di tutto questo. Non nel mio paese almeno. Si prega di inviare il maggior numero articoli, come si vede su Internet e diffondere la notizia
Poiché ho pubblicato articoli che spiegano ciò che sta accadendo a Istanbul sulla mia pagina di Facebook, la scorsa notte qualcuno mi ha chiesto la seguente domanda:
«Cosa speri di ottenere lamentandoti  del nostro Paese, rivolgendoti agli stranieri?»
Questo blog è la mia risposta alla sua.
Col cosiddetto «lamentarmi» del mio paese spero di ottenere:
La libertà di espressione e di parola,
Il rispetto dei diritti umani,
Controllo sulle decisioni che prendo riguardo alla mia persona
Il diritto di riunirsi legalmente in qualsiasi parte della città senza essere considerato un terrorista.
Ma più di tutto, diffondendo la parola a voi, miei amici che vivono in altre parti del mondo, spero di ottenere la vostra consapevolezza, sostegno e aiuto!
Si prega di diffondere il messaggio e condividere questo blog.
Grazie!
Per ulteriorI informazioni e per quanto potrete fare per aiutare collegatevi a Amnesty International Chiamata per un aiuto urgente
Qui sotto, il link diretto, in lingua inglese, che ho cercato di tradurre al meglio in italiano.

2 commenti:

  1. "Credevano, gli uomini, che la cosa più bella è più importante non fosse quella bellezza del mondo concessa per il bene di tutte le creature, ma fosse, la cosa più importante, ciò che essi avevano escogitato per poter dominare gli uni sugli altri" (Leone Tolstoj). Quando impareranno, gli stolti uomini, a non dominare gli uni sugli altri????

    RispondiElimina
  2. Mi chiedo fin quando permetteremo a quell'Erdogan di continuare a passare sopra metà del suo popolo,rendendone
    complice l'altra metà. Non sta accadendo in un posto nascosto, in un mondo lontano, ma qui proprio a due passi dall'Italia.
    E chissà che meraviglia hanno provato 'quegli islamici' nel trovare una resistenza così continua che, una volta fiaccato
    un fronte, lo ricreano senza arretrare. Chissà che a qualcuno di 'quegli islamici' non gli venga il sospetto che la gente
    che lo fronteggia ha coraggio e il coraggio di offrire la faccia, non solo di mostrarla, come si dice qui da noi dei politici
    nuovi. E chissà che a qualcuno di 'quegli islamici' non venga il sospetto che quella gente che la faccia gliela mette, proprio
    davanti agli sciacquoni urticanti, forse si chiama POPOLO, esattamente come loro.

    Angela Fabbri

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi