AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 31 marzo 2015

Buona Settimana Santa e Felice Pasqua del Signore!

GESU’ RISORTO…MERAVIGLIOSA NOTIZIA!

  Cristo Risorto: mosaico del Padre Gesuita Marko Ivan Rupnik
Forse vi parrà strano e fuori dai noti canoni questo mio scritto, ma se l’ho fatto è perché ha un senso. L’avevo pubblicato il 25 ottobre 2011 sul mio sito spirituale Il Paradiso non può attendere (http://www.ilparadisononpuoattendere.blogspot.it/) ovvero questo, e sono stata colpita dal numero di lettori che lo hanno letto fino ad oggi, bel 11.753. E’ pur vero che da quando esiste questo blog, i lettori di tutto il mondo - e per tutto intendo anche i Paesi più lontani, che meno mi sarei aspettata avessero interesse a leggere quanto ho pubblicato - sono stati, nel giro di quattro anni o poco più, 376.500. Non pochi, vero?  Pure appartenenti a quelle Nazioni in cui si pratica la religione ebraica o musulmana o cristiana di altre Chiese. Sono pertanto convinta che si può fare apostolato anche attraverso un blog! Allora ho pensato che forse questo mio articolo potrebbe interessare i parrocchiani di S. Teresa, che avevo titolato Superman, Spiderman, Batman & Co. (per bambini e non).

“Ecco un manipolo di moderni eroi! Sono quelli che fin da bambini ognuno voleva imitare: forti, capaci d’imprese straordinarie, combattono i cattivi, il male, compiono gesta che hanno del miracoloso e che affascinano.
Chi non ha mai posseduto un fumetto di Superman (un tempo si chiamava Nembo Kid), o dell’Uomo Ragno (Spiderman), o dell’Uomo Pipistrello (Batman), oppure non ha mai avuto tra le mani un pupazzo che li raffigurava?
E chi non è mai andato al cinema per vederne le imprese in un film dagli effetti speciali? E poi pensiamo a quell’ominide grigio, ma spesso di color verde, detto impropriamente Marziano, i cui appassionati di fantascienza credono possibile la sua esistenza. Il famoso E.T. per esempio, ha incantato milioni di bambini e di adulti Tutti, indifferentemente, eroi del nostro tempo.
Allora, se arriviamo a credere che questi eroi abbiano forza sovrannaturale, poteri impossibili all’uomo normale, se immaginiamo che altre creature provengano da mondi lontani, come mai non riusciamo a credere che Gesù Cristo ha fatto miracoli straordinari, perché Lui stesso è extraordinarius? Perché non credere che provenga dal Cielo – che è un mondo diverso dal nostro e in una dimensione spirituale molto differente dalla nostra terrena? Perché non dovrebbe essere nato da una Superdonna, pura come un angelo, e casta come un fiore? E che ha avuto come Padre il Creatore dell’intero Universo? Perché si deve pensare che degli alieni abbiano visitato la Terra, e dubitiamo che gli Angeli ci siano accanto, invisibili ma presenti?
Però molti credono ai fantasmi, agli ectoplasmi, agli spiriti negativi e a quelli positivi. Maghi, streghe e fattucchiere hanno sempre abitato la mente dei narratori, raccontando fantastiche meraviglie, influenzando i lettori.
Pare più facile credere nelle favole, nei racconti di fantascienza, negli eroi dei fumetti, nell’invasione degli alieni, che in Gesù Cristo!
Eppure il Figlio di Dio è realmente venuto su questa Terra, è passato facendo miracoli eccezionali, è risalito al Cielo, PRIMIZIA DEI RISORTI, e ci ha promesso che tornerà (Parusia). Lui sì che ha combattuto contro il male, ma non sferrando un pugno o lanciando una rete, bensì usando parole dolcissime, insegnando la pace e l’amore, guarendo i malati e resuscitando i morti.
Ed è morto per noi, soffrendo atroci dolori sulla Croce, per salvarci, ma è risorto per donare la Speranza nella nostra stessa risurrezione.
Ora ditemi, chi è il vero eroe, l’Uomo da imitare, da ammirare e da adorare? E chi è la Superdonna che Gli è Madre?
Io non ho alcun dubbio: sono GESU’ E MARIA!”.
Vi chiederete perché ho avuto l’idea di scrivere tutto questo? Sono persuasa che a volte la nostra fede vacilla, che spesso diventiamo tiepidi credenti, che qualche volta s’insinua nella mente il dubbio sulla realtà di Cristo, e come abbia potuto Risorgere dopo la crocifissione. La scienza nega la possibilità della risurrezione. Il mondo ci irretisce, cerca di far vacillare la nostra fede, talvolta ci prende in giro, chiedendoci se crediamo ancora alle favolette della religione. Succede sempre più di frequente, e non dobbiamo lasciarci influenzare da chi opera per allontanarci da Dio. Teniamo salda la nostra fede, perché è solo lei che ci offre la Speranza, che ci fa vivere sereni, poiché ci insegna qual è la Via giusta da percorrere e ci dona la certezza di ottenere lo stesso dono che Cristo ha avuto dal Padre: la vita eterna in Paradiso.
Il Signore è risorto, è veramente IL RISORTO!
Felice Santa Pasqua a tutti!
Danila Oppio ocds
articolo pubblicato sull'Informatore Parrocchiale "INSIEME" del Santuario di Santa Teresa del Bambino Gesù dei Carmelitani Scalzi di Legnano (Mi)





2 commenti:

  1. Ci vuole molta umiltà per aver fede. E non parlo solo della fede in Dio, parlo anche della fede nei propri simili, nelle cose del mondo, in tutto ciò che non solo ci circonda ma sta dentro di noi e scorre dentro di noi. Parlo della vita e della sua interruzione. Ci vuole molta umiltà per accettare tutto quello che ci è stato dato e tutto quello che ci viene tolto ogni giorno, dal semplice passare del tempo.
    Ci vuole molta umiltà per aver fede. Sono felice che tu abbia entrambe, Danila. Se mi aspetti, ci provo anch'io.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Sono sempre pronta ad aspettarti, anzi, prendiamoci per mano e camminiamo insieme! E' importante credere, e fede significa non solo credere, ma fidarsi, anche nel prossimo, oltre che nel Signore. Io per esempio, mi fido ciecamente, oltre che di Dio, anche di te. So che sei persona vera, sincera e leale.
    Danila

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi