AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

domenica 21 aprile 2013

LE FRITTELLE DEL PAPA E PAPA FRANCESCO


Le frittelle del Papa



“ Va proprio bene “ disse Sua Santità chiudendo l’agenda degli impegni “ Domani a mezzogiorno saremo in visita a dei piccoli orfani. Abbiamo tutto il tempo. Miei cari Vescovi e miei cari Cardinali, togliamoci vesti e sopravvesti e anche le tonache da preti “.
Tutti lo guardarono.
“ Non vi sto chiedendo di rinunciare alla vostra fede e al vostro sacerdozio. Vi chiedo solo di rimboccarvi le maniche e venire con me in cucina. Faremo le frittelle! “
Il Papa si avviò.
Il maestro di cerimonie che lo precedeva, disse a voce alta, rivolto ai cuochi << Extra homenes! >>
“ No no “ lo interruppe il Papa, “ loro ci servono. E’ vero che so fare le frittelle, ho imparato tanti anni fa da mia madre, ma non conosco la cucina, le padelle, dove sono gli ingredienti. Via, non rendetemi tutto così difficile, signor maestro di cerimonie.
Questo non è un Conclave. Dopotutto sono ancora qui, dovete convenirne.
E, più che un Consiglio di Stato, questa è una riunione di cucina: ho bisogno di avere intorno chi ha già le mani in pasta.
Noi siamo solo degli uomini di idee e, in questo preciso momento, soprattutto degli apprendisti in materia “

Era venuta sera. Tutti i vassoi della cucina erano ricolmi di frittelle: di riso, di mele, di crema.
E il Papa e i suoi Vescovi e i suoi Cardinali erano impiastricciati di pastella e odorosi di fritto fresco.
<< Santità, non vorreste … >> gli sussurrò a bassa voce il Segretario di Stato.
“ Lavarmi le mani? E’ proprio ciò che non ho inteso fare scendendo qui in cucina.
Domani i nostri piccoli orfani saranno felici di ricevere quello che, umilmente, oggi abbiamo fatto con le nostre mani.
Questo è il più bell’Angelus che abbiamo composto insieme.
Mi congratulo con tutti voi “
E si avviò. Ma sulla porta si volse, sorrise e benedisse i cuochi, gli aiuto cuochi, gli inservienti, gli sguatteri e l’intera cucina, frittelle comprese.
Poi parlò di nuovo “ La prossima volta friggeremo il pesce. Preparatevi, figli miei “
E uscì mormorando al Segretario di Stato “ Sapete come si fa? Ci vogliono molte varietà di pesci, che vanno fritte secondo un certo ordine … “

Angela Fabbri (Ferrara CNN 19-20 agosto 2011 e 27 febbraio 2012)

Le frittelle del Papa, quindi nè mie nè tue, ma sue (e speriamo di vedere quante ne friggerà)  
hanno appena ricevuto la medaglia di merito al Premio "Città di Empoli 2013". Premiazione a fine estate.
Mi congratulo con Angela Fabbri che, grazie a queste squisite frittelle e ad un Papa che si è prestato a cucinarle, ha ottenuto l'importante premio. Sono colpita dalla premonizione della scrittrice (o scrittore? Non so mai come definire Angela) riguardo al nuovo Papa, che pare abbia tutte le caratteristiche di quel Papa descritto nel breve racconto.

Osservate bene la data in cui questo racconto (l'autrice ama definirlo Parabola) è stato scritto. Niente faceva supporre che ci sarebbe stato un Papa Francesco, così semplice, umile ma soprattutto attento alle necessità altrui.

Vien da domandarsi: ma a quanti sarà mai capitato, sia pure nei secoli? Sapendo già che la risposta è verosimilmente: a nessuno. Perchè trovarsi il Papa che esce dal suo appartamento e vi porta un panino con la marmellata, preparato da lui stesso, sono cose che a raccontarle è perfino impossibile crederci.
Almeno fino a quando non è stato eletto, pochi giorni fa, il nuovo Papa Francesco, argentino sì, ma con i bisnonni astigiani. E da quel momento è successo e puo' succedere di tutto, sempre cristianamente parlando, perchè, come sottolineano, magari con blasfema ironia, i miscredenti, questo è un Papa che a Dio ci crede per davvero.
Fatto sta che, proprio sul settimanale Vanity Fair di questa settimana, la godibilissima penna di Pino Corrias, nella sua rubrica Sì, Grazie, ci racconta questo incredibile, quanto commovente episodio che rivela, se mai ce ne fosse ancora bisogno, la grande umanità e umiltà del nuovo Pontefice.
Il 'fattaccio' è accaduto, qualche mattina fa, all'alba, l'ora in cui il Papa si alza ma, stavolta, apre la porta e nota la guardia svizzera, con tanto di alabarda, che è lì a far da sentinella. "E tu cosa ci fai qui? Sei stato sveglio tutta la notte?", lo interroga Papa Francesco. "Sì", risponde lui con deferenza e un po' sorpreso. "In piedi?", insiste il Papa. "Santità, mi sono dato il cambio con un collega". "E non sei stanco?". "Lo faccio perchè è il mio dovere. Santità, devo vegliare sulla sua sicurezza".
Papa Francesco lo guarda di nuovo, poi rientra nel suo appartamento e se ne torna, subito dopo, con una sedia in mano: "Adesso, almeno riposati".
La guardia svizzera strabuzza gli occhi: "Santo Padre , non posso. C'è il regolamento". "Quale regolamento?". "Lo ordina il mio capitano". Papa Francesco sorride: "Bè, io sono il Papa e ti ordino di sederti". Poi rientra di nuovo nell'appartamento e, trascorsi pochi minuti, è di nuovo accanto alla guardia svizzera, obbedientemente seduta sulla sedia portata dal Papa. "Con tutte le ore passate in piedi a fare la guardia avrai un po' di fame", insiste Papa Francesco e, mentre lo dice, gli allunga un panino con la marmellata, che gli ha appena preparato. Non gli da neppure il tempo di obiettare perchè lo saluta con un: "Buon appetito fratello".
Ecco, a questo punto, voi lettori cosa ne pensate se ci mettiamo tutti quanti a fare la ola a questo grande Papa Francesco?
Umberto Marchesini

Qualcuno ha messo in giro la voce che la storia del Papa e della Guardia svizzera sia una vera bufala. Forse perché pare impossibile che un Papa possa "servire" chi dovrebbe servirlo? E Gesù, allora? Gesù forse non ha lavato i piedi agli apostoli, Lui che era il loro Maestro? Questo dovrebbe fare un Papa, e non una volta soltanto, ma sempre..come cucinare frittelle e pesci, per gli affamati, siano essi bambini o popoli interi ridotti alla miseria più nera. Ovvio, tutto potrebbe essere metafora, ma poiché parliamo del Papa, tutto allargato su vasta scala. Tutti noi avvertiamo che questo Papa è stato voluto dallo Spirito Santo, in questo periodo storico molto difficile. A volte basta un piccolo gesto, un "Buonasera", quel sedersi in mezzo ai fedeli, durante una Celebrazione Eucaristica, o quell'offrire una sedia, un panino, oppure telefonando ad un parroco per informarlo che quel giorno avrebbe concelebrato con lui. Piccoli gesti, è vero, e magari ci si aspettavano gesti eclatanti, stravolgimenti totali, io per prima, ma occorre dire che a volte sono i piccoli gesti a rivelare l'anima di un uomo, la sua vera umanità!
Danila Oppio






Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi