AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

sabato 6 febbraio 2016

Quaresima di Misericordia



Dal 8 dicembre 2015 al 20 novembre 2016 si svolge il Giubileo straordinario della Misericordia, indetto da Papa Francesco il 13 marzo 2015, a due anni dalla sua elezione al soglio pontificio. Francesco ha invitato tutti i credenti a vivere questo tempo di grazia per toccare con mano la tenerezza del Padre misericordioso, «perché la fede di ogni credente si rinvigorisca e così la testimonianza diventi sempre più efficace». 

Da Misericordiae Vultus BOLLA DI INDIZIONE DEL GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA MISERICORDIA

1. Gesù Cristo è il volto della misericordia del Padre. Il mistero della fede cristiana sembra trovare in questa parola la sua sintesi. Essa è divenuta viva, visibile e ha raggiunto il suo culmine in Gesù di Nazareth. Il Padre, «ricco di misericordia» (Ef 2,4), dopo aver rivelato il suo nome a Mosè come «Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira e ricco di amore e di fedeltà» (Es 34,6), non ha cessato di far conoscere in vari modi e in tanti momenti della storia la sua natura divina. Nella «pienezza del tempo» (Gal 4,4), quando tutto era disposto secondo il suo piano di salvezza, Egli mandò suo Figlio nato dalla Vergine Maria per rivelare a noi in modo definitivo il suo amore. Chi vede Lui vede il Padre (cfr Gv 14,9). Gesù di Nazareth con la sua parola, con i suoi gesti e con tutta la sua persona1 rivela la misericordia di Dio. (…)
5. L’Anno giubilare si concluderà nella solennità liturgica di Gesù Cristo Signore dell’universo, il 20 novembre 2016. In quel giorno, chiudendo la Porta Santa avremo anzitutto sentimenti di gratitudine e di ringraziamento verso la SS. Trinità per averci concesso questo tempo straordinario di grazia. Affideremo la vita della Chiesa, l’umanità intera e il cosmo immenso alla Signoria di Cristo perché effonda la sua misericordia come la rugiada del mattino per una feconda storia da costruire con l’impegno di tutti nel prossimo futuro. Come desidero che gli anni a venire siano intrisi di misericordia per andare incontro ad ogni persona portando la bontà e la tenerezza di Dio! A tutti, credenti e lontani, possa giungere il balsamo della misericordia come segno del Regno di Dio già presente in mezzo a noi.(…)



Quindi, l’amore è la chiave di tutto. L’amore immenso per cui Gesù Cristo ha scelto la croce per redimere i nostri peccati, e quel povero, piccolo amore, che noi creature doniamo al Padre e ai fratelli. Sempre molto misero, rispetto alla Divina Misericordia, che è Amore assoluto.
Nell’ultimo giorno tutti, cristiani e non cristiani, saremo giudicati sull’amore, e ci sarà chiesto di rendere conto del servizio amoroso che avremo praticato quotidianamente verso i fratelli e le sorelle, soprattutto verso i più bisognosi. E così il giudizio svelerà la verità profonda della nostra vita quotidiana, il nostro vivere o meno l’amore qui e ora: “Impariamo dunque a meditare su un mistero tanto grande e a servire Cristo come egli vuole essere servito” (Giovanni Crisostomo).
Concludendo, chi tende la propria vita cercando di essere disponibile, accogliente, generoso con gli altri, confidando sempre nell’aiuto del Padre, e lo fa con amore, sarà benvoluto da Dio e avrà la Sua misericordia. E non ferirà il prossimo, né con un’arma, né con la lingua. Il Creatore, infatti, sa bene che noi siamo imperfetti, e sono convinta che sia dovuto a sua precisa volontà, per offrirci l’occasione di conformare noi stessi a immagine dei suo Figlio Gesù. Lui è il modello al quale dobbiamo tendere, e anche se non raggiungeremo l’imitazione di Cristo, Dio apprezzerà l’impegno. Non elencherà gli sbagli che abbiamo commesso nella vita, ma soppeserà la forza dell’amore che ha guidato il nostro cuore nella direzione insegnataci da Gesù.
Credo sia necessaria – profittando di questa Quaresima - una profonda analisi di come possiamo dare una svolta decisiva, laddove i nostri passi hanno deviato dalle orme di Cristo.  Possiamo chiederci, ponendo alla nostra coscienza una sola domanda: “Quanto ho amato veramente, incondizionatamente, senza nulla pretendere?”
Danila Oppio ocds
pubblicato sul Bollettino Parrocchiale del santuario di S. Teresa del Bambino Gesù di Legnano


Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi