AFORISMA

Meglio aggiungere vita ai giorni, che non giorni alla vita
(Rita Levi Montalcini)

EDIZIONI PER VOI

Edizioni per voi: da leggere direttamente.
Alla destra della home-page, potrete sfogliare:
IL PAESE DI FANTASIA, fiaba in versione digitale (E-book)
e le sillogi poetiche:
DANZANDO IN PUNTA DI PENNA (tra versi poetici)
ILLUSIONI
PATCHWORD (ritagli di strofe)
Basta cliccare sulla copertina, e si aprirà il libro digitale
Buona lettura!
Oltre a questi e-book, l'autrice Danila Oppio ha pubblicato altri libri, la cui copertina è visibile sempre alla destra della home-page.

Avviso:
la grafica è stata modificata, poiché la precedente era obsoleta, ma il blog e l'amministratore restano gli stessi!

Nostra Signora del Carmelo

Nostra Signora del Carmelo
colei che ci ha donato lo scapolare

lunedì 26 dicembre 2016

In memoria di P. Vincenzo Prandoni (1931 - 2016)


DUE NATALI: 1976 E 2016

Cari ex parrocchiani di Bologna, Milano e Parma,
                                           il “nostro Vincenzone” ci ha lasciati in punta di piedi proprio il giorno di Natale nella sua Legnano: ancora dieci giorni ed avrebbe compiuto 86 anni! Sono andato a ripescare la lettera natalizia del 1976 alle sue pecorelle bolognesi. Certo non avrebbe mai pensato che a quarant’anni di distanza avrebbe finito il suo inchiostro terreno per cominciare ad usare solo quello del... Cielo!
                                                      P. Nicola Galeno (Napoli 26-12-2016)                                           
............................
Cari Parrocchiani,
quasi senza accorgermene siamo arrivati a Natale, un Natale che vorremmo sempre nuovo e sempre bello e che purtroppo non riusciamo a realizzare insieme a Cristo. Forse soltanto per i piccoli, perché ancora riescono a sognare e la cattiveria dell'uomo non sanno capire. Anche noi durante la guerra sognavamo il Natale nonostante il freddo, la fame e gli orrori dei bombardamenti.
La pace dobbiamo trovarla dentro di noi e comunicarla agli altri, incominciamo dalla nostra piccola porzione di mondo che è la nostra parrocchia per conoscescerci meglio e per volerci più bene.
«Senza di me non potete far niente». Senza Cristo non c'è gioia né pace.
Dopo l'Epifania ritornerò nelle vostre famiglie per la benedizione. Se per alcuni la fede non è ancora stata raggiunta, possiamo sempre fare una cordiale chiacchierata e scambiarci con simpatia i nostril punti di vista.
Vorrei però che la seconda volta fosse un appuntamento per incontrarci altre volte durante l'anno; altrimenti come la pianta conta i suoi anni dai giri che ha, così non vorrei che alcuni parrocchiani contassero gli anni della loro vita dalle benedizioni ricevute.
A Natale vi aspetto tutti. Lo so che verrete e intanto vogliate ricevere i miei migliori auguri.

Il vostro
P. Vincenzo Prandoni

...............................................

Didascalie delle foto successive:
1)    Primi anni ’70 a Tokyo da Provinciale: P. Lucio, P. Vincenzo, P. Bernardo e futuro Cardinal Shirayanagi;
2)    Bologna 1976: primo onomastico del Parroco col regalo della bicicletta;
3)    Legnano 2002: P. Nicola e P. Vincenzo ospedalizzato;
4)    Legnano 2002: P. Vincenzo con le sorelle Emilia e Giovanna;
5)    Foto rielaborata di P. Vincenzo










domenica 25 dicembre 2016

Il Carmelo Lombardo in lutto per la dipartita di P. Vincenzo Prandoni












Mentre nasce il Bambino Gesù, Padre Vincenzo Prandoni nasce alla Vita eterna. Ce lo comunica Fra Federico.

Carissimi e Carissimi,

nel giorno della nascita del Salvatore, oggi pomeriggio p. Vincenzo Prandoni è stato chiamato alla gloria e pace celeste. Era ricoverato d'urgenza da ieri sera in Ospedale a Legnano.

Il funerale si svolgerà probabilmente martedì 27 dicembre a Legnano.
Saremo più precisi quando avremo per certo la data e l'orario del funerale.

In unione di preghiera e di suffragio per il nostro Vincenzo.

Fraternamente

fr. Federico


giovedì 22 dicembre 2016

Quanno nascette Ninno - completo con testo

QUANNO NASCETTE NINNO di Alfonso Maria De' Liguori

Quanno nascette Ninno

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott’e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett’a chiammà li Magge all’Uriente.
De pressa se scetajeno l’aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe ‘nsí agrille – co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc’à criato.
Co tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sott’a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.
A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva -sì Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce a vocca, e po ‘mbriache o core.
No ‘nc’erano nnemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co’ o caprette – se vedette
O liupardo pazzeà;
L’urzo e o vitiello
E co’ lo lupo ‘npace o pecoriello.
Se rrevotaje nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘Npiett’o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.
Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n’Angelo sbrannente cchiù d’o sole
Comparette – e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.
A buie è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l’aspettato Sarvatore.
Dint’i panni o trovarrite,
Nu potite – maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.
A meliune l’Angiule calate
Co chiste se mettetten’a cantare:
Gloria a Dio, pace’n terra,
Nu cchiù guerra – è nato già
Lo Rre d’amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.
Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l’uno ‘nfaccia all’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolí
Pe lo golfo
Che tengo de vedé sso Ninno Dio.
Zombanno, comm’a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.
Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint’o core
Cacciajeno a migliara atte d’amore.
Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L’azzettaje – comm’a ddí,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘n capo e li benedicette.
Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasille – mprimmo, e po
Chelle Manelle,
All’urtemo lo Musso e i Mascarielle.
Po assieme se mettetteno a sonare
E a cantà cu l’Angiule e Maria,
Co na voce – ccossí doce,
Che Gesù facette: ah aah…
E po chiudette
Chill’uocchie aggraziate e s’addormette.
La ninna che cantajeno mme pare
Ch’avette a esse chesta che mò dico.
Ma nfrattanto – o la canto,
Mmacenateve de stà
Co li Pasture
Vecíno a Ninno bello vuje pure.
“Viene suonno da lo Cielo,
Vien’e adduorme sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e non tardà.
Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,
Doce, doce pe te fare
Ss’uocchie bell’addormentà.
Ma si Tu p’esser’amato
Te si fatto Bammeniello,
Sulo amore è o sonnariello
Che dormire te po fa.
Ment’è chesto può fa nonna,
Pe Te st’arma è arza e bona.
T’amo, t’a… Uh sta canzona
Già t’ha fatto addobeà!
T’amo Dio – Bello mio,
T’amo Gíoja, t’amo, t’a…
Cantanno po e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buò ca cchiù arrecietto
Non trovajeno int’a lu pietto:
A o caro Bene
Facevan’ ogni poco ò va e biene.
Lo ‘nfierno sulamente e i peccature
Ncocciuse comm’a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura – vonno stà
Li spurtegliune,
Fujenno da lo sole li briccune.
Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
Voglio amare – voglio stà
Co Ninno bello
Comme nce sta lo voje e l’aseniello.
Nennillo mio, Tu si sole d’amore,
Faje luce e scarfe pure o peccatore
Quanno è tutto – niro e brutto
Comm’a pece, tanno cchiù
Lo tiene mente,
E o faje arreventà bello e sbrannente.
Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste,
Acciò chiíagnesse pure o peccatore.
Agg o tuorto – haje fosse muorto
N’ora primmo de peccà!
Tu m’aje amato,
E io pe paga t’aggio maltrattato!
A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avrite a fa de lagreme chiagnenno
Pe llavare – pe’ scarfare
Li pedilli di Giesù;
Chi sa pracato
Decesse: via, ca t’aggio perdonato.
Viato me si agqio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria – Speranza mia,
Ment’io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.
ALFONSO MARIA DE’ LIGUORI 

lunedì 19 dicembre 2016

IL SILENZIO

L'ANGOLINO :
1 - Parliamo tanto , parliamo troppo , viviamo fuori di noi !
2 - Ascoltiamo troppe voci umane : Televisione , cuffie alle orecchie per telefonini , musiche e canti spesso ad alta voce !...
3 - Siamo avidi di amicizie, incontriamo e parliamo con tante persone .
4 - Forse bisognerebbe incontrare di più e aver più tempo per  " DUE " Persone DIO e NOI STESSI .
5 - A pensarci bene, DIO e Noi stessi si incontrano nel Silenzio !!!.... Non parlando , ma ascoltando .
      Facessimo più fatti che parole ! Quanto c'è bisogno di ritrovare tutti un poco di silenzio !......... Approfittiamo di Questo Natale !
      Saremo Tutti più riflessivi e più prudenti , diremo meno sciocchezze e faremo soffrire meno gente .
                                             Padre Mattia - Trinitario
                                               



I silenzi nella vita di Gesù… e nella mia
Tante volte Dio 
arriva così nella mia vita, 
in silenzio



Mi piace guardare il presepe in silenzio. Guardare Giuseppe chinato per osservare il suo bambino appena nato. Mi piace quel gesto tenero e forte davanti a quel bambino. 
Giuseppe si è preso cura di Maria durante tutto il percorso. Forse si è sentito sopraffatto al momento del parto.
Avrà sofferto pensando che non avrebbero avuto un alloggio degno, e poi avrà provato a rendere degno quel luogo che avevano trovato. 


E alla fine avrà tremato pieno di paura accarezzando quel Dio bambino tra le sue povere mani. E sarà rimasto in silenzio.
Mi piace pensare all’amore di Maria quella notte toccando il suo piccolo appena nato. Quell’amore di madre tanto umanoQuell’amore di madre tanto divino


Il suo amore mi fa credere che l’amore umano possa assomigliare in qualcosa a quello di Dio.
Se una madre ama tanto il figlio, quanto ci amerà Dio! Il suo amore è immenso. L’amore di Maria per Gesù. L’amore di Giuseppe per Maria. Quell’amore silenzioso di Madre che oggi offre a me. In questa notte, in questo Natale. Perché non dimentichi. Perché sappia che mi ha sognato, e mi porta dentro di sé.
Penso che mi piacerebbe essere sempre quel bambino tra le mani di Maria. Lasciarmi curare da Lei, accarezzare la sua tenerezza. Voglio permettere che il suo amore tocchi la mia vita. 


In silenzio. Quanto mi costa lasciarmi amare da Dio e dagli altri!
Mi emoziona sempre il silenzio nella vita di Gesù. Il Dio onnipotente diventa un bambino che non sa parlare. Penso al silenzio dell’attesa di Giuseppe e Maria in viaggio verso Betlemme. 


Gesù nascosto nel grembo di Maria.
Penso a quella stalla di Betlemme, quanti silenzi tra Giuseppe e Maria! Lo sguardo di Giuseppe verso sua moglie. Il silenzio di Maria perché traboccava tenerezza. Gesù non sa parlare. 


Riceve abbracci. Non sa esprimersi. Quante volte Giuseppe e Maria lo avranno guardato in silenzio come faccio io ora! Lo avranno preso in braccio. Sono momenti custoditi nella loro intimità. In cielo li vedremo.
Il silenzio impressionante della vita nascosta a Nazareth. Dio è sulla terra e nessuno lo sa per anni. È nascosto, vive nella sua famiglia. Tace. 


La sua anima è diventata profonda, in silenzio, nel deserto, in una falegnameria con Giuseppe. Per poi sbocciare e placare la nostra sete.
Anni dopo è stato il silenzio di Gesù nella passione a commuovermi. Non diceva nulla. Non si difendeva. I suoi fatti avvaloravano ciò che era. 


In silenzio, si è lasciato inchiodare, flagellare, coronare di spine. Taceva. Ha taciuto sulla croce come taceva nel presepe.
Mi piace il silenzio di Gesù. Non si lamenta a Betlemme, non si lamenta sulla croce. Diceva Javier Melloni: “Il silenzio non è l’assenza di parole, ma l’assenza di ego”. 


Credo di avere a volte troppo ego.
Gesù si è lasciato amare in silenzio nelle sue prime ore. Ha amato in silenzio nelle sue ultime ore. 


Nella sua vita, la montagna, il lago, il deserto, sono stati per lui luoghi di silenzio, per tornare al suo centro, da suo Padre.
Mi piace soffermarmi oggi davanti al presepe e fare silenzio perché Dio mi parli, per stare con Lui. Guardare il presepe senza dire nulla. 


Fermare i miei passi e perdere il mio tempo che credo sia prezioso per guardarlo nel presepe, per stare semplicemente davanti a Lui, piccolo, taciturno.
Come non ha tremato tutta la terra quando è nato Dio? Come non ha gridato rompendo il silenzio? Pochi l’hanno saputo. È avvenuto di notte, in un luogo perduto. 


Così Dio arriva tante volte nella mia vita. In silenzio. Senza grandi voci. Nascosto nella mia povertà. Nella parte più sacra della mia vita.
San Giovanni della Croce parla di quell’unione con Dio nella solitudine sonora, nella musica silenziosa. 


A Betlemme, Dio ha parlato per sempre all’uomo. Ha parlato attraverso il pianto di un bambino piccolo, e di un uomo e una donna che lo curavano stupiti, grati.
Vorrei trascorrere molte ore guardando il presepe. Guardando. Senza parlare. Senza dire nulla. Come Maria e Giuseppe. Come i pastori. Guardare quel Dio Bambino che tocca la mia vita.


È troppo bella merita di essere condivisa 

LA GRANDEZZA DEL SILENZIO
Il Silenzio è mitezza:
quando non rispondi alle offese
quando non reclami i tuoi diritti
quando lasci a Dio la difesa del tuo onore

Il Silenzio è magnanimità:
quando non riveli le colpe dei fratelli
quando perdoni senza indagare nel passato
quando invece di condannare intercedi

Il Silenzio è pazienza:
quando soffri senza lamentarti
quando non cerchi consolazioni fuori di Dio
quando non intervieni, ma attendi che il seme germogli

Il Silenzio è umiltà:
quando taci per lasciare emergere i fratelli
quando non chiedi plauso e riconoscimenti
quando lasci che il tuo agire possa essere male interpretato
quando dai ad altri il merito e la gloria dell’impresa

Il Silenzio è fede:
quando taci perché è Lui che agisce
quando rinunci alle voci del mondo
per stare alla sua presenza
quando non cerchi comprensione
perché ti basta essere capito e usato da Lui

Il Silenzio è saggezza:
quando ricorderai che dovremo rendere conto di ogni parola inutile
quando ricorderai che il diavolo è sempre in attesa di una tua parola imprudente per nuocere e uccidere

Infine il Silenzio è adorazione:
quando abbracci la Croce, senza chiedere il perché
nell’intima certezza che questa è l’unica Via giusta…


(S. Giovanni della Croce)

BENVENUTO|

Il Paradiso non può attendere: dobbiamo già cercare il nostro Cielo qui sulla terra! Questo blog tratterà di argomenti spirituali e testimonianze, con uno sguardo rivolto al Carmelo ed ai suoi Santi