AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 19 luglio 2010

DEDICARE IL TEMPO DEL RIPOSO ESTIVO, RIPOSANDO IN DIO


  1. "Sai qui al mare,l'Arcivescovo ieri ha detto la Messa e ho scoperto che sia la Lectio Divina, che  tiene nella  zona tra Ravenna e Cervia e le conferenze sulla Cristologia, le ha organizzate lui per i turisti, perchè sa che abbiamo sete e cerchiamo dove abbeverarci.Ciò mi ha particolarmente colpito!".

Ho ricevuto questa email ieri, da una cara amica, e ho riflettuto tutta sera, pensando che avrei potuto parlarne in questa sede. 
Un'altra amica mi ha inviato l'Angelus del Papa, che ha recitato al balcone del cortile interno del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo e che sono lieta di riportare:
 PRIMA DELL'ANGELUS

Cari fratelli e sorelle!

Siamo ormai nel cuore dell’estate, almeno nell’emisfero boreale. E’ questo il tempo in cui sono chiuse le scuole e si concentra la maggior parte delle ferie. Anche le attività pastorali delle parrocchie sono ridotte, e io stesso ho sospeso per un periodo le udienze.

E’ dunque un momento favorevole per dare il primo posto a ciò che effettivamente è più importante nella vita, vale a dire l’ascolto della Parola del Signore. Ce lo ricorda anche il Vangelo di questa domenica, con il celebre episodio della visita di Gesù a casa di Marta e Maria, narrato da san Luca (10,38-42).

Marta e Maria sono due sorelle; hanno anche un fratello, Lazzaro, che però in questo caso non compare. Gesù passa per il loro villaggio e – dice il testo – Marta lo ospitò (cfr 10,38).

Questo particolare lascia intendere che, delle due, Marta è la più anziana, quella che governa la casa. Infatti, dopo che Gesù si è accomodato, Maria si mette a sedere ai suoi piedi e lo ascolta, mentre Marta è tutta presa dai molti servizi, dovuti certamente all’Ospite eccezionale.

Ci sembra di vedere la scena: una sorella che si muove indaffarata, e l’altra come rapita dalla presenza del Maestro e dalle sue parole. Dopo un po’ Marta, evidentemente risentita, non resiste più e protesta, sentendosi anche in diritto di criticare Gesù: "Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti". Marta vorrebbe addirittura insegnare al Maestro! Invece Gesù, con grande calma, risponde: "Marta, Marta – e questo nome ripetuto esprime l’affetto –, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta" (10,41-42).

La parola di Cristo è chiarissima: nessun disprezzo per la vita attiva, né tanto meno per la generosa ospitalità; ma un richiamo netto al fatto che l’unica cosa veramente necessaria è un’altra: ascoltare la Parola del Signore; e il Signore in quel momento è lì, presente nella Persona di Gesù! Tutto il resto passerà e ci sarà tolto, ma la Parola di Dio è eterna e dà senso al nostro agire quotidiano.

Cari amici, come dicevo, questa pagina di Vangelo è quanto mai intonata al tempo delle ferie, perché richiama il fatto che la persona umana deve sì lavorare, impegnarsi nelle occupazioni domestiche e professionali, ma ha bisogno prima di tutto di Dio, che è luce interiore di Amore e di Verità.

Senza amore, anche le attività più importanti perdono di valore, e non danno gioia. Senza un significato profondo, tutto il nostro fare si riduce ad attivismo sterile e disordinato. E chi ci dà l’Amore e la Verità, se non Gesù Cristo? 

Impariamo dunque, fratelli, ad aiutarci gli uni gli altri, a collaborare, ma prima ancora a scegliere insieme la parte migliore, che è e sarà sempre il nostro bene più grande."

Incredibile come la teoria dei vasi comunicanti continui ad essere presente nella mia vita!!  Un'amica mi racconta un fatto, un'altra mi manda qualcosa - foto e Angelus del Papa - che è perfettamente in argomento, ed io stavo da un po' pensando di pubblicare un articolo che sottolineasse l'importanza di utilizzare il periodo di riposo estivo per soffermarsi e riflettere sulla propria vita spirituale. Insomma, non solo bagni di sole e di mare, ma anche bagni di spiritualità!!! Poi temo sempre di non essere in grado di spiegarmi al meglio, così il meglio l'ha spiegato il Papa stesso. Che meravigliosa risposta!!La foto del Papa, la cui figura si riflette nel laghetto, è illuminante. Noi dobbiamo essere come quello specchio d'acqua, e riflettere nel nostro animo la Parola di Dio, e saperla poi rispecchiare anche nella vita quotidiana, come fossimo portatori di  luce noi stessi, di quella Luce divina che abbiamo ricevuto dal Padre.
Grazie Irene per lo spunto, e grazie a Maria per il materiale che mi ha inviato, grazie al Pontefice per l'intensa omelia evangelica, grazie al Signore per questi grandi doni che mi ha elargito, amicizie autentiche e  la guida spirituale di un Papa di elevato valore, e grazie a tutti voi che avete la pazienza di leggere queste mie povere ma sentite pagine!  
           b u o n e  vacanze con il nostro caro amico Gesù!!!!


2 commenti:

  1. Si...grazie al nostro caro Papa!

    Sai, io penso che, sfruttate bene, le ferie possano essere una vera miniera per la vita spirituale.

    In primo luogo c'è tanta "natura" che ci parla della Bellezza Divina, natura che possiamo contemplare meglio perché il clima consente di uscire o perché le vacanze ci permettono di rilassarci al mare o in montagna....

    Poi c'è anche modo di vedere le bellezze dell'arte, che spesso vengono rese più fruibili proprio per i turisti...e anche quelle elevano l'animo a Dio.

    Ci sono anche le occasioni come quelle di cui ti ha scritto Irene (bella l'iniziativa!), oppure si può approfondire personalmente, con una buona lettura, nel tempo libero...

    Allora la vacanza, non è ozio, ma contemplazione, a livello diversi, con mezzi diversi, ma sempre un buon modo di rendere lode al Creatore e di conoscerLo meglio!

    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione!! Dio si manifesta nella Creazione così come nelle creature (e le opere d'arte sono un dono speciale che Dio ha elargito agli artisti)
    Grazie per aver ampliato il discorso su come spendere bene il tempo libero delle vacanze!!!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi