AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 16 luglio 2012


Segunda gotita de humor del dia:

Un hombre fue llevado de emergencia a un hospital administrado por monjas, donde lo operaron del corazón. 
Después de la operación, el hombre despertó y una monjita estaba a su lado.
"Señor Pérez, la operación fue un éxito. Sin embargo, necesitamos saber cómo piensa pagar la cuenta  del hospital. ¿Tiene usted seguro para gastos médicos?
"No."
"¿Puede pagar en efectivo?"
"Me temo que no, hermana."
"Entonces, ¿tiene usted parientes cercanos?"
"Sólo mi hermana, pero es una monja solterona sin un centavo".
"Disculpe que lo corrija...., las monjas no son solteronas; ellas están casadas con Dios."
"¡Magnífico!!!! Por favor envíele la cuenta a mi cuñado…
Y así nació el famoso “Que Dios te lo pague…”





Un uomo fu portato d'urgenza presso un ospedale gestito dalle monache, dove lo operarono al cuore.


Dopo l'operazione, l'uomo si svegliò e una monaca era accanto a lui.

"Signor Perez, l'operazione è stata eseguita con successo.  Però, abbiamo bisogno di sapere come pensa di pagare il conto dell'ospedale. Ha una assicurazione medica?


No


Può pagare in contanti?


Temo di no, sorella


Allora, ha qualche parente vicino?


Solo mia sorella, però è una monaca zitella e senza un centesimo

Mi scusi se la correggo, le monache non sono zitelle, sono sposate con Dio
Magnifico! Per favore invii il conto a mio cognato..
Da lì nacque il detto "Che Dio ti paghi!"

2 commenti:

  1. Ma io so, nel mio piccolo, che quel Dio non ha mai pagato nessuno e mi sembra opportuno e giusto questo pensiero di Danila.
    Ma la vita, compresa la morte, è fatta soltanto di soldi?
    Gavino

    RispondiElimina
  2. Purtroppo si, ormai l'uomo ha dato un prezzo ad ogni cosa, e non conosce più la gratuità del donare!
    Dio ti paghi ha il significato di "Dio ti ricompensi" e Dio, a chi chiede e bussa, non ha mai detto di no, se la richiesta è aderente alle vere necessità dell'uomo. Ma c'è una condizione indiscutibile: occorre chiedere con vera fede, sicuri che Dio è l'Onnipotente!
    Grazie per il commento! Ciao!

    RispondiElimina

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi