AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

domenica 17 settembre 2017

Festa Patronale di S. Teresa del Bambino Gesù . Legnano

Il primo ottobre la Parrocchia di Santa Teresa del Bambino Gesù  festeggia la Festa Patronale e, di conseguenza, Santa Teresina.
E' appena uscito il Bollettino Parrocchiale, dove si potrà leggere l'articolo del Parroco Padre Renato Rosso, e anche un mio breve scritto.







Questo mio articolo lo riporto, per semplificare la lettura.


Qualcosa di nuovo su Santa Teresa del Bambino Gesù
Tutti noi conosciamo, a grandi linee, la storia della nostra Teresina. Ma forse c’è qualcosa che è ancora sconosciuta.
Teresa non usò mai l’espressione “infanzia spirituale” a proposito della sua “via”; questa fu inserita nei suoi scritti da Madre Agnese di Gesù, nel 1907, mentre stava curando una nuova edizione dell’autobiografia. Né mai Teresa a questo proposito fece riferimento alle parole del Vangelo di Matteo, “se non diventerete come bambini”. Nonostante ci sia una semplicità infantile nella sua decisione di diventare santa e una candida determinazione nell’adoperarsi per questo, bisogna essere precisi sul significato dei riferimenti fatti dalla Santa a qualità infantili o dell’uso del termine “piccolo” a proposito della sua spiritualità. Il suo scopo era di evitare ogni sentimento di orgoglio, che facilmente s’insinua nella mente di chi aspira a Dio. Non poteva esserci nulla d’infantile in una spiritualità nutritasi della Scrittura, e dell’Imitazione di Cristo. Così come degli scritti di S. Giovanni della Croce e di S. Teresa d’Avila, e di altre letture spirituali di cui nutriva la sua anima.
Tenuto conto che morì in giovane età, Teresa ha lasciato una notevole quantità di scritti, tra i quali la famosa autobiografia Storia di un’anima, scritta per ubbidienza - e parte di essa solo negli ultimi due mesi di vita. Inoltre più di 200 lettere, 62 poesie, preghiere, componimenti che dovevano essere rappresentanti in monastero, e una raccolta di Ultime parole.
Numerosissimi sono i ritratti e le statue che la raffigurano, ma tutta la sua immagine ha risentito enormemente di un’idea levigata di santità e di sentimento: era minuta, con capelli biondi e occhi grigio-azzurri, ma le fotografie, più fedeli al suo vero carattere, mostrano un viso molto più deciso di quello offerto da riproduzioni, ritoccate e solitamente insipide. Esiste una bella opera di bronzo, nella cattedrale di Westminster, che la mostra nell’atteggiamento singolare di protendersi in avanti come se piena di gioia avesse fretta di incontrare il Signore.
E’ invocata come protettrice di missionari e missionarie.
Lieta se questo mio breve articolo abbia saputo offrire una nuova visione di Santa Teresina, auguro a tutti una serena spirituale Festa Patronale, all’insegna di questa non certo piccola, ma grandissima Santa Carmelitana.
Danila Oppio ocds

Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi