AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 16 giugno 2014

In memoria di Sr. Maria Agnese Benedettina

Sr. M. Agnese in Rwanda (a destra).


















Luigia De Lorenzi prima del suo ingresso in Monastero

 Il 14 giugno 2014 il Signore ha chiamato a sé la nostra cara consorella
Sr. M. Agnese De Lorenzi OSB
di anni 94 e 77 di Professione monastica.

Luigia, originaria di Teòlo (Padova), molto determinata, a 16 anni fa il suo ingresso nel nostro Monastero su indicazione dei monaci di Praglia, non essendoci più posto nei noviziati della Diocesi di Padova.
Emette la Professione il 5 ottobre 1937, allora memoria di S. Placido m.
Il suo carattere molto aperto e gioioso la predisponeva ad avere facilità nei rapporti personali vivendo al contempo una profonda vita interiore.
La sua spiritualità la esprimeva in un grande amore per la celebrazione dell’Ufficio Divino al quale ha partecipato fin quando la lucidità glielo ha permesso; ma pur nella malattia non ha mai perso la capacità di trasmettere il senso di preghiera e di pace che viveva interiormente.
Impegnata nella nostra Comunità in diverse attività: maglieria, dispensiera, aiuto economa e infermiera, incaricata dell’accoglienza degli ospiti e Maestra delle Novizie.
Nel 1968 su richiesta del A. I. M. (Aiuto Implantazione Monasteri) e della Congregazione dei religiosi si rende disponibile per un aiuto alla Comunità della fondazione belga di Maredret a Sovu in Rwanda dove vi trascorrerà 26 anni conquistando la simpatia e l’affetto di tutti coloro che l’hanno conosciuta. La sua presenza è stata di riferimento e pacificante la Comunità.
Rientra in Italia per gravi motivi di salute alla vigilia del grande genocidio.
Nel 1995, su richiesta della comunità ruandese sfollata in Belgio, viene inviata per un’analisi della situazione dei Monasteri di Sovu e di Kigufi dopo la terribile guerra civile nella quale avevano perso la vita nove Consorelle ruandesi.
Rientrata definitivamente nelle nostra Comunità vi trascorre serenamente gli ultimi anni della sua vita in completo abbandono alla volontà di Dio.
Da uno scritto autografo di Sr. Agnese (1994 ca.):
“Padre Santo, vengo a Te! Ecce quod concupivi iam video… sì, Padre, è da tanto tempo che aspetto la Tua chiamata, che desidero il tuo incontro definitivo!... conosco la mia povertà, la mia miseria; ma ho sempre avuto ed ho una grande fiducia, non nei miei meriti, ma nella Tua grande misericordia. Grazie per tanti Tuoi doni. Sì, il Tuo Amore per me è stato grande; mi hai ricolmata di grazie, mi hai accompagnata e Ti sei rivelato fin dalla mia tenera giovinezza con i Tuoi lumi e richiami.
Da parte mia, nonostante le mie grandi deficienze, ho cercato di seguirti sempre con filiale abbandono alla Tua volontà. Ti ho seguito per vie davvero da me inaspettate e solo la Tua grazia ha potuto farmi sormontare tante difficoltà e pericoli!... Il mio abbandono in Te è sempre stato la mia forza. Tenere la mia mano nella Tua mi è stato di grande conforto anche nei momenti più duri e difficili!...
Ho cercato la sincerità del cuore e la verità… e con questa sincerità ho amato tutti i Fratelli, ma specialmente tutte le Consorelle dei vari Monasteri con le quali sono vissuta più o meno a lungo, e questo, in modo particolare le mie Consorelle del Monastero di S. Benedetto, parecchie delle quali sono già in cielo. Sì, sono tanto grata e riconoscente alle Madri e Consorelle del mio Monastero nel quale ho fatto la mia Professione. La lontananza non mi ha mai fatto dimenticare la carità e le attenzioni avute nei miei confronti, specialmente durante la mia lunga malattia. Sono felice che il Signore abbia disposto che io vi ritorni per morirvi!...”

 










Sr. M. Agnese lo scorso S. Natale.

In memoria di Sr. M. Agnese De Lorenzi, OSB

(di anni 94 e 77 di Professione monastica, chiamata al Cielo il 14-6-2014)
(Parafrasi da un suo scritto di venti anni)

TI VEDO FINALMENTE 

Ti vedo finalmente, Oggetto amato!
Da tanto tempo aspetto la chiamata
per sigillar l’incontro nell’eterno!
La mia povertà, la mia miseria
non perdo mai di vista, ma confido
soltanto nella tua misericordia.
Grazie per i tuoi doni: fu l’Amore
grande nei miei confronti. M’hai colmata
di grazie, accompagnando questi passi
sin dalla giovinezza coi tuoi lumi.
Pur conscia dei miei limiti, ti volli
assecondare con filiale ardore.
Furon davvero tante e inaspettate
le vie che percorsi: la tua Grazia
mi fece sormontar molti perigli.
Davvero fu mia forza solamente
l’essermi abbandonata tutta in te!
Tenere la mia mano nella tua
in quei momenti tragici divenne
l’unico mio conforto genuino.
Sincerità del cor e verità
furon costante oggetto di ricerca...
Con tal sincerità seppi i fratelli
e le sorelle circondar d’affetto.
Come dimenticar tutte coloro
che già mi precedettero alla sponda
del Cielo? Sono grata alle sorelle
di questo Monastero, che mi vide
emetter la mia prima Professione.
Neppur la lontananza scalfir seppe
tanta riconoscenza. Nel vedermi
ancor di puro affetto circondata
in questa prolungata malattia,
dò lode al quel Signore che mi volle
far ritornare qui perché potessi
chiuder serenamente il mio cammino.

(Parma 16-6-2014), Padre Nicola Galeno

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi