AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 26 settembre 2016

Tutti i fiori sono belli - Santa Teresa del Bambino Gesù (Dottore della Chiesa)

Nella ricorrenza della Festa di Santa di Santa Teresina, che cade il primo ottobre, ho scritto (meglio dire, l'ha scritto lei!) questo articolo per  il bollettino parrocchiale Insieme, pensando a quanto avrebbe potuto essere educativo per i bambini, ma certamente anche indicato agli adulti.  Di Teresa di Lisieux si conosce, a brevi linee, la sua altrettanto breve vita, ma pochi, immagino, hanno letto le sue opere. Ecco dunque uno stralcio che ritengo interessante.

TUTTI I FIORI SONO BELLI         
Santa Teresa del Bambino Gesù 
(Dottore della Chiesa)

Mi stavo chiedendo di cosa trattare riguardo alla Santa Patrona della nostra Parrocchia che non fosse già risaputo, soprattutto che potesse suscitare interesse nei nostri bambini. Pensavo anche alla pioggia di petali di rose, che rappresentano quel suo desiderio espresso in punto di morte: "Passerò il mio Cielo a fare del bene sulla terra. Farò scendere una pioggia di rose", Così isolato, questo pensiero di Teresina, ci porterebbe a credere che Teresa amasse solo quel fiore. Non è così, direi anzi che lei amava soprattutto gli umili fiori di campo.  Perché quindi usare parole mie, se lei stessa ne ha saputo dire così bene? Ascoltiamola.
Danila Oppio ocds

"Mi sono chiesta a lungo perché il Buon Dio facesse delle preferenze, perché tutte le anime non ricevessero un uguale grado di grazie; mi stupivo vedendolo elargire favori straordinari ai Santi che l'avevano offeso, come San Paolo e Sant'Agostino e che Egli costringeva, per così dire, a ricevere le sue grazie; o leggendo la vita dei Santi che Nostro Signore si è compiaciuto di coccolare dalla culla alla tomba, senza lasciare sul loro cammino alcun ostacolo che impedisse loro di elevarsi verso di Lui, e prevenendo queste anime con favori tali che non potevano fare a meno di conservare immacolato lo splendore della loro veste battesimale. Mi domandavo perché i poveri selvaggi, per esempio, morivano così numerosi prima di aver solo sentito pronunciare il nome di Dio... Gesù si è degnato di istruirmi su questo mistero, ha messo davanti ai miei occhi il libro della natura, e ho capito che tutti i fiori che ha creato sono belli, che lo splendore della rosa e il candore del Giglio non cancellano il profumo della piccola violetta o la semplicità incantevole della margheritina...
      

Ho capito che se tutti i fiorellini volessero essere delle rose, la natura perderebbe il suo manto primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di fiorellini...Così accade nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù. Egli ha voluto creare i grandi Santi che possono essere paragonati al Giglio e alle rose, ma ne ha creati anche di piccoli, e questi devono accontentarsi di essere delle pratoline e delle violette, destinate a rallegrare lo sguardo del Buon Dio quando lo abbassa ai suoi piedi; la perfezione consiste nel fare la Sua volontà, nell'essere quello che Lui vuole...Ho capito anche che l'amore di Nostro Signore si rivela tanto all'anima più semplice, che non oppone alcuna resistenza alla sua grazia, quanto all'anima più sublime;
infatti, dato che il gesto più proprio dell'amore è di abbassarsi, se tutte le anime assomigliassero a quelle dei Santi dottori che hanno illuminato la Chiesa con lo splendore della loro dottrina, il Buon Dio non scenderebbe abbastanza in basso giungendo fino al loro cuore; ma Egli ha creato il bambino che non sa niente e fa sentire solo deboli grida, ha creato il povero selvaggio che è guidato solo dalla legge naturale ed è fino al loro cuore che Egli si degna di abbassarsi, sono proprio questi suoi fiori di campo la cui semplicità lo rapisce...Discendendo in questo mondo il Buon Dio mostra la sua grandezza infinita. Come il sole rischiara sia i cedri sia ogni fiorellino, come se esso fosse l'unico sulla terra, così Nostro Signore si occupa in modo particolare di ogni anima come se essa non avesse uguali; e come in natura tutte le stagioni sono regolate in modo da far sbocciare nel giorno stabilito, sbocciare, anche la più umile margheritina, allo stesso modo tutto concorre al bene di ogni anima

Tratto da: "Storia di un'anima", di Santa Teresa di Lisieux . Scritto autobiografico A diretto a madre Agnese di Gesù (sua sorella Paolina)

Per festeggiare Teresina,  aggiungo qualche  floreale scatto fotografico di Padre Nicola Galeno OCD.







Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi