AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

domenica 25 ottobre 2015

Dal Diario di P. Nicola Galeno: Nagasaki - Giappone

Non posso che condividere quanto P. Nicola ocd ha pubblicato sul suo sito 
Lì vi troverete molto altro, ma questo ho voluto trasportarlo anche nel presente Blog ad impronta carmelitana. Vi prego di leggerlo, non solo per come il religioso Carmelitano ha saputo descrivere la sua visita al luogo dove è caduta la bomba atomica, ma per il contenuto che riporta il pensiero a quella tragedia che si poteva evitare. 
Prima della lettera di Padre Galeno, vorrei farvi leggere un brevissimo racconto che scrissi un paio di anni fa,  di sole 100 parole, e che è contenuto in un e-book edito da Pragmata. Ha a che fare con quanto ricorda P. Nicola. Mi è stata inviata questa immagine, ed io avrei dovuto scrivere l'impressione che mi ha trasmesso.
Ed eccola:


Da anni desideravo rivedere la spiaggia di Marebello.
Calma piatta, mentre i miei piedi, gonfi di atavica stanchezza, si lasciano accarezzare dalle languide onde del mare, che s’infrangono sulla battigia.
Arriva da lontano, un vortice rabbioso, un ululare sordo, minaccioso, s’avvicina. Quella sua forma a fungo, ricorda lo spaventoso evento del 1945 quando, il mattino del 6 agosto, alle ore 8,16, L’Aeronautica Militare Statunitense sganciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima, seguita, tre giorni dopo, dal lancio dell’ordigno “Fat man” su Nagasaki.
Quanto dolore hanno provocato un ragazzino e un ciccione!
La natura ricorda ancora, ribellandosi.

Danila Oppio ocds











     



Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi