AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

martedì 16 settembre 2014

Un sacco troppo pesante?



Qualche giorno fa, durante la S Messa pomeridiana, il sacerdote  ha raccontato questa parabola nella sua omelia: 
Un uomo torna dal lavoro e trova un enorme sacco di patate davanti alla porta della sua casa che ne impedisce l’ingresso. Il suo bambino è lì, tutto felice di accogliere il suo Papà ma il sacco è in mezzo ed è ben più grande del bambino… Il papà dice al bambino: “Sposta il sacco perché possiamo aprire completamente la porta!” Il bambino prova a spostare il sacco, ma non ci riesce. “Non ci riesco, papà, è troppo pesante!”. “Sì, ce la fai, gli risponde il padre, dai, sposta il sacco!”.
 Il bambino ci riprova, ma non riesce a spostare il sacco neppure di un millimetro. “Non ce la faccio, Papà!” si lamenta di nuovo. “Sì, ce la puoi fare!” insiste il padre. Il bambino tenta un ultimo sforzo, si appoggia con tutto il suo peso per tentare di spostare il sacco, inutilmente! “Papà, ho provato con tutte le mie forze, ho veramente fatto tutto il possibile, ma il sacco è troppo pesante per me!” “No, mio caro, non hai fatto tutto il possibile!”.
 Il bambino guarda suo padre sconcertato. “Non hai fatto tutto il possibile, spiega il padre, tu non mi hai chiesto di aiutarti!” Allora il bambino capisce! E’ passato accanto alle sue vere  potenzialità, e non ha pensato che avere un padre significa moltiplicare le sue capacità. Avere un padre permette di superarsi e di non contare solo sui propri limiti. Avere un padre fa volare!
 Questa parabola cade a proposito al giorno d’oggi, perché adesso l’uomo vuole uscirne da solo e non chiede soccorso a Dio. 
Lavora con tutte le sue forze ed investe tutte le sue capacità naturali per costruire un mondo che gli sembra desiderabile, e si accorge con angoscia che la felicità gli sfugge e che questo mondo va alla deriva. 
La montagna dei suoi problemi è più grande di lui e non ce la fa a superarli. Ma il Padre celeste è lì, ed attende che suo figlio si rivolga a Lui invece di ignorarLo, o peggio, di gettarLo fuori dalle sue frontiere! “Voi lavorate tanto, ci dice la Madonna, ma senza la benedizione di Dio!” 
Perché vivere al disotto dei nostri mezzi e non approfittare  delle grandi ricchezze che Dio ci offre? Siamo fatti per l’infinito e  portiamo in noi la profonda nostalgia di questi spazi infiniti! E’ venuta l’ora di accogliere l’amore infinito dell’infinito Padre Celeste,

2 commenti:

  1. Una meditazione meravigliosa. Mi ha sorpreso. Grazie.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Grazie per averla letta, Angela! Questa "parabola" mi ricollega a "Le frittelle del Papa" da te scritta: entrambe insegnano molto!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi