AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 2 luglio 2012

UN ANGELO A MILANO


A Milano esiste un angelo (invisibile)

Salda i debiti, aiuta i malati, paga gli affitti. Un uomo dall'identità nascosta, gira per il capoluogo lombardo alla ricerca di persone da aiutare: «Conosco tanti manager che lo potrebbero fare»

Nella città della «fabrichéta», dell'aperitivo e del papi col Suv, c'è molto di più. Sbaglia chi dice che Milano è solo il capoluogo economico d'Italia, dove «i vicini non sanno nemmeno come mi chiamo». Una storia, quella di un «angelo del bene» senza nome, ci ricorda che al di là dei famosi luoghi comuni, nelle grandi metropoli esistono anche persone di grande umanità, che fanno della comunità una famiglia.

L'angelo invisibile di Milano salda i debiti, paga gli affitti, paga il bollo della macchina a perfetti sconosciuti che ne hanno bisogno. Ha aiutato Noemi, una pensionata finita nel girone di poveri che vive nelle case popolari di Via Molise e aveva bisogno di un frigorifero nuovo. Salvatore, invece, si era indebitato per far studiare i suoi figli, e il benefattore senza nome è arrivato in suo aiuto. E ancora: il piccolo Mohamed, con una rara malattia genetica, ora può tornare in Tunisia, Anna e Virginia, senza  pensione, né posto di lavoro hanno saldato i loro debiti grazie a lui.

«Ho lavorato nelle grandi banche, e so che ci sono centinaia di manager milionari che potrebbero fare quello che faccio io», dice l'uomo al Corriere della Sera. Il suo nome, ha ragione, non conta. Il suo esempio sì, però. «Perché l'anomalia non sono io. E' chi volta le spalle a chi è stato sconfitto dalla vita», conclude l'uomo che ai suoi figli insegna: «Chi ha deve aiutare chi non ha».
Magari ce ne fossero più di uno, di angeli così!!! Elargire denaro o aiuti d'altro genere è un'azione che diventa sempre più rara. Io non conosco questo "angelo", e grazie a Dio, non ho, almeno per ora, bisogno di aiuti, ma voglio ringraziare personalmente questa generosa persona,  per quello che fa per i nostri fratelli meno fortunati! GRAZIE, LEI DAVVERO E' UN ANGELO, ANCHE SE NON HA LE ALI!

2 commenti:

  1. Sono davvero commosso da quest'esempio di amore vero.
    Grazie Danila per averlo postato.

    RispondiElimina
  2. Era una notizia che ho preso da Vanity Fair, che di solito non tratta di questi argomenti! Ma dopo tante notizie pessime, le solite che tutti i giornali amano riportare, finalmente qualcosa di veramente positivo! Ci sono ancora anime belle e generose, che sanno aiutare la gente, e senza farsi pubblicità. Semplicemente stupendo! Grazie don Maurizio, per il tuo commento! Buona estate!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi