AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

giovedì 21 gennaio 2016

Ricordando il Cardinale Anastasio Ballestrero - Carmelitano scalzo

SPUNTI  DI  PENSIERI 

12-8-98:  RIPENSANDO AL CARDINAL ANASTASIO ALBERTO BALLESTRERO

   Ieri m’è giunta dal caro Monastero di Moncalieri (TO) una cronaca dettagliata degli ultimi giorni terreni del caro Cardinal Ballestrero, scomparso il 21 giugno scorso a Bocca di Magra (SP) dove si era ritirato al momento di lasciare la sede metropolitana di Torino. Per noi suoi confratelli era più familiare chiamarlo semplicemente “Padre Anastasio”.
  
Nel novembre dello scorso anno andai appositamente a trovarlo, anche perché mi aveva mandato le condoglianze in occasione della morte del Babbo. Papà era fiero di avere commissionato per lui delle particolari scarpe ortopediche!
  
Il Cardinale ricordava ancora questa “barba”. Mi meravigliò soprattutto la lucidità dei suoi ricordi nipponici (da Superiore Generale infatti aveva visitato sia la Missione che i Monasteri delle Consorelle ).
  
Il momento per me più commovente fu quando m’inginocchiai per ricevere la sua Benedizione e dovetti invece dargli prima la…mia!
  
La cronaca delle Consorelle di Moncalieri contiene notizie di prima mano, in quanto registrate dalla viva voce di P. Giuseppe e Suor Antonina, che gli furono praticamente sempre a fianco sin da quando era diventato arcivescovo di Bari.
  
Il Cardinale amava molto tornare a respirare l’aria carmelitana dei nostri Conventi e Monasteri! Quando il 23 giugno scorso seppi per caso della sua scomparsa, avendo dovuto telefonare a mia sorella per una faccenda, mi aggrappai subito al telefono per avvisare quasi tutto il Giappone carmelitano…Ora nel meditare il racconto del suo tramonto terreno ho tentato di captare alcune voci che tentavano di farsi strada…
  
Mi ha colpito il fatto che il Cardinale sia stato chiamato alla “Casa paterna” proprio nell’anniversario della sua Prima Comunione…
   
21 GIUGNO 1998             3910

Prima Comunione sulla terra
quando il cor festante bacia il Cristo…
La fragranza resta dell’incontro!

*
Prima Comunione su nel Cielo
quando il Cristo stesso dona il bacio
che sigilla l’alma per l’eterno! 

(Fukuoka 12-8-98)

*
   Il segretario Padre Giuseppe si era accorto che, quando per l’aggravarsi della malattia il Cardinale era molto agitato, bastava dargli un bacio sulla fronte o tenergli a lungo stretta la mano perché lentamente tornasse la calma…

Come non pensare a quanto sicuramente gli avrà fatto tante volte la Mamma negli anni dell’infanzia?

TORNARE      3911

Dell’infanzia tornano
i ricordi amati…
Mai potrò scordare
della Mamma il bacio
sempre vellutato
sulla fronte stanca:
era la chiusura
della mia giornata!
Subito scendevan
a cullarmi i sogni…

Quando per la febbre
pace non mi davo,
solo della Mamma
tenera la mano
tanta sicurezza
al mio cor donava!

Ora sul tramonto
del mortal cammino
come per incanto
tutto rifiorisce!
Il fraterno bacio
sulla fronte lascia
un sapor antico…

Nelle lunghe veglie
la fraterna mano,
che tepor mi dona!

Sei tornata, Mamma!
Tu non scordi mai
pur dal Cielo i figli.
Prendi le sembianze
di chi veglia sempre
con paziente Amore
questo vecchio stanco
dei terreni giorni…

Tendimi la mano,
Mamma, e ritorniamo
questa volta insieme
alla patria eterna! 

(Fukuoka 12-8-98)

*
  
Suor Antonina stava pensando che, date le frequenti chiamate notturne, forse sarebbe stato meglio un ricovero in clinica od ospedale, certo meglio attrezzati rispetto ad una casa privata. Naturalmente aveva voluto prima interpellare l’interessato…

IN CLINICA   3912

Sono all’antica e voglio
chiudere questi giorni
soltanto a casa mia!

Suora, perché mi chiedi
se preferisco andare
in clinica a curarmi?

Ti voglio contentare:
Ma sì, portate pure
in clinica il vegliardo…


“Ci dica almeno quale!”-
incredula domanda
Suor Antonina. E rido…

Ancor non ha capito.
la clinica che voglio
è questa: casa mia! 

(Fukuoka 12-8-98)

*

   In quello che può essere considerato come una specie di testamento spirituale, rilasciato durante una registrazione del 29 maggio scorso ad un confratello carmelitano, traspare tutto il suo immenso amore per l’Ordine…

TESTAMENTO        3913

E’ bello sul finire
di questo lungo viaggio
guardar al mio Carmelo
che sempre mi fu casa
amata dove l’alma
Tutto poté trovar!
Carmelo, fosti un dono
divino e questo cuore
riconoscente lode
per sempre canterà! 

( Fukuoka 12-8-98 )
         
*
  
Noi qui in Missione le cose italiane veniamo sempre a saperle con molto ritardo, a meno che qualche anima buona si attacchi al telefono o prenda la penna in mano…E così avvenne anche per l’ottantesimo compleanno del Cardinale: l’appresi dall’immaginetta, che una cortese consorella di clausura si premurò di inviarmi. Volli pertanto mandargli gli auguri, anche se in ritardo, dedicandogli una poesia composta l’anno precedente. Trattandosi di un confratello carmelitano, scelsi una poesia su San Giovanni della Croce. Non seppi mai però se la mia lettera gli fosse effettivamente giunta, o perché sepolta dalla valanga di auguri o perché rimasta in qualche magazzino postale…
  
A quattro anni di distanza, confrontando questa poesia con la cronaca delle Consorelle di Moncalieri, mi sembra d’avere senza alcuna cognizione di causa fotografato gli ultimi giorni di vita del Cardinale: quel suo quasi continuo essere assorto, rotto soltanto da qualche parola… Chi guarda il Cristo, ha già detto tutto!

IL CRISTO DI GIOVANNI DELLA CROCE      191

(Per gli 80 anni del Card. Anastasio Ballestrero )

Nulla so dirti, dolce Redentore,
che pendi a me dinanzi...La tua Croce
sembra volermi addosso rovinare...
E sento quel tuo Sangue gocciolare
e scioglier la durezza d'ogni cuore...
T'accolgan le mie braccia come quelle
materne di Colei, che al suo tepore
le membra tumefatte ricompose...
E non la fredda roccia, ma il mio cuore
sia il sepolcro amato, ove quel Seme
germogli e poi risorga sfolgorante! 

(Uji 12-11-93)

*
                        P. Nicola della Madonna del Carmine,
                        Missionario carmelitano in Giappone

 NB: Il numero a fianco di ogni poesia denota l’ordine cronologico di composizione.
-------------------------------------------------------------------------------------
P. Nicola,
3 Kaminoharu, Imajuku, Nishi-ku, 
819-0163 Fukuoka,  Japan, Air Mail


Nessun commento:

Posta un commento

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi